Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
7 settembre 2011 3 07 /09 /settembre /2011 19:01

Zuppe 5366

 

 

The Ramen Girl è una commedia leggera che contiene però delle sfumature molto profonde.

Il film è stato girato nel 2008 e tratta della storia di una ragazza americana che si reca a Tokyo con il suo ragazzo,e lì si lasciano. Abby decide però di rimanere in Japan grazie ad un incontro particolare: entrando in un Ramen shop conosce lo chef Maezumi e sua moglie  Reiko che sono i proprietari. Il Ramen è un  brodo speciale che i  giapponesi cucinano e la sua preparazione è paritetica  a quella del rito del the.

Maezumi e Reiko non parlano inglese ed Abby non parla giapponese, quindi tra vari misunderstanding, gags e grande volontà Abby riuscirà a trovare la strada per la perfezione giapponese nell'esecuzione del Ramen e benchè non vinca la sfida con un altro giovane cuoco, farà colpo sull'esaminatore- il gran Maestro del Ramen - per l'originalità del suo brodo.

Nonostante la pellicola sia decisamente di carattere holliwoodiano, la ricerca del piatto perfetto colpisce molto, perchè tutti anelano a ciò  ed attraverso un piatto ben preparato si possono comprendere la dedizione, l'altruismo, la generosità e la ricerca di sé,  che ci stanno dietro.

Filosofia a parte, il piatto di oggi è una necessità fisica dopo quasi una settimana di preparazioni asciutte di forno.

Lungi dall'essere un'esecuzione perfetta quale il Ramen, anche perchè per fare ciò occorrono circa sei ore, ed io ne avevo si e no una, la "pastina" di oggi è particolare e posso garantirvi che anche i detrattori più accaniti godranno nel bere un poco di questo brodo.  Mi rendo conto che è ancora presto, la stagione non è così fredda, però val la pena tentare un assaggio.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

200 gr di capelli d'angelo

  70 cc di vino bianco secco

2         zucchine

2         carote

1         cipolla dorata

3         spicchi d'aglio

6         foglie di basilico

10       pomodorini ciliegia

1         dado vegetale oppure sale

4-5     asparagi

200 gr di carne trita

1         uovo

90  gr di parmigiano

2         fette di pane in cassetta

1         goccino di latte

1,5      lt  di acqua

            sale, pepe, olio extravergine d'oliva q.b.

 

 

Procedimento

 

1^ Punto non buttate i gambi degli asparagi, né la parte finale delle carote e delle zucchine. Serviranno per il brodo!

Prepare il brodo come segue:

affettare una cipolla a rondelle, dividere l'aglio a metà e versare il tutto in una pentola a bordi alti nella quale avrete aggiunto un paio di cucchiai di olio extravergine.  Aggiungete inoltre gli avanzi delle carote e delle zucchine, i gambi degli asparagi. Fate soffriggere a fuoco moderato e poi versatevi sopra acqua calda, circa un litro e mezzo.  Salate e pepate a piacere e portate al bollore.   Lasciate cuocere per 15-20 minuti poi aggiungete il vino bianco, che servirà a sistemare il grado di acidità del brodo.  Continuate a far sobbollire il brodo. Assaggiatelo e regolatelo secondo il Vs. palato.  Scolatelo usando un colabrodo, buttate le verdure e rimettete il brodo in pentola, lasciandolo sobbollire lentamente.

Nel frattempo pulire le zucchine e le carote.

Tagliatele a spaghetti con l'ausilio di uno di quei taglierini "da fiera" che vi permettono di fare i riccioli.

In mancanza dell'arnese, tagliate le verdure a julienne fine fine.

In una padella antiaderente, scaldate un paio di cucchiai di olio, l'aglio ed una foglia di basilico. Non appena rosola, versatevi le verdure e fate insaporire, cuocete veramente 2 minuti, salate, saltatale in padella e toglietele dal fuoco, versandole in un  piatto di servizio.

 

Lavate i pomodorini e pulite gli asparagi.

Tagliate i pomodori in 4 spicchi e gli asparagi in tocchetti. In una padella antiaderente scaldare l'olio e l'aglio, aggiungere i pomodori e gli asparagi, fate rosolare per 5 minuti, salare e pepare. Togliete dal fuoco e versateli in un piatto di servizio.

 

Preparate le polpettine passando al mixer la carne trita, il pane ammorbidito, il sale, il parmigiano, l'uovo.

Scaldate in una padella antiaderente olio extravergine d'oliva ed aglio. Non appena rosola, aggiungete le polpettine e fatele cuocere a fuoco moderato.

Non appena cotte scolatele e tenetele in caldo.

 

Riprendere il brodo, portarlo al bollore e cuocere i capelli d'angelo per 3 minuti.  Prima di scolarli aggiungere i fili di carote e di zucchine.

 

Comporre il piatto versando la pasta e le verdurine. Aggiungere un paio di mestoli di brodo e decorare con i pomodorini, gli asparagi e le polpettine.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Zuppe e minestre
scrivi un commento
6 settembre 2011 2 06 /09 /settembre /2011 20:00

 

 

Pane-pizze-focacce 5358

 

Settimana da fornaia.  Il forno continua a chiamare ed a richiedere cibo da cuocere, è lui che comanda in questi giorni e la fa da padrone.

Oggi ha deciso di sfornare focaccine di zucchine e loro fiori.  La consistenza è del tutto diversa dalla classica focaccia. Sono molto più soffici ed inoltre hanno pochissimo lievito anche se chimico, solo una punta di cucchiaio.

Il sapore di zucchina è preponderante e naturalmente i relativi fiori aggiunti all'ultimo momento all'impasto conferiscono allo stesso il tipico sapore.

Si possono mangiare così "nature" oppure accompagnate da formaggi spalmabili, ma anche da salumi, a Voi la scelta.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 tortine come foto

 

 

300 gr   di farina 00

100 gr   di fiori di zucca

2            zucchine medio-grandi

1            spicchio d'aglio

1            punta di cucchiaio di lievito chimico per torte salate

150 gr   di grana grattugiato

150-200 cc di acqua tiepida (dipende sempre dall'assorbimento della vostra farina)

3             cucchiai di olio extravergine d'oliva

               sale e pepe

5             foglie di  basilico

 

Procedimento

 

Pulire i fiori di zucca elimando picciolo e stami e tagliarli a listelli.

Lavare le zucchine, passarle al mixer con il basilico rendendole un trito omogeneo. 

In una padella antiaderente versare l'olio, l'aglio ed una foglia di basilico. Far rosolare, aggiungere le zucchine, lasciar insaporire, salare, pepare ed aggiungere un pochino di acqua per evitare che si brucino, portare a cottura media.

Tenetene da parte 1 paio di cucchiai, il resto è da utilizzare in toto per l'impasto.

 

 

 

Pane-pizze-focacce 5359

 

  

 

Versare la farina, il formaggio, le zucchine, il sale, il pepe, l'olio ed il lievito in una bacinella.  Aggiungere a filo l'acqua tiepida e mescolare fino a formare un impasto liscio e piuttosto morbido, da cucchiaio.

Preparare 4 stampini, imburrati ed infarinati, versare un paio di cucchiaiate abbondanti per ogni stampino, ricoprirli con un cucchiaino di zucchine ed un filo d'olio.

Infornare in forno caldo a 220° per 15-20 minuti circa e comunque non appena vedrete la superficie dorata e consistente.

 

ENJOY !

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pane-pizze-focacce
scrivi un commento
5 settembre 2011 1 05 /09 /settembre /2011 18:51

 

Torte-salate 5347 

Lo confesso amo cucinare molto di più pietanze al forno, che siano dolci o salate, e poi i primi piatti, i risotti, insomma mi danno una soddisfazione differente rispetto ai piatti in padella.

Non so perchè, ma il forno è un elettrodomestico del quale non potrei fare a meno per molto; piuttosto sarei disposta ad avere anche quello a legna, ma un forno io lo devo avere.

Detto ciò, oggi presento una tarte Tatin, ma salata.  La classica è fatta con le mele, invece qui è con i pomodorini Pachino.

Apro una parentesi, ho frequentato Pachino in tempi non sospetti, cioè la bellezza di 30 anni fa, quando ancora i pomodorini non erano diventati un prodotto DOC nè di esportazione.

E' stata una  vacanza memorabile, in quanto nello splendido mare siculo, presso l'isola delle correnti, ho potuto ammirare degli scenari naturali fantastici, delfini che nuotavano spessissimo vicino alle barche ed i profumi indimenticabili di  olio,  pomodori e  mandorle.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 tartes

 

300 gr  di pasta brisée per la quale vi occorrono

300 gr  di farina 00

150 gr  di burro

  65 cc di acqua fredda

    1           pizzico di sale

300 gr di pomodorini Pachino

1          cucchiaio di origano

5-6      foglie di basilico

1         spicchio d'aglio

           sale, pepe ed olio extravergine q.b.

 

 

 

Procedimento

 

Eseguire l'impasto della Brisée come per la frolla e cioè, versare in una terrina la farina, aggiungervi il burro a tocchetti ed incominciare a sbriciolarlo fra le mani insieme alla farina, ottenendo così una farina burrata di consistenza simile alla sabbia.  Versare poi l'acqua fredda leggermente salata ed impastare velocemente affinché la pasta non si scaldi.

Lasciare a riposo per 30' minuti

 

Nel frattempo lavare i pomodorini, tagliarli a metà e sistemarli in una padella con la parte tagliata verso il basso. Padella  nella quale avrete messo aglio, olio, basilico. Fateli rosolare per cinque minuti, salate e pepate.

 

Rivestite 4 tegliette singole con carta da forno inumidita in acqua fredda e poi strizzata. Adagiatevi i pomodorini raffreddati, disponendoli come prima.  Cospargeteli di origano e pinoli.

 

Riprendete la pasta brisée e ricavatene dei dischetti di pari diametro della teglia. Rivestite i pomodori ed infornate in forno caldo  a 180° per 20 minuti circa.

 

Lasciare intiepidire e rovesciare le tarte Tatin su piatti da portata.

Servire con insalatina misticanza.

 

ENJOY!

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte salate
scrivi un commento
4 settembre 2011 7 04 /09 /settembre /2011 18:07

Torte-dolci 5332

 

 

Giornata da forno oggi!!!  Un'acqua a dir poco torrenziale, abbiamo avuto il tempo quindi di poter sfornare una tortina dal nome alquanto lungo ma semplice nell'esecuzione.

Ha un cuore morbidissimo grazie al budino di pane aromatizzato al Baileys ed alle pesche ed una crosticina di contenimento di frolla.  Niente male, davvero.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 tartellette

 

300 gr di pasta frolla per la quale occorrono:

300 gr di farina 00

150 gr di zucchero

1           uovo ed 1 tuorlo

170 gr di burro

1          buccia grattugiata di limone

1          bustina di vanillina

 

300 gr di pane bianco

1           cucchiaio di cannella

2           cucchiai di Baileys

2           cucchiai di zucchero

2           cucchiai di briciole di biscotti

250 cc di latte

 

2           pesche gialle

 

 

Pasta frolla 

Procedimento

 

Impastare la farina con lo zucchero, la vanillina, la buccia di limone grattugiata ed il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée").  Aggiungere le uova sbattute e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo.  Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno  30' minuti .

Riprendere la frolla, stenderla abbastanza sottile e rivestire delle teglie monodose, oppure una teglia da 18 cm.

 

In una pentola antiaderente versare il latte con un poco di zucchero, aggiungere il pane fresco e lasciare ammorbidire.

Non appena morbido, scolare il pane e riporlo in una bacinella nella quale aggiungerete lo zucchero restante, la cannella, le briciole di biscotti ed il Baileys.

Frullarlo per bene fino a renderlo un impasto omogeneo.

 

Sbucciare le pesche, ridurle a quadratini. Disporne una parte sulla base della frolla ed irrorare con il budino di pane.

Aggiungere le pesche sopra al budino e mettere in forno a 180° fino a che la frolla non risulti ben dorata, quasi marroncina.  Sfornare e lasciare raffreddare .

 

Spolverare con zucchero a velo.

 

ENJOY !

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
3 settembre 2011 6 03 /09 /settembre /2011 20:08

Piatti-di-pesce 5325

 

 

Oggi è stata una giornata, come dire...  disastrosa sotto il punto di vista culinario.

A pranzo c'era un'afa ed un calore mai sentito, non riuscivo neanche a pensare di dover cucinare qualcosa.  Avrei bevuto solo un goccio di latte e qualche cornflake ed il tutto sarebbe stato addirittura superfluo.  Ma, dato che in me opera anche una vena masochista, cosa ho fatto?  Avevo un paio di naselli in  freezer, naselli interi. Li ho decongelati, aperti, puliti, tolto le lische, le squame, insomma solo per quest'operazione ho impiegato mezz'ora.

Poi ho pensato ed ora come li cucino.  Bene, al forno!  Sono pazza.

Ho tritato mollica di pane, erbe aromatiche per lo più basilico, ma anche salvia, rosmarino e timo. Ho spalmato il tutto sul nasello aperto a mo' di sogliola, ho aggiunto 3 fette di speck per ogni nasello, ho arrotolato il tutto, pepato e salato. Chiuso con lo spago come se fosse un'arrosto, messo in padella a rosolare con aglio, olio, irrorato con vino bianco e passato in forno. Dopo di che sono fuggita dalla cucina, lasciando il pesce ed il forno al loro destino.

Il profumo era buonissimo,  ma il tutto è rimasto nel forno un po' troppo ed il risultato è stato che il sapore c'era eccome, ma il pesce era molto asciutto.

Un nasello ce lo siamo mangiati a pranzo e la foto non è stata fatta proprio per rispetto al nasello che in un'altra occasione sarebbe stato meglio.  Ma l'altro proprio non ce l'abbiamo fatta e quindi rieccolo in versione fritta.

Per un po' , niente pesce, grazie.

 

P.S.  le polpette possono essere eseguite anche partendo dal pesce fresco.

La ricetta in calce non implica il mio disastro sopra descritto!

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per  12 polpette come foto

 

 

500 gr di  filetti di nasello

1           goccino di latte

3           fette di speck

2           fette di pane in cassetta

6           foglie di basilico

5           foglie di salvia

             rosmarino

             semi di sesamo per la panatura

300 gr di pane grattugiato

2          uova

3          cucchiai di farina bianca

1          buccia grattugiata di lime ed anche di limone

1          bottiglia di olio per friggere

 

A discrezione:  nella panatura si possono aggiungere anche 1 cucchiaino di curry

                           nell'impasto invece un pochino di aglio in polvere

 

Procedimento

 

Versare nel mixer il pane ammollato nel latte, lo speck e le erbe odorose.

Non appena ridotto in poltiglia, aggiungere il nasello ben sgocciolato, salare e pepare. Passare nuovamente al mixer riducendo il tutto in poltiglia.

Formare delle palline e tenerle da parte.

Preparare la panatura con pane grattugiato, semi di sesamo e scorze di lime e limone. Volendo si può aggiungere anche un cucchiaino di curry.

Passate le palline prima nella farina, poi nell'uovo sbattuto e salato, poi nel pane, di nuovo nell'uovo e poi nel pane.

Nel frattempo scaldate l'olio per frittura (ho trovato in Francia un olio per friggere che deriva dai semi degli acini d'uva. E' costoso rispetto a quanto c'è sul mercato, ma vi assicuro che non puzza, non brucia come gli altri olii e la frittura è veramente leggera.  L'ho acquistato anche perchè noi non possiamo utilizzare olii di semi di frutta secca o di girasole causa allergie e se doveste trovarlo su qualche scaffale, vale veramente la pena acquistarlo)

Non appena a temperatura versatevi le polpettine, friggetele prima da un lato e  poi dall'altro. Scolatele su carta assorbente e servite ancora calde.

 

La foto indica un altro azzardo della giornata.  Avevo due fette di melone a disposizione. Le ho condite con succo di limone, basilico fresco, sale ed olio. E' un azzardo, ma chi volesse tentare...... poi mi faccia sapere.

 

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
2 settembre 2011 5 02 /09 /settembre /2011 20:10

 

 

BISCOTTI 5286

 

L'avevo detto, come potevo dopo tutti i biscotti che ho visto, dopo tutti i profumi di burro, nocciole, cioccolato che il mio naso ha odorato, come potevo non fare dei dolcetti per il the?

E' Settembre e fa ancora caldo, però il the io lo bevo sempre, è la mia bevanda calda e fredda, categoricamente senza zucchero. Si senza zucchero, perchè quest'ultimo è pienamente contenuto in ciò che normalmente l'accompagna ed in questo caso delle sfogliette alla marmellata di ciliegie e pesche, appena spolverate di zucchero a velo.

Tempo di esecuzione:  velocità della luce, quindi anche se fa caldo, il forno si può accendere perchè il tutto non dura più di 15 minuti.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 12 sfogliette

 

2    rotoli di pasta sfoglia fresca

1    barattolo di marmellata di ciliegie

1    barattolo di marmellata di pesche

1    cucchiaio di zucchero a velo

 

 

Procedimento

 

Riscaldate il forno al massimo 220°.

Preparate delle placche da forno rivestite da carta da forno.

Srotolate la pasta sfoglia e ricavatene dei dischetti con un coppapasta.

Contateli e divideteli in top e base.   Decorate i top facendo una piccola incisione a spicchio, partendo dal centro del disco arrivando all'estremità della circonferenza.

Disponete top e basi (le basi bucherallete) sulle placche e spolverate leggermente con zucchero a velo.

Infornate e lasciate cuocere per 10-12 minuti, fino a quando non vedrete un bel colore dorato e la sfoglia ben gonfia.

Estraetele, fatele raffreddare.  Non appena fredde, farcite le basi con le marmellate che preferite, ricopritele con i top decorati e spolverate ancora ma proprio di un zic la superficie.

Servite con un buon the aromatizzato e...

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Biscotti
scrivi un commento
1 settembre 2011 4 01 /09 /settembre /2011 19:49

 

 

Piatti-di-carne 5284

 

 

1^ Settembre, come non iniziare con l'uva? Impossibile.

Ecco quindi una faraona già famosa come "Guinea fowl" il cui aspetto da viva non è per niente allettante quanto cotta, infatti ha una testa molto strana e con uno sguardo assai aggressivo.

In ogni caso, qui è finita in padella accompagnata da uva fresca e sultanina, ma anche con pinoli ed odori.

La sua carne è saporita e la sua pelle un po' più scura di quella del pollo. Un buon secondo!

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

1            faraona divisa in pezzi

200 cc  di vino bianco

20         chicchi di uva fresca bianca

1           cucchiaio abbondante da the di uva sultanina

1           cucchiaio di pinoli

1           spicchio d'aglio

1           scalogno

1           rametto di odori composto da rosmarino, salvia e timo

1           punta di cucchiaino di fecola di patate

             sale, pepe ed olio extravergine q.b.

 

 

Scaldate il forno al massimo 220°.

In una padella antiaderente che possa andare in forno, scaldate l'olio che aromatizzerete con l'aglio e gli odori di cui sopra. Non appena rosola, disponetevi la faraona dal lato pelle (faraona preventivamente divisa in pezzi e ben pulita da qualsiasi residuo di penne). Salate e pepate il lato superiore e lasciate colorire quello posato sulla base della padella.

Quando la pelle sarà dorata, girate i pezzi (con l'ausilio di due cucchiai per evitare di bucare la carne) sul lato non ancora rosolato e lasciate che tutto si rosoli al meglio.

A questo punto aggiungete l'uva sultanina scolata dalla poca acqua calda che avrete usato per il suo rinvenimento ed anche l'uva bianca fresca ed i pinoli. Lasciate insaporire e poi aggiungete il vino. Fate rapprendere un poco, cinque minuti e poi passate tutta la padella direttamente al forno.

Cuocete per almeno 20 minuti, controllando di tanto in tanto il punto di rosolatura della pelle.

Trascorso questo tempo, estraete la pentola e disponete la faraona su di un piatto di portata. Tenete in caldo.

Togliete anche gli acini d'uva ed i pinoli.  Passate al colino il sugo rimasto.  Riponetelo in padella e fate ridurre un pochino. Nel frattempo mescolate in poca acqua fredda la fecola ed aggiungetela al sugo mescolando energicamente affinché non si formino grumi.

Servite ora la faraona agli ospiti, decorando con gli acini ed un cucchiaio di sughetto ristretto.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Carne
scrivi un commento
31 agosto 2011 3 31 /08 /agosto /2011 19:59

Stuzzichini-salati 5267

 

 

Incominciamo con il dire che domani si ritorna in ufficio e che oggi è stata una giornatina un po' frenetica; il pasto del mezzodì diciamo quasi saltato ed arrivata sera dopo tutte le incombenze del giorno, sinceramente, non ce l'ho fatta con i tempi ed allora ho provato a racimolare quel che c'era ed ho fatto dei canapè di pane nero, salmone e colore.

Sono freschi, abbastanza veloci da preparare e soprattutto si devono cuocere solo i piselli che saranno poi trasformati in crema.

Ammetto che l'estetica lascia un po' a desiderare e non ci sono molte scuse in proposito, se non che tutti avevano fame e dovevo fare in fretta e si sa la fretta non è una buona compagna, ma tant'è.

 

 

 

Ingredienti per 4 tramezzini 

 

2         fette di pane nero di segale (tipo pane tedesco già a fette)

1         caprino lungo

125    gr di ricotta fresca

6         foglie di basilico

250    gr di pisellini fini

200    gr di salmone affumicato

1         limone

1         cucchiaino di zeste di limone

1         falda di peperone

1         carotina

1         metà zucchina

2         pomodorini ciliegia

           sale, pepe ed olio extravergine d'oliva q.b.

1        spicchio d'aglio

 

Procedimento

 

In una padella antiaderente, scaldate l'olio, l'aglio ed una foglia di basilico, versatevi i pisellini, fate insaporire e poi aggiungete dell'acqua fino a copertura dei piselli, salate e pepate, portate a cottura.

Non appena pronti, trasferiteli in una bacinella a bordi alti e frullateli. Passateli poi al chinoise per ottenere una crema priva di bucce.  Lasciate raffreddare.

 

Tagliate le due fette di pane in due rettangoli uguali.

Preparate la crema al formaggio, mescolando il caprino con la ricotta , le zeste di limone, pepe, le foglie di basilico tagliate sottilmente. Tenete da parte

 

Condite il salmone con succo di limone (un paio di spicchi andranno bene) ed un cucchiaio di olio d'oliva.

Lasciate che s'insaporisca e poi tagliate le fettine aventi la stessa dimensione dei canapè.

 

Tagliate tutte le verdure fresche in brunoise (cioè a piccoli quadratini) che condirete con sale, olio.

 

Farcite il canapè partendo con la crema al formaggio, sulla quale depositerete una fetta di salmone, poi ancora crema al formaggio, poi ancora salmone. Infine come top crema di piselli e sulla stessa una pioggia di brunoise.

 

Servite con insalatina e  

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Stuzzichini salati
scrivi un commento
30 agosto 2011 2 30 /08 /agosto /2011 18:19

I-sassi--il-mare-ed-un-carretto 4987

 

 

Questo è il mare di Nice, il suo litorale è di sassi di mille forme e nuances. Fanno bene a chiamarla da sempre la Cote d’Azur, perché il mare è splendido e tutti i giorni è di un azzurro incredibile.

L’acqua è trasparente, fresca. Mentre si nuota, s’intravedono branchi di pesciolini piccolissimi che s’aggirano intorno a noi curiosando.

Il mare è subito profondo ma questa peculiarità fa si che rimanga sempre limpido.

Nonostante sia Agosto, la spiaggia non è mai affollata e c’è posto per molti; gli ombrelloni sono molto diradati fra loro e la gente è discreta, riservata.

La foto ritrae il mare al tramonto; la luce soffusa non è quella caratteristica delle giornate nizzarde.

Ma sinceramente, a me piace molto il suo colore un poco indaco.

 

 

 

Salendo dalla spiaggia ed incamminandosi sulla Promenade des Anglais, si trovano dei tableaux che sono riproduzioni di quadri di pittori dell’ottocento e presenti al museo Massenà di Nizza.

Ecco com’era “La route de France vers Magnan” nel 1865 secondo gli occhi e la mano di M. Defer.

 

 

Immagine

 

 

E subito dopo, lasciando la Promenade ed entrando nelle viuzze attigue che portano in centro, cioè alla Nizza vecchia,  ho incontrato questo carretto

 

 

 

I-sassi--il-mare-ed-un-carretto 4932

 

Le vacanze volgono al termine e sto  rientrando alla base. Agosto è passato in un baleno, ma Settembre è già qui con i suoi profumi, la vendemmia, nuove cose da vedere ed assaggiare, insomma tanto da fare come sempre.  Pas mal, n’est pas!

ENJOY !

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Viaggi e libri
scrivi un commento
29 agosto 2011 1 29 /08 /agosto /2011 16:09

 

 

Dolci-al-cucchiaio 5189

 

Non ricordo se abbia mai scritto in precedenza della mia avversione verso i piani di cottura ad induzione.  Bene, qui dichiaro chiaramente, e l’omelette sucrée sopra fotografata è un esempio eloquente, che io non riesco ad usare quest’innovazione.

Non sono ferma all’età della pietra, ma preferisco il fuoco di gran lunga.

Il fuoco e quindi la fiamma hanno un’intensità regolabile, quando si decide il piano è piano, il forte è forte.

Viceversa, io (probabilmente è un mio problema) con le piastre ad induzione non riesco a regolare il calore, la velocità ed i risultati non sono brillanti.

Pubblico lo stesso, questa che doveva essere una morbida e succulenta omelette, ma che ripeto a causa dell’incompetenza gestionale della nuova tecnologia da parte della sottoscritta è divenuta una omelette poco discreta, ma tant’è, per diritto di cronaca.

 

Ingredienti per 1 omelette

 

3   uova intere

1   cucchiaino di zucchero semolato

1   pizzico di sale

25 gr di burro

1   cucchiaio generoso di marmellata di pesche (od a piacere)

1   spolverata di zucchero a velo

1   cucchiaino di buccia di limone e lime

     Frutta fresca a piacere per decorazione.

 

 

Separate i bianchi dal tuorlo.  Sbatteteli a neve con un pizzico di sale.  Tenete da parte.

Sbattete i tuorli con lo zucchero, le bucce di limone e lime grattugiate, incorporate gli albumi montati mescolando con movimento dal basso verso l’alto, facendo attenzione che non si smontino.

In una padella antiaderente fate scaldare il burro, lasciatelo rosolare lentamente e non fatelo annerire.

Non appena sciolto e sfrigolante, versate l’omelette e fatela cuocere continuando a muovere la padella in senso circolare e poi dando dei piccoli colpi con il manico, come se voleste toglierla e rimetterla sul fuoco.

Non appena la parte inferiore sarà dorata, rivoltatela e lasciate cuocere anche l’altro lato.

Dovrà essere dorata.

Toglietela dal fuoco, cospargetela all’interno di marmellata di pesche e richiudetela a metà.

Spolverizzatela di zucchero a velo ed accompagnatela con frutta fresca.

 

ENJOY !

 

 

P.S.: magari quando torno la rifaccio!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca