Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
16 giugno 2011 4 16 /06 /giugno /2011 19:32

Piatti-di-pesce 4159

 

 

 

 

Un po' d'India ogni tanto non fa male, l'odore delle spezie quando vengono cucinate mi fanno ricordare dei bellissimi e divertinti film e libri inglesi tipo:  Passaggio in India, Le piogge di Ranchipur,  Monsoon Wedding giusto per citarne alcuni.  Noi siamo quello che mangiamo e per la verità mi accorgo che il cibo di alcuni popoli lontani  è molto più forte, sostanzioso e focoso rispetto al nostro.  Il loro cibo è ancora sostentamento e quindi necessità di completo nutrimento, noi siamo passati allo "sfizio" e quindi tutto è più costruito, studiato e fotografato.....

In ogni caso, tutto passa attraverso un'evoluzione ed anche il cibo non ne è  esente.

 

La ricetta

Ingredienti per 4 persone

 

20  scampi

2    scalogni

1    dl di vino bianco secco

1    dl di panna fresca

1    noce di burro

1    cucchiaio di curry

1    cucchiaio di gran Masala

1    mazzetto odoroso

1    Lime - succo + buccia grattugiata

      sale e pepe q.b.

1    melanzana

1    cucchiaio di uvetta sultanina

1   spicchio d'aglio

300 gr di riso Basmati

       olio extravergine d'oliva

1     cipolla

 insaporire gli ingredienti per pochi minuti e versarli in un piatto di portata.

 

Riempite una capace pentola d'acqua immergetevi il mazzetto odoroso e gli scampi e portare in ebollizione.

Scolare gli scampi, raffreddarli e togliere il carapace ed il midollino.

Tenere da parte

 

In un tegame lasciate sciogliere una noce di burro, insaporitevi gli scalogni tritati, aggiungete il curry ed il gran Masala, mescolate, versate il vino e fate ridurre della metà. Unite la panna, un pizzico di sale e pepe, mescolate bene

 

Disponete gli scampi su di un piatto da portata caldo, spruzzateli con il succo di Lime e copriteli con la salsa.

Montare il piatto con lo sformatino di riso, gli scampi intorno irrorrati di salsa e ricoperti da una spolveratina di buccia di lime.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
15 giugno 2011 3 15 /06 /giugno /2011 17:07

Copia di IMG 4149

 

   

 

Si dovrebbero considerare cibo di "buon risveglio", ma perchè non utilizzarli come dessert ed italianizzarli un po'?

Niente sciroppo di acero, bensì frutta di stagione al caramello, un poco di yogurt leggermente vanigliato, un po' di zucchero a velo e fatto!

Pankes, albicocche, pesche e fragole servito!

 

 

La ricetta

Ingredienti per 3 persone (6 pancake) 

 

100 gr di farina

1      uovo

1      bicchiere di latte

15   gr di zucchero

1     cucchiaio di olio extravergine d'oliva

1     cucchiaino di lievito in polvere

1     noce di burro

1     pizzico di sale

3     albicocche

2     pesche

-      mezzo cestino di fragole

1     buccia grattugiata di 1 limone

       succo di mezzo limone

2     cucchiai abbondanti  di zucchero semolato.

 

In una ciotola mescolae la farina, lo zucchero, il pizzico di sale, il lievito, il cucchiaio d'olio ed il latte.  Rendere la pastella omogenea.  A parte sbattere l'uovo ed incorporarlo all'impasto precedente. Coprire e lasciare riposare per almeno 2 ore. A riposo avvenuto, sciogliere in un padellino un fiocchetto di burro, versarvi un mestolino di pastella, muovere il recipiente in modo che il composto copra uniformemente il fondo. Cuocere da entrambi i lati senza far colorire troppo. Proseguire fino ad esaurimento della pastella.

 

Lavate e tagliate a fette spesse le fragole, le albicocche e le pesche.

In una padella antiaderente, mettete a caramellare i due cucchiai di zucchero ed un goccino d'acqua.

Non appena lo zucchero diventa color marroncino, aggiungete le fragole e la buccia di limone grattugiata.

Lasciate insaporire e legare per alcuni minuti, spruzzate con il succo di limone, poi togliete dal fuoco e lasciate intiepidire

 

Servire i pancake spolverizzati di zucchero a velo, con una cucchiaiata di frutta caramellata ed una di yogurt.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento
13 giugno 2011 1 13 /06 /giugno /2011 20:31

Copia di IMG 4136

 

 

Questa ricetta è una rivisitazione della famosa "parmigiana di melanzane", lo è in quanto :

 

1- le melanzane non sono né fritte, né impanate

2- il sugo è di semplice pomodoro

3- la mozzarella accompagna il sapore mediterraneo della melanzana

4- il parmigiano c'è, ma in maniera un po' marginale.

 

Diciamo una versione "light" ma pur sempre saporita e gustosa.

La ricetta

 

 

Ingredienti per 4 persone

 

2     melanzane di grandi dimensioni

2     scatole di pomodori pelati

1     cucchiaio abbondante di soffritto misto

2     mozzarelle

70  gr di parmigiano.

4     foglie di basilico

2     cucchiai di pane grattugiato

       olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

Tagliare la mozzarella a dadini, metterla a scolare in uno scolapasta.

 

Lavate le melanzane, togliete il loro picciolo e tagliatele a fette rotonde.

Disponetele su di una teglia da forno rivestita di carta da forno.  Salatele ed irroratele con olio extravergine d'oliva, versato a filo.  Mettetele in forno preriscaldato a 200°  per 15-20'minuti e comunque fino a che non appaia  una leggera doratura superficiale.

 

Nel frattempo preparare il sugo.   In una pentola antiaderente, scaldare l'olio e versarvi il soffritto, il basilico; non appena rosola aggiungere  i pelati. Salare e pepare, coprire con coperchio e lasciar cuocere per 30' minuti, fino ad ottenere un sugo abbastanza denso.

Tenere in caldo

 

Sfornare le melanzane e lavorando sempre sulle stesse teglie, eseguire la farcitura delle stesse.

Partire con una fetta di melanzana, un cucchiaio di sugo, una manciata di mozzarella, una spolverata di parmigiano ed un pizzico di pane grattugiato, così facendo per almeno 5 strati.  Finire con mozzarella, parmigiano e pane grattugiato.

Infornare nuovamente e lasciare che il formaggio fonda e si colori.

Servire caldissimo.

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento
12 giugno 2011 7 12 /06 /giugno /2011 15:52

Copia di IMG 4098

 

 

La domenica mangiamo sempre molto più tardi del solito, ce la prendiamo comoda e non ci formalizziamo nè di fronte al tempo, nè alle convenzioni. Oggi per esempio ci siamo messi in pista per il pranzo alle 14.00 e di conseguenza la cosa più ovvia era cucinare qualcosina di veloce ma di sfizioso. Ecco "risi e bisi" con un formaggio morbido dentro e croccante fuori.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di riso Carnaroli

1      cucchiaio di soffritto

2      cucchiai di olio extravergine

150 cc di vino bianco

500 cc di brodo od acqua calda

50   gr di parmigiano grattugiato

1     noce di burro

400 gr di pisellini piccoli

1      spicchio d'aglio

1      confezione di primo sale

1      uovo

        pane grattugiato per la panatura

        olio per friggere

        sale q.b.

 

 

In una pentola antiaderente scaldare l'olio, l'aglio e versare i piselli.  Lasciar rosolare pochi minuti ed aggiungere acqua a copertura delle verdure.  Salare e portare a cottura, circa 15'.

Prelevare la metà della quantità di piselli, ridurli in purea e passarli al chinoise.  Tenere da parte sia il puré che i piselli interi.

 

Aprire la confezione di primo sale, scolarlo dal liquido di governo e tagliarlo a dadi regolari.

Rompere un uovo, salarlo, sbatterlo e versarvi il primo sale.  Procedere all'impanatura nel pane.  Ripetere l'operazione per ogni singolo dado di formaggio per almeno tre volte.

Tenere da parte.

 

In una pentola antiaderente, versare l'olio, il soffritto, lasciar rosolare, versarvi il riso, tostarlo, sfumare con il vino bianco, aggiungere il brodo e portare a cottura in circa 15-18 minuti.

 

A 8 minuti dalla fase finale, preparare una padella antiaderente nella quale verserete l'olio per friggere. Attendete che vada in temperatura e versatevi i dadi di formaggio. Fate cuocere a fuoco medio alto per ogni lato.

 

A 5 minuti dalla fase finale  aggiungere  la purea di piselli al risotto; mescolare affinché si amalgami bene e versare il resto dei piselli.

Togliere dal fuoco, mantecare con parmigiano grattugiato ed una noce di burro.

Scolare il primo sale su carta assorbente.

Montare il piatto con una base di risotto sormontato da dadi di primo sale.

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Riso
scrivi un commento
11 giugno 2011 6 11 /06 /giugno /2011 18:42

 

Piatti-di-carne 4089

 

 

 

Costolette d'agnello farcite con erbe aromatiche e bacche profumate  su un cucchiaio di vellutata di porri e cipolle con contorno di finocchi al forno spruzzati con aceto balsamico e patate saporite all'aglio e prezzemolo.

Un buon secondo con aromi interessanti e non troppo lungo da preparare, in quanto le costolette essendo così sottili si cuociono in pochi minuti, i finocchi sono nel forno e " vanno da soli", le patate bollono prima nell'acqua e poi si finiscono in padella e la  vellutata, beh è quella della tortina di porri e cipolle, senza caprino naturalmente, messa in un barattolo e conservata in frigorifero per qualche altra "avventura culinaria".

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone.

 

8       costolette di agnello

1       fetta di pane in cassetta

1       ramettino di rosmarino, 5 foglie di basilico, 6 foglie di origano, 5 foglie di coriandolo

1       cucchiaino di bacche profumate (pepe in grani -rosa, bianco, nero)

2       spicchi d'aglio

1       foglia di alloro

1       goccino di vino

         olio extravegine, sale  q.b.

 

3       finocchi medio-grandi

         olio extravergine d'oliva

         sale e pepe  q.b.

1      spruzzata di aceto balsamico

 

 

600gr di patate novelle più o meno della stessa dimensione.

1       noce di burro

1       spicchio d'aglio

1       cucchiaio di prezzemolo grattugiato

 

1       cucchiaio di vellutata di porri e cipolle

         (come riferimento vedere ricetta in Torte salate : Tartelletta di porri, cipolle e formaggio caprino- Grazie.)

 

 

Procedimento

 

Lavare i finocchi, togliere le prime "foglie", tagliarli in quarti e se troppo grandi, ridurli ancora in quarti.

Disporli su teglia da forno ricoperta di carta da forno.  Salare, pepare un poco,  irrorare con olio extravergine d'oliva ed una spruzzatina di aceto balsamico.

Mettere in forno già caldo a 180° per 15 minuti.   I finocchi risulteranno croccanti, se la cottura fosse troppo " al dente" proseguite ancora per 5 minuti coprendoli con carta stagnola per evitare bruciature.

Togliere dal forno e tenere in caldo.

 

Nel frattempo lavare le patate, tagliarle in rondelle di pari altezza, versarle in una pentola contenente acqua calda e portarle a cottura  - 10-15  minuti max.  A cottura ultimata, se sono un poco al dente non importa, scolarle.

In una padella antiaderente scaldare l'olio, disporre le patate in modo che la loro superficie sia ben aderente alla padella.  Salare e lasciarle rosolare senza girarle per almeno 8 minuti.  Controllate che si dorino e che diventino croccanti, solo allora giratele sull'altro lato.  Lasciatele rosolare anche da questa parte senza mai toccarle.

Controllate nuovamente e quando entrambi i lati avranno la stessa colorazione, aggiungente uno spicchio d'aglio spremuto nello spremiaglio, la noce di burro ed il cucchiaio di prezzemolo. Mantecare velocemente e scolare. Tenere in caldo.

 

Preparare il trito di erbe, bacche aromatiche, pane.  Se dovesse risultare troppo denso, aggiungere un goccino di vino bianco e mescolare.

Prendere la carne, incidere la polpa sul lato, come se doveste eseguire una piccola taschina sul fianco della costoletta.

Riempitela con un pochino di trito. richiudete i lembi.

In una padella antiaderente, scaldare l'olio, l'aglio e la foglia di alloro. Non appena a temperatura, versare le costolette.

Lasciarle rosolare e cuocere prima da un lato senza sollevarle per almeno 3-4 minuti. Girarle e fare altrettanto per l'altro lato.

Scolare, lasciare riposare 1-2 minuti.

Montare il piatto.

 

Al centro un cucchiaio di vellutata che avrete leggermente intiepidito, sopra di essa due costolette, a fianco i finocchi all'aceto balsamico e le patate.

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Carne
scrivi un commento
10 giugno 2011 5 10 /06 /giugno /2011 19:45

Dolci-al-cucchiaio 4078

 

 

E' arrivata la frutta che preferisco, quella dell'estate, coloratissima, profumatissima, dolcissima.

Ho comprato subito le pesche ed è stato un flop. Dure, asciutte e veramente poco appetibili. Ma le avevo comprate ed allora ho pensato a come utilizzarle al meglio. 

Ho fatto un dolce e benchè queste siano state prima sbollentate in un sciroppo di acqua, zucchero e foglie di basilico, spruzzate di Marsala e cotte al forno, beh ancora si ostinavano ad una certa "croccantezza"  diciamo così.

Alla fine di tutte queste operazioni, il risultato è stato molto soddisfacente per me.

La tartelletta di biscotti friabili al sapor di cannella, la ricotta aromatizzata al basilico e zeste di limone, la pesca al Marsala ed il coulis di lamponi erano molto armoniosi.

Però sarà meglio aspettare ancora un po' a comprare nuove pesche!!!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

4            pesche gialle

1            cucchiaio di zucchero a velo

2-3         bicchierini di Marsala (i bicchieri da liquore, quelli delle nostre nonne)

 

Per lo sciroppo

150  gr di zucchero semolato

500  cc di acqua

6       foglie di basilico

 

Per il coulis

1           confezione-cestino di lamponi

              il succo di mezzo limone

3           cucchiai di zucchero semolato

 

Per la crema

1           buccia di limone grattugiata

4           foglie di basilico

250gr  di ricotta fresca

 

 

Per la tartelletta

250 gr di biscotti secchi

150 gr di burro fuso

2           cucchiaini di cannella in polvere

 

 

Procedimento

 

In una pentola a bordi alti mettete l'acqua, lo zucchero e le foglie di basilico, le pesche tagliate a metà (se riuscite subito a togliere il nocciolo, meglio, altrimenti quest'operazione potrete farla successivamente).  Portare al bollore.

Togliere le pesche, sbucciarle e togliere il nocciolo.   In una padella antiaderente con manico in ferro (deve andare direttamente in forno), versare un mestolo dello sciroppo appena eseguito, adagiarvi le pesche, aggiungere il Marsala, spolverarle di zucchero a velo e mettere in forno caldissimo 220° per 6' minuti.

Togliere dal forno e tenere da parte.

 

Nel frattempo preparare le tartellette.  Sciogliere il burro, sbriciolare i biscotti, eventualmente frullarli con il mixer, unire il burro e preparare con i coppapasta dei dischetti che andranno riposti in frigor per almeno 10'-15'.

 

Preparare la crema, mescolando semplicemente la ricotta con le zeste del limone ed il basilico tagliato finemente.

Non serve zucchero, perchè il dolce è dato dalle pesche, dai biscotti e dal coulis di lamponi.

 

Lavare i lamponi, versarli in una bacinella a bordi alti, aggiungere lo zucchero ed il succo di limone. Frullare e passare al chinoise.

 

Comporre il dolce:  posare la tartellatta sul piatto da portata, aggiungere un cucchiaio abbondante di crema, adagiarvi la prima metà di pesca, sulla quale sovrapporremo la seconda metà.  Spolverare a piacere con gocce di cioccolato o mandorle in scaglie.  Versare intorno al dolce il coulis di lamponi e servire.

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento
9 giugno 2011 4 09 /06 /giugno /2011 16:02

 

 

 

 

COMO LAKE (2)

 

 

 

Como, meta amata dagli inglesi in primavera ed estate e come dar loro torto? Il lago è veramente suggestivo, le sue fantastiche ville sparse qua e là fra le insenature più romantiche con i loro giardini pieni di fiori meravigliosi regalano una sensazione di pace, calma e tranquillità che oggi é a noi esso desueta.

 

Ho pubblicato l'album delle foto scattate a Como, quindi potrete vederle sfogliandolo, ma come non pensare al cibo?

A Como in via

 

 COMO LAKE (6)

 

 

esiste una piccola trattoria a conduzione familiare.  Il posto è veramente informale, i tavoli e le sedie in legno rustici, i muri ricoperti di fotografie, il bancone centrale e tutt'intorno gli avventori mangiano piatti semplici ma gustosi.

La trattoria si chiama "Osteria del Gallo" .  Abbiamo pranzato da loro lo scorso inverno :  pasta e fagioli, stinco con patate, ravioli ricotta e spinaci, crostata.

Nella semplicità dei piatti  traspariva però una cura e l'intenzione di fare bene un lavoro che viene tramandato da anni.

Purtroppo questa volta l'Osteria era chiusa, peccato sarà per la prossima.

 

Concludo dicendo che a Como  è in corso la mostra Boldini e la Belle Epoque a Villa Olmo

 

 

COMO LAKE (10)

 

"Le donne di Boldini, sono nature flessuose e disinibite che mostrano senza reticenza un modello di bellezza erudito e, spogliandosi, affermano la loro autodeterminazione di individui maturi e emancipati, pienamente consapevoli della propria femminilità". 

Chissà che non guardandole anche noi donne di oggi ci si possa ritrovare!!

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Viaggi e libri
scrivi un commento
8 giugno 2011 3 08 /06 /giugno /2011 19:08

Torte-salate-4070.jpg

 

 

No, non ho mangiato solo insalata oggi!

Avevo però solo un filo di pasta brisé nel freezer da un po' di tempo ed allora mi sono detta perchè non usarla.

Però era veramente pochissima, come potete vedere dalla terrina utilizzata. L'intenzione era comunque di proporre questa tartelletta, che può all'occorrenza diventare una torta salata (gli ingredienti saranno per dimensione torta) dal sapore molto delicato e che potrà stupire anche i più riluttanti verso i porri e le cipolle.

La cremosità è assicurata dal passato di queste due verdure alle quali aggiungiamo formaggio caprino per dare un tocco di carattere.

L'esecuzione è veloce e molto semplice,  si può fare, si può fare!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 torta salata

300 gr di farina 00

150 gr di burro

1      uovo intero

1      tuorlo

1      pizzico di sale

 

2      porri di media grandezza

2      cipolle bionde grandi

1      foglia di alloro

1     confezione di caprini vaccini

3     cucchiai abbondanti di parmigiano grattugiato

        olio extravergine, sale e pepe q.b.

 

 

 

Procedimento

 

Impastare la farina con il burro ed il sale fino ad ottenere un effetto sabbiato "sablé", aggiungere le uova ed impastare velocemente per evitare che l'impasto si scaldi.

Riporre in frigorifero la pasta avvolta da pellicola trasparente.

 

Levare le prime foglie dei porri, tagliarli a rondelle e lavarli molto bene, perchè spesso contengono terra fra i vari strati.

Metteteli proprio a mollo in acqua e risciacquateli diverse volte.

Sbucciate le cipolle ed affettatale.

In una padella antiaderente scaldare l'olio con la foglia di alloro, aggiungere i porri e le cipolle far insaporire velocemente, salare subito e coprire.

Lasciate brasare le verdure a fuoco lento girandole di tanto in tanto.  Dopo circa 15-20 minuti saranno pronte.

Passarle immediatamente con l'ausilio di un frullatore ad immersione e lasciare raffreddare.

A raffreddamento avvenuto, incorporare al passato di verdure i caprini ed il parmigiano. Frullare per bene.

 

Riprendere la pasta brisée, stenderla fra due fogli di carta da forno per evitare che si appiccichi all'asse e per una facile rimozione. Imburrare ed infarinare una tortiera rotonda da 25 cm di diametro nella quale adagerete la pasta. Rifinire il bordo che dovrà essere alto ed un po' spesso per contenere il ripieno che è molto morbido.

 

Versare il ripieno nella tortiera ed infornare a forno caldo 180° . Cuocere per 30-35' e comunque fino a che il ripieno non si sia leggermente rappreso in superficie e la pasta abbia preso colore.

 

Un accorgimento :  se il passato tendesse ad essere troppo liquido, prima d'incorporare il caprino, rimettetelo sul fornello e fatelo rapprendere un poco. Lasciate raffreddare e poi aggiungete i formaggi

 

Servire tiepido-temperatura ambiente

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte salate
scrivi un commento
7 giugno 2011 2 07 /06 /giugno /2011 18:00

 

 

 

 

  Dolci-al-cucchiaio 4052-copia-1

 

  

 

 

Ogniqualvolta ho voglia di dolce ma allo stesso tempo non ho voglia di spadellare per ore, faccio un crumble.

Il crumble è qualcosa di speciale.  Forse sono un po' ripetitiva, ma:

 

1-  è di origine inglese

2-  è di una semplicità mostruosa

3-  è croccante esternamente

4-  ha una scioglievolezza interna pazzesca

5-  la mia versione è aromatizzata al rhum - e quindi mette una leggera allegria.

 

insomma un cucchiaio di crumble e torna il sereno, almeno in casa e dopo tutta la pioggia di questi giorni e dei previsti prossimi, decisamente non stona.

 

La ricetta

 

 

Ingredienti per 4 persone

 

4            mele Golden

1            cucchiaio da minestra di uvetta sultanina

1            cucchiaio da minestra di gocce di cioccolato

1            buccia grattugiata di un limone

              il succo di mezzo limone

              fialetta di rhum

1            bustina di vanillina

150 gr  di farina bianca 00

150 gr  di zucchero semolato

150 gr  di burro

 

 

Grattugiare la buccia di un limone. 

Spremerne una metà e versare il succo in una bacinella

Sbucciare le mele, ripulirle da torsoli e semi. Tagliarle in 4 spicchi, che a loro volta verranno tagliati in piccoli tocchetti il più possibile regolari.

Versare le mele tagliate nella bacinella con il succo di limone per evitare l'ossidazione, aggiungere la buccia grattugiata, le gocce di cioccolato, l'uvetta ammollata in precedenza, la bustina di vanillina e mescolare.

 

A parte miscelare la farina con lo zucchero ed il burro a tocchetti.  Il risultato dovrà essere un impasto sablé -separato.

Mettere le mele in una pirofila da forno e livellare lo strato.   Ricoprirlo con l'impasto di farina, versandolo senza renderlo troppo regolare.  In sostanza, la copertura dovrà essere totale, le mele così potranno sciogliersi, mentre sopra la farina diventerà una dolce crosta dorata.

 

Infornare a forno caldo a 170° per 35-40° e comunque non appena vedrete un bellissimo colore superficiale.

Il profumo è inebriante.

Servire caldo con accanto del gelato alla vaniglia o del gusto preferito.

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento
6 giugno 2011 1 06 /06 /giugno /2011 16:33

Paste-asciutte 4015

 

 

 

Spesso penso a come ottimizzare il tempo con il gusto.

Non sempre ho ore a disposizione per cucinare qualcosa di buono e diverso. Frequentemente, il tempo è per me tiranno.  Quindi bisogna unire la praticità con la bontà.  Un piatto unico come quello rappresentato fa al caso mio.  Orecchiette fresche (comprate), pisellini primaverili, pomodorini San Marzano piccoli piccoli ed un ottimo filetto di merluzzo uniscono l'utile al dilettevole.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320  gr  di orecchiette fresche

450  gr  di pisellini primavera

150  gr  di pomodorini San Marzano piccolini

5             foglie di basilico

400 gr   di filetto di merluzzo

               olio extravergine d'oliva

               sale e pepe q.b.

3            spicchi d'aglio

1            spolveratina di ricotta salata da grattugiare (a piacere)

               mezzo bicchiere d'acqua

 

 

In una pentola antiaderente scaldare l'olio e l'aglio, versarvi i piselli, far rosolare brevemente ed aggiungere mezzo bicchiere d'acqua.  Salare e portare a cottura.

Lavare i filetti di merluzzo, tagliarli a tocchetti rettangolari e versarli in una padella antiaderente nella quale avrete precedentemente scaldato l'olio, l'aglio e alcune foglie di basilico.

Cuocere a fuoco vivacissimo per pochi minuti per parte. Salare e pepare. Tenere in caldo.

Lavare i pomodorini, tagliarli a metà per il senso della lunghezza e tenere da parte.

In una capace pentola, bollire 2 litri d'acqua per cuocere le orecchiette. Essendo pasta fresca ci vorranno pochi minuti.

A cottura ultimata, scolarle e versarle nella padella del pesce, nella quale avrete aggiunto i piselli ed i pomodorini freschi.

Aggiustare eventualmente ancora con del pepe, lasciar mantecare la pasta e scodellare nei piatti.

A piacere potreste spolverare con un pochino di ricotta salata.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pasta
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca