Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
20 luglio 2017 4 20 /07 /luglio /2017 14:05

 

Ho scoperto che i cruffins sono la versione occidentale delle buonissime Paratha bread paki-indiane. La variane è che mentre nel pane asiatico non esiste il lievito, qui c'è,

Il metodo di sfogliatura è simile e cambia solo al momento della spirale finale.

Sono veramente deliziosi, in quanto la parte superiore è croccante e quella inferiore morbidosa. Ottimi accompagnati da marmellata o anche da crema pasticcera.

 

La ricetta

Ingredienti

  • 300 gr di farina bianca 00
  • 6 gr di lievito di birra disidratato
  • 10 gr di sale
  • 130 gr  di acqua tiepida + 30 gr aggiuntivi in caso di bisogno
  • 50 gr di burro ammorbidito per l'impasto
  • 165 gr di burro da stendere sulle sfoglie

Procedimento

Con un paio di ore in anticipo sul lavoro, tenete il burro a temperatura ambiente affinchè sia sufficientemente morbido per essere poi spalmato sulle sfoglie.

In una ciotola versate la farina, il lievio, il sale ed incominciate ad impastare aggiungendo poco per volta l'acqua tiepida, unite il burro e continuate ad impastare fino ad ottenere una pasta estremamente liscia ed elastica. Coprite la ciotola con pellicola trasparente e mettetela nel forno "spento" - ma con la lucina accesa- affinchè lieviti e raddoppi di volume. Il tempo necessario è di un'ora circa.

A lievitazione avvenuta, dividete l'impasto in 8 spicchi.  Infarinatene uno e tenete gli altri coperti con pellicola trasparente affinchè non si secchino.

Prendete la macchina per tirare la pasta "IMPERIA" (chi ne è sprovvisto, può tirare la sfoglia a mano, ma con la macchinetta è più rapido e uniforme) e tirate l'impasto in una lunga sfoglia di 10 cm di larghezza.

Posizionate la sfoglia su di un foglio di carta da forno leggermente infarinato e molto delicatamente con le mani, spalmate il burro morbidissimo lungo tutta la superficie della pasta. Ora, avvolgete la sfoglia su se stessa, ottenendo un "sigaro" corposo (in pratica un salsicciotto con le estremità irregolari).

Tagliate il "sigaro" a metà nel senso della lunghezza, ottenendo così due parti che dovrete arrotolare singolarmente su se stesse lasciando all'esterno la parte sfogliata. Posizionate gli intrecci in una teglia da muffin precedentemente imburrata.

Lasciate lievitare ancora un'oretta e poi infornate a 200° per 20' minuti fino a che i cruffin non appaiano completamente dorati.

Sfornate e toglieteli dalla teglia; lasciateli raffreddare e poi spolverateli con zucchero a velo o farciteli con marmellata o crema pasticcera a piacere. e machine.

 

 

Cruffins... Cruffins...
Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
4 luglio 2017 2 04 /07 /luglio /2017 14:28

 

Ancora un'alternativa al cioccolato, perchè quando decido, vado fino in fondo.

Quindi sulla base delle tartellette ho eseguito una torta per la famiglia con gli stessi ingredienti, cambia solo il look e l'aggiunta di gocce di cioccolato.

Per la ricetta, seguite le indicazioni di quella precedente "Tartellette "Pan di Stelle" e fruttini di bosco".

Buona continuazione!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
2 luglio 2017 7 02 /07 /luglio /2017 13:02

 

Quindi, riprendendo il discorso del post precedente e soprattutto essendo coerente con me stessa,  sono andata avanti ed ho "prodotto" ulteriori dolcetti: Tartellette al Pan di Stelle, ganache e fruttini di bosco.

Tutto senza cottura, fatta eccezione di 5' minuti per poter bollire la panna.

Ecco la ricetta:

300 gr di biscotti pan di stelle

150 gr di burro fuso

1 cucchiaio colmo di miele

200 gr di cioccolato fondente

50 gr di cioccolato al latte

250 gr di panna liquida fresca

biscotti pan di stelle a decorazione

fruttini di bosco a piacere.

 

Sciogliete il burro a bagnomaria, tritate i biscotti. Unite biscotti, burro e miele.

Foderate degli stampini monodose con pellicola trasparente e inserite il composto di biscotti pigiando per bene affinchè prendano la forma dello stampino. Mettere in frigo e "dimenticarsene"; devono indurirsi e quindi devono rimanere al fresco almeno per 40' minuti.

Nel frattempo tagliate il cioccolato a dadini, bollite la panna e versatela sul cioccolato rimestando in continuazione. Dovete scioglierlo per bene. Lasciate a temperatura ambiente per 20' minuti, poi passate in frigor per altri 30' minuti. Dopodichè versatene la quantità necessaria in ogni singolo stampino e ripassate in frigor per almeno un'oretta.

Lavate la frutta, riprendete le tartellette ormai freddissime e decoratele a piacere.

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
2 luglio 2017 7 02 /07 /luglio /2017 07:01

 

 

 

Avete presente cosa voglia dire festeggiare dopo un mese di dieta? Si, vero? Ecco, Giugno è stato un mese un po' faticoso sia professionalmente che fisicamente. Ho deciso di mettermi a dieta per solidarietà e quindi ho attuato il metodo della "Dieta a metabolismo veloce".

Dunque, tenendo conto che si tratta in pratica di azzerare i grassi, di mangiare molta carne, pesce e verdura, carboidrati solo due giorni a settimana, niente latticini di alcun tipo,e poi niente, ma niente dolci, come iniziare il nuovo mese? Ebbene, facendo dolci.

Posto ora delle barrette che esteticamente potrebbero lasciar a desiderare, ma a livello di gusto, no: sono buonissime. Si tratta di semplice pastafrolla, ma in compagnia di fruttini di bosco e marmellata di fragole. Un vero peccato di gola, soprattutto al mattino con un tea profumato.

Allora, buon Luglio e buon dessert!!!

 

Ingredienti per una ventina di barrette

Pasta frolla 

300  gr di farina 00

150  gr di zucchero

150  gr di burro

2  tuorli

1  bustina di vanillina o essenza di vaniglia

buccia di limone grattugiata

 

Per il ripieno

3   cucchiai colmi di marmellata di fragole

1   confezione di lamponi freschi

1   confezione di mirtilli freschi

 

Procedimento

Impastare la farina con lo zucchero, la vanillina, la buccia di limone grattugiata ed il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée").  Aggiungere i tuorli sbattuti e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo.  Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno  30' minuti

Riprendere la frolla, e separare una striscia corposa dall'insieme. Grattugiate la stessa usando la grattugia a maglie larghe e facendo cadere i fiocchi di frolla su una teglia da forno ricoperta di carta da forno che metterete in frigorifero per altri 10' minuti.

Stendete il resto della frolla ad uno spessore medio e ritagliate dei rettangoli di pasta. MetteTe in forno a 180° fino per 5' minuti, giusto il tempo che permetta alla frolla di indurirsi un pochino. Estraete la teglia e spalmate sulle barrette un poco di marmellata di fragole, un paio di lamponi e tre mirtilli. Spolverate con i fiocchi di frolla gelati e rimettete in forno fino a che la frolla non risulti ben dorata.  Sfornare e lasciare raffreddare

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Biscotti
scrivi un commento
27 maggio 2017 6 27 /05 /maggio /2017 08:02

Avevo voglia di essere in un paese Medio-Orientale, Libano, Israele, Palestina... ma non potendoci andare tout-court, ho deciso di ricrearmi il "sogno" sul balcone e di farlo diventare una piccola realtà.

E' stato divertente poter condividere con gli amici un pasto informale e multicolore. I sapori, beh, un po' più italo-mediterranei che medio-orientali, ma ci sta.

Un consiglio: se vi dovesse venire la stessa ispirazione, beh fatevela venire la sera prima ed incominciate a preparare almeno gli "hummus", "falafel" e i "kebab", perchè tutto insieme risulta un po' troppo vorticoso.

Seguono le ricette per l'insieme come da foto.

A presto.

Ingredienti per 10 persone

Pane arabo

500 gr di farina 00

1     bustina di lievito di birra disidratato

10   gr di sale

1     cucchiaino di zucchero

  3   cucchiai di olio evo

350 gr di acqua tiepida

Kebab

400 gr di carne macinata di vitello

400 gr di carne macinata di agnello

2     cucchiaini di gran masala

1     cucchiaio di rosmarino tritato

1     cucchiaio di cipolla, sedano, carota tritate

1     punta di harissa

3     fette di pane in cassetta ammollato in acqua.

1     mezzo spicchietto d'aglio a piacere

20   bastoncini in legno tipo per "mottarello"

Falafel

500 gr di ceci da mettere a bagno la sera prima per 12 ore in acqua fredda

50  gr di cipolla,carota,sedano tritati

1    mezzo spicchietto d'aglio a piacere

50  gr di coriandolo fresco in alternativa prezzomolo fresco tritato

10  gr di sale

2    cucchiaini di semi di cumino

3    fette di pane in cassetta ammollato in acqua

1    bottiglia di olio di semi per friggere

Hummus di ceci

400 gr di ceci in scatola scolati

2     cucchiai di succo di limone

4     cucchiai di olio evo

1     mezzo spicchietto d'aglio a piacere

10  gr di sale

3    cucchiai di tahine (crema di sesamo)

1    ciuffettino di prezzemolo

1    pochino di pepe

Hummus di peperoni

6   peperoni rossi

50 gr di noci

1   spicchio d'aglio

     olio evo, sale e pepe q.b.

Hummus di carote

9    carote grandi

1    spicchio d'aglio

6    foglie di basilico fresco

1    mezzo bicchiere di vino bianco secco

     olio evo, sale e pepe q.b.

Hummus di pomodorini

1      confezione di pomodorini ciliegia sott'olio

4      pomodori a grappolo

10    foglie di basilico fresco

50    gr di mandorle tostate

Hummus di melanzane

3     melanzane grandi

1     testa d'aglio

1     rametto di rosmarino

       olive nere per decorare

       olio evo, sale e peperoncino q.b.

Tzatziki

250 gr di yogurt greco

1     cetriolo piccolo

1     spicchio d'aglio a piacere

1     punta di cucchiaino di zucchero

1     succo di un limone

2    cucchiai di olio evo, pepe q.b.

Tabbouleh

100 gr di quinoa -

  50 gr di amaranto

300 gr di cicorino tagliato a julienne

    4 foglie di menta

    1 cucchiaio di prezzemolo tritato

  10 pomodorini freschi

       olio evo, aceto, sale e pepe, zeste di limone

 

 

Procedimento

Per prima cosa, impastate il pane. In una ciotola sciogliete il lievito in polvere, lo zucchero, l'olio e una parte di acqua.  Versate la farina in un capace recipiente. Incominciate a impastare poco per volta con il composto di lievito e unendo acqua tiepida fino ad ottenere un impasto morbido. Coprite il recipiente con pellicola trasparente e lasciate lievitare per almeno 2 ore.

A lievitazione avvenuta, tirate la pasta e ritagliatela in dischetti da 10 cm di diametro a 4mm di spessore. Posateli su di una teglia da forno e lasciateli lievitare ancora per 30' minuti.

Accendete il forno a 220° e infornate il pane. Lasciate cuocere per 15' minuti. Rimuovete dal forno e tenete in caldo in un cestino rivestito di cotone.

 

Kebab:

preparate l'impasto la sera prima affinchè tutti gli aromi si armonizzino.

Tritate tutti gli ingredienti insieme e poi formate delle palline ovalizzate che metterete sugli stecchini da mottarello.

Al momento della cottura, ponete una padella larga ed antiaderente sul fuoco con uno spicchio d'aglio e un rametto di rosmarino. Non appena calda ponetevi i kekab e cuoceteli a fuoco alto prima da un lato e poi dall'altro. Teneteli in caldo e cuoceteli poco prima di andare a tavola.

 

Tabbouleh

Lavate la quinoa sotto acqua corrente e fredda e fate lo stesso per l'amaranto.

Ponete i due ingredienti in una pentola a bordi alti e versate acqua a copertura degli stessi. Un pochino di sale e cuocete per 15' minuti fino a esaurimento del liquido.

Spegnete il fuoco e lasciate il tutto coperto con coperchio. Fate raffreddare e non appena a temperatura ambiente, sgranate i chicchi come se fossero cous cous.

In un'insalatiera, versate il cicorino, il prezzemolo, la menta tritata, aggiungete un po' di quinoa e amaranto, i pomodorini, l'olio, l'aceto, le zeste di limone e quanto altro vi aggrada per gustare una fresca insalata (peperoni freschi, cetrioli, etc.etc.).

Tenete in fresco.

 

Falafel

Dopo l'ammollo di 12 ore, lavate i ceci e tritateli finemente nel robot da cucina.

Non appena ottenuto una fine consistenza, aggiungete gli ingredienti che daranno il sapore e cioè aglio, cipolla, sedano, carota, coriandolo fresco o prezzemolo in alternativa, pane ammollato e strizzato, un pochino di pepe, sale e solo alla fine i semini di cumino.

Preparate delle quenelle con l'aiuto di due cucchiai da cucina. Mettete in frigorifero e friggete poco prima di andare a tavola.

 

Hummus di ceci

Passate tutti gli ingredienti al micro-processor ed ottenete una salsa fluida ma non liquida.

Decorate con alcuni ceci tenuti da parte e qualche semino di sesamo tostato.

 

Hummus di peperoni

Due alternative:

1- cuocere i peperoni interi al forno e non appena la loro pelle sarà diventata scura, rimuoverli dal forno, coprirli e poi spellarli, rimuovere semi e filamenti e passarli al minipimer.

2- cuocere i peperoni interi in padella con olio, basilico, aglio. A cottura ultimata lasciarli coperti e farli raffreddare. Spellarli, rimuovere semi e filamenti e passarli al minipimer

Aggiungere al composto ottenuto le noci e ottenere un "pesto" consistente, ma morbido.

 

Hummus di carote

Pelare le carote, tagliarle a rondelle e cuocerle in una padella con aglio, olio. Non appena rosolano, irrorarle con vino bianco secco. Sale e pepe. Portare a cottura e poi frullare il tutto con minipimer.

 

Hummus di pomodorini

Portare a bollore dell'acqua ed immergervi i pomodori freschi a cui avrete inciso la buccia.

Tenerli a bagno per 5' minuti e poi immergerli in acqua fressa. Rimuovere la buccia, i semi e tritateli al minipimer, lasciando scolare un poco l'acqua in eccesso. A parte tritate i pomodorini sott'olio, il basilico, le mandorle ed unite al composto il passato di pomodori freschi.

Hummus di melanzane

Due opzioni

1- cuocere le melanzane intere in forno fino a che non risultino morbide

2- tagliare le melanzane a metà nel senso longitudinale, incidere la polpa, salarla e peparla, passarvi sopra un filo d'olio e cuocere in forno, fino a che non risultino morbide

Rimuoverle dal forno. Sbucciarle e passare la polpa al minipimer. A parte tostate una testa intera d'aglio tagliata a metà in olio d'oliva aromatizzato al rosmarino. Unite l'olio a filo al passato di melanzane e decorate con olive nere tostate.

 

Tzatziki

Pelate il cetriolo, grattugiatelo e lasciate scolare l'acqua in eccesso. Mescolate lo yogurt con il succo di limone, l'olio, lo zucchero, l'aglio passato al minipimer, il pepe, il sale ed unite in ultimo il cetriolo grattugiato.

 

 

Come comporre l'insieme:

Aprite i panini e farciteli con tabbouleh, falafel, tzatziki e quanto più vi aggrada.

Decorate il piatto con gli hummus e i kebab e divertitivi insieme ai vostri amici.

 

Repost 0
Published by Bettaroberta
scrivi un commento
18 maggio 2017 4 18 /05 /maggio /2017 15:38

 

E' un'altra ricetta della serie "sconvolgentemente facile" ma che ha un effetto avvolgente ed appagante non appena una forchettata di bavette si accosta alle papille gustative.

E' uno yummy,yummy perchè la pasta è buona di per sé, la ricotta che fa la crema è leggera e fresca, il basilico, il re delle erbe secondo il mio gusto, una spolverata di pepe....che altro serve per un buon piatto? Niente, credo.

 

 

La ricetta

Ingredienti per 3 persone

240 gr di pasta tipo Bavette

180 gr di ricotta vaccina fresca

  35 gr di Parmigiano Reggiano grattugiato

  6/7 foglie di basilico fresco

  2    spicchi d'aglio

  1    puntina di peperoncino

        sale, pepe, olio evo q.b.

 

Procedimento

In una capace pentola, bollite acqua leggermente salata e cuocete la pasta "al dente".

Nel frattempo in un'insalatiera mescolate la ricotta, il parmigiano ed il pepe. Tenete da parte.

In una padella antiaderente scaldate l'olio, l'aglio e la punta di peperoncino; non appena l'olio rosola, versatevi le foglie di basilico. Fatele insaporire e rilasciare il loro colore all'olio. Salate un pochino e tenete da parte.

Scolate la pasta "al dente", ripassatela in padella, nell'olio al basilico e versate il tutto sulla crema di ricotta e parmigiano.

Servite immediateamente con una spolveratina di pepe a piacere.

 

Repost 0
Published by Bettaroberta
scrivi un commento
13 maggio 2017 6 13 /05 /maggio /2017 15:00

 

Chiamateli come volete, cannoli, cannoncini, crostoni, insomma come più vi piace, in quanto una definizione vera e propria non ce l'ho nemmeno io.

Sono facili da fare e davvero sfiziosi. Non si friggono, (volendo si), e si cuociono in forno alla velocità della luce, giusto il tempo di far dorare e scrocchiare il pane.

Il ripieno è godurioso : sugo di pomodoro, ricotta, mozzarella e parmigiano, basilico q.b. Più italiano di così!

 

Ingredienti per 10 cannoli

5  "fogli" di pane per canapé (quello senza crosta, per intenderci)

1   mozzarella

1   confezione di ricotta fresca, vaccina

1   paio di cucchiai abbondanti di Parmigiano Reggiano

3   cucchiai abbondanti di sugo di pomodoro e basilico

2   uova

300 gr di pane grattugiato a cui mischierete 50 gr di Parmigiano Reggiano

10   foglie di basilico fresco, tritate.

sale, pepe, olio evo q.b.

 

Procedimento

Stendete su una spianatoia i fogli di pane e tirateli con il matterello per renderli sottili.

Prendete gli stampi per cannoli e arrotolate il pane formando un cilindro per volta, tagliando la parte in eccedenza. Premete sul bordo longitudinale ed estraete il cannolo dal cilindro metallico. Adagiatelo su di una placca da forno in attesa della farcitura.  Ripetete l'operazione per tutti i 10 cannoli.

Preparate a parte la mozzarella, sfilettandola e lasciandola "lacrimare" un po'. Unite la ricotta fresca, il parmigiano, un po' di sale, pepe a mulinello e foglie di basilico fresco tritate.

Se avete già il sugo pronto, ok, altrimenti, basterà eseguirlo classicamente con un leggero soffritto di cipolla, olio evo, basilico e 1 confezione di pelati. Sale e pepe q.b. cuocendo a fuoco vivace per 15' minuti.

Sbattete le uova leggermente salate in un piatto fondo; a parte mescolate il pane con il formaggio.

Con un sac à poche riempite i cannoli prima con un poco di sugo; poi con un altro sac à poche inserite nel cannolo, prima a destra e poi a sinistra  il ripieno, evitando così che il sugo fuoriesca dai lati.  Ripetete l'operazione per tutti i cannoli.

Ora sigillateli, passandoli nell'uovo e nel pane grattugiato condito con il parmigiano.

Disponeteli su di una placca da forno ricoperta di carta da forno e poi cospargeteli con un filino d'olio evo.

Mettete in forno a 220° per almeno 15', controllando la doratura del pane.

Sfornate non appena dorati e croccanti. Servite caldissimi.
 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta
scrivi un commento
1 maggio 2017 1 01 /05 /maggio /2017 07:19

 

E' il primo giorno di Maggio, uno dei mesi che preferisco in assoluto, perchè è ora che spuntano le rose, che il clima si fa mite e non caldissimo, che gli alberi si rivestono di quella frutta "simpatica ai bambini" e che sarà pronta a Giugno.

I campi sono già pieni di spighe di grano verdissime e tutto sembra essere una felice promessa.

I fruttini rossi decorano qui delle tartellette con una crema no-cooking molto semplice.

Accompagnate ad un the delicato, sono un'ottima merendina di primavera...

 

La ricetta

Ingredienti per una dozzina di tartellette come foto

200 gr di farina bianca 00

  50 gr di farina di nocciole

  50 gr di farina di mais fioretto macinata fine

150 gr di burro freddo da frigor

    1 uovo ed 1 tuorlo

150 gr di zucchero

   1  paio di gocce di essenza di limone

   1  paio di gocce di essenza alla vaniglia

250 gr di formaggio Philadelphia Kraft

  50 gr di ricotta vaccina fresca

  50 gr di latte condensato

  50 gr di yogurth alla vaniglia

    3 cucchiai di zucchero a velo

    1 cucchiaio abbondante di whisky

    1 foglio di gelatina

    2 cucchiai di zucchero semolato

    1 pochino d'acqua fredda

    2 cucchiai di succo di limone

    fruttini di bosco, fragole, kiwi, e qualsiasi altra frutta a piacere per la decorazione

    gocce di cioccolato fondente

    meringhette mini, mini.

 

Procedimento

Impastare le farine con lo zucchero, le essenze il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée"). Aggiungere i tuorli sbattuti e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo. Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno 30 minuti. Riprendere la frolla, stenderla e rivestire la base ed i bordi di stampini monodose.Infornare in forno caldo a 180° per 15-20 minuti. Rimuovere le tortine dal forno e lasciarle raffreddare.

Nel frattempo mettere a mollo in acqua fredda il foglio di gelatina per almeo 15 minuti. Mescolate i formaggi, il latte, il whisky ed il succo di limone con lo zucchero a velo. Preparare uno sciroppo con un paio di cucchiai di zucchero e un pochino d'acqua, giusto a velare la base di un pentolino antiaderente. Lasciate cuocere lo sciroppo fino a che faccia le bolle, poi unitevi la colla di pesce e molto velocemente, mescolatelo ed aggiungetelo alla crema di formaggi. Mettete il recipiente in frigorifero per 20' minuti e non appena vedrete che si è rappreso un pochino, versatene un mestolino in ogni tartelletta e lasciate riposare ancora per circa 1' ora. 

Rimuovete le tartellette dal frigor e decoratele a piacere con fruttini di bosco o con qualsiasi altra frutta a piacere, gocce di cioccolato, meringhette.

 

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta
scrivi un commento
15 aprile 2017 6 15 /04 /aprile /2017 08:26

E' una frolla leggera e saporita perchè l'impasto è fatto con della farina di nocciole.

Mi piace abbinarla al gelato alla vaniglia, perchè il freddo del primo ed il caldo della torta diano una sensazione "shock" al palato.

Le mele, effettivamente non sono certo un frutto primaverile, ma che fare quando ti prende la voglia..., niente, se non assecondarla.

 

La ricetta

Ingredienti per una torta come foto

200 gr di farina bianca 00

  50 gr di farina di nocciole

  50 gr di farina di mais fioretto macinata fine

150 gr di burro freddo da frigor

    1 uovo ed 1 tuorlo

150 gr di zucchero

   1  paio di gocce di essenza di limone

   1  paio di gocce di essenza alla vaniglia

    2 mele golden

    1 succo di un limone

    2 cucchiai di biscotti tritati

    1 cucchiaio di uvetta sultanina ammollata in un poco di rhum

    1 cucchiaio di marmellata di albicocche

     gelato alla vaniglia o a piacere

    1 cucchiaio di gocce di cioccolato fondente

    1 cucchiaio di zucchero a velo per decorazione

 

Procedimento

Impastare le farine con lo zucchero, le essenze il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée"). Aggiungere i tuorli sbattuti e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo. Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno 30 minuti. Riprendere la frolla, stenderla e rivestire la base ed i bordi di una teglie da 20 cm.

Sbucciare le mele, tagliarle a fettine, irrorarle con il limone affinchè non anneriscano. Scolarle dal liquido e mescolarle con il cucchiaio di marmellata, il trito di biscotti. Adagiarle sulla base della crostata e formare un livello uniforme.

Ricoprire la torta con uno strato di frolla, ripiegare i bordi per evitare fuoriuscite del ripieno ed  infornare in forno caldo a 180° per 30-35 minuti.

Rimuovere la torta dal forno e lasciarla raffreddare prima di spolverarla con zucchero a velo.

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
15 aprile 2017 6 15 /04 /aprile /2017 08:16

Un semplice campo di Iris, un colore e un profumo magnifico, un ricordo d'infanzia in una terra amica, l'Umbria, in cui questi fiori nascono spontanei nei primi giorni di primavera.

Si trovano lungo i crinali delle colline che portano al lago Trasimeno ed insieme a ginestre, narcisi ed altri fiori di campo, profumano quel tempo Santo della Pasqua.

La tradizione vuole che il Giovedì Santo si preparino gli impasti da lievitare con calma, che verranno poi cotti il Sabato Santo.

La Domenica di Pasqua, di buon mattino, si fa una colazione rustica ed abbondante: uova sode, torta Pasqualina che è un impasto di pecorino e farina, capocollo, bruschetta con l'olio extravergine d'oliva e aglio, il tutto irrorato da un buon vino.

Alla Santa Messa che segue, rigorosamente nella chiesetta di campagna, alle fonti, un popolo intero partecipa alla funzione, come ad un rito atavico che si ripete ancora, sebbene i tempi ed i giorni siano completamente diversi.

Il ricordo visivo è vivido, i sapori ed i profumi altrettanto, mi sembra di essere là, in mezzo agli Iris.

Un augurio sincero a tutti, affinchè questa Pasqua sia un passaggio sereno verso un tempo migliore.

 

Bettaroberta

 

Repost 0
Published by Bettaroberta
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca