Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
18 gennaio 2012 3 18 /01 /gennaio /2012 19:10

Torte-dolci 7236

 

 

Un tortino semplice dopo tanti dolci ricchi e  natalizi.

Un buon risveglio per il mattino e una piacevole merindina con una tazza di tea.

Tortino di frullato di mele e ricotta

 

La ricetta

 

Ingredienti per 10 tortini

 

300 gr di farina 00

     1 bustina di lievito vanigliato

150 gr di ricotta

100 gr di panna fresca

  50 gr di burro fuso

     3 mele frullate

     1 succo di mezzo limone

150 gr di zucchero

   50cc di latte (solo se necessario)

 

Procedimento

 

Sbucciate le mele e irroratele con il succo di limone per evitare che anneriscano.

Frullatele e mischiatele alla ricotta e panna.

Setacciate la farina, lo zucchero e il lievito aggiungeteli poco per volta al frullato e versate anche il burro fuso.

Mescolate con una frusta elettrica per ottenere un composto cremoso. Nel caso in cui dovesse essere troppo denso, potete diluirlo con un goccino di latte.

Preparate gli stampini, imburrateli e riempitili lasciando almeno un dito di spazio dal bordo.

Infornate a 170-180° per 30-35 minuti.

Sfornate ed a scelta servire "nature" oppure spolverizzate di zucchero a velo e accompagnate da marmellata.

 

ENJOY

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
6 gennaio 2012 5 06 /01 /gennaio /2012 13:58

Torte-dolci 7085

 

 

Il fegato è ormai sulla via della perdizione e si sta per ribellare dopo tutti questi giorni di Superfesta, ma prima della Sua rivoluzione definitiva, appioppiamogli n'altro po' di zuccheri, vah, che tanto si vive ben una sola volta, no?

E allora PANFORTE, ma proprio forte e siate generose e generosi nella quantità degli ingredienti, perchè ne vale veramente la pena.

Questo dolce che in apparenza non ha un aspetto accattivante ha un profumo da far svenire e un sapore che è un insieme di fragranze speciali: cannella, chiodi di garofano, cacao, ananas giusto per dare un tocco esotico, poi  fichi, albicocche, arance, cedri, mandorle, noci, miele e zucchero per restare nel nostro magnifico sud.

Un pizzico di farina per tenere insieme l'impasto e il Panforte è pronto in poco tempo.  L'unico neo, aspettare tre giorni prima di assaggiarlo; dura vero?!?

 

La ricetta

 

Ingredienti per un Panforte da 22 cm di diametro.

 

250  gr di mandorle spelate e tostate

150  gr di farina bianca

150  gr di zucchero a velo

150  gr di miele millefiori

100  gr di gherigli di noci

  50  gr di cedro candito

  50  gr di arancia candita

  50  gr di macedonia mista candita

  50  gr di ananas candito

  50  gr di uvetta passita di Corinto

    6  albicocche disidratate, ma morbide

    6  fichi disidratati, ma morbidi

    5  chiodi di garofano

    2  cucchiaini di cannella

    2  cucchiaini di cacao

         scorze di arancia e limone fresche grattugiate

100 cc di Porto oppure di un liquore a Vs. piacere (vin Santo, Rhum,...)

     1 pizzichino di spezie miste Gran Masala

     1 pizzichino di zenzero in polvere

     1 cucchiaino di zucchero a velo

     2 grandi particole- ostie da pasticceria (facoltativo, ma pratico)

 

Procedimento

 

Naturalmente le mandole devono essere rigorosamente senza buccia e se non le trovaste, niente paura.

Basta bollire dell'acqua in una padella e buttarci le mandorle. Toglietele dopo due minuti e asciugatele.  La pellicina si toglierà facilmente.

Se non aveste le mandorle tostate, basta solo disporle su di una teglia, ricoperta da carta da forno e infornarle a 220° per 8 minuti, il tempo che si dorino leggermente.  Poi toglietele e lasciatele raffreddare.

 

Mettete tutti i frutti canditi in un'insalatiera capiente, poi sbriciolate grossolanamente le noci, tagliate  a dadini sia le albicocche che i fichi.  Irrorate il tutto con il liquore e poi lasciate insaporire per almeno 30 minuti.

Riprendete la frutta e aggiungete le spezie (i chiodi di garofano dovranno essere polverizzati insieme alla cannella già in polvere) e mescolate con cura, poi mettete il cacao, il cucchiaino di zucchero a velo e sempre mescolando la farina.

Tenete da parte.

 

Preparate uno sciroppo con il miele e lo zucchero a velo.

Mettete i due ingredienti in una pentola a bordi alti e antiaderente. Aggiungete un paio di cucchiai di acqua e mescolate cuocendo a fuoco basso fino a che gli elementi non siano completamente sciolti.  Poi, aumentate il calore e portate il composto al bollore. Lo sciroppo sarà pronto quando prelevando una piccola quantità dello stesso con uno stecchino e immergendolo subito in acqua fredda  si formerà una pallina.

Versatelo sul composto di frutta e farina, mescolate con forza perchè tende a indurirsi velocemente.

 

Foderate con carta da forno, una tortiera di alluminio - Domopak - da 22-23 cm di diametro. Posatevi una particola da pasticceria e versatevi sopra il vostro Panforte.  Livellate la superficie con le mani bagnate. Ricoprite con la particola (ma anche no, io non le ho usate) e poi mettetelo in forno per 30 minuti a 150°.

 

Quando sarà cotto, toglietelo dal forno, lasciatelo raffreddare 15 minuti, poi rimuovete dalla tortiera e togliete con estrema cura la carta da forno.

Spolveratelo di zucchero a velo e ponetelo fra due fogli di carta da forno nuova e carta di alluminio. 

Apritelo al terzo giorno e rispolveratelo di zucchero a velo.  Servite con caffè o tea.

 

ENJOY

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
30 dicembre 2011 5 30 /12 /dicembre /2011 19:53

Torte-dolci 7002

 

 

 

Rivestite una tortiera con carta da forno.

Prendete la pasta fillo e dividete il rettangolo a metà, sul lato lungo, sulla base, ottenendo così due rettangoli più piccoli.

Adagiateli sulla tortiera ripiegando gli angoli e cercando di seguire la circonferenza della pirofila.

Fate almeno tre strati e poi spolverate tutta la superficie con la farina di mandorle, deve esserne completamente ricoperta.

Adagiate di nuovo tre strati di pasta fillo come precedentemente eseguito ed ora ricopriteli completamente di macedonia di canditi.

Di nuovo tre strati di pasta fillo e ancora farina di mandorle.

Adagiate gli ultimi tre strati di pasta fillo e livellate un poco con le mani per ottenere una superficie omogena.

A questo punto eseguite dei tagli lungo tutta la superficie della Baklava,  prima in senso verticale e poi in senso orizzontale.  Otterrete molti quadratini tutti uno accanto all'altro e così devono restare.

Allego foto per migliore comprensione:

 

Torte-dolci-6995.jpg

 

Ora irrorate la pasta con il burro sciolto, che dovrà penetrare anche fra i tagli orizzontali e verticali.

Infornate a 220° gradi per 35 minuti.

Nel frattempo preparate lo sciroppo. In un pentolino antiaderente versare lo zucchero, l'acqua, il limone e le gocce d'essenza di arancia.

Portate il tutto al bollore e lasciate cuocere per 10 minuti. Lo sciroppo dovrà risultare abbastanza melenso, ma non duro. Nel caso lo fosse, diluitelo ancora con dell'acqua, riportandolo al bollore, poi lasciatelo raffreddare.

Togliete la teglia dal forno controllate che i quadratini siano cotti anche sul fondo e poi irrorateli con lo sciroppo.

Lasciate raffreddare e servite con una buona tazza di tea Darjeeling rigorosamente senza zucchero!

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
14 dicembre 2011 3 14 /12 /dicembre /2011 22:12

Torte-dolci 6885

 

 

Una torta cioccolatosa sia dentro che fuori, perchè al cacao ricoperta da una ganache al cioccolato.

Volutamente lasciata debordare perchè ogni tanto è bello esagerare e intingere l'indice nel cioccolato, come fa Chicca, con tutta la dolcezza dei bimbi.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 torta come foto.

 

200 gr di farina di mandorle

  50 gr di farina di nocciole

250 gr di zucchero semolato

200 gr di burro

4           uova intere

4           cucchiai di cacao amaro

2           cucchiai di fecola di patate

60   gr di farina 00

             estratto di vaniglia

1           confezione di more o lamponi freschi.

 

Ganache

200 gr di cioccolato al latte

  90 gr di panna fresca

 

 

Procedimento

 

Aiutandovi con un food-processor, montare il burro con lo zucchero e l'estratto di vaniglia.

Aggiungere un tuorlo per volta, la farina, la fecola e il cacao, poi le mandorle e le nocciole tritate a farina.

Montare gli albumi ed incorporarli con delicatezza al composto.

Versarre l'impasto in una teglia imburrata e infarinata ed infornare a 180°C per 40 minuti.

Nel frattempo, in una pentola antiaderente, scaldare la panna e incorporarvi il cioccolato spezzettato.

Mescolare per bene, al fine di ottenere una crema liscia.  Riporla in frigorifero perchè si rapprenda un poco.

Stenderla poi sulla torta fredda e decorarla con frutti di bosco a piacere

Rimettere la torta decorata in frigorifero fino al momento di servirla.

 

 

ENJOY

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
17 novembre 2011 4 17 /11 /novembre /2011 17:14

 

 

  Torte-dolci 6495

 

 

 

 

  

Prima di parlare della ricetta, annuncio che durante il mese di Novembre (ed aihmé siamo già a più di metà) in quel della Bassa Padana, si tiene una manifestazione a dir poco mitica:  November Pork, il cui sito ufficiale è il seguente  :  http://www.novemberporc.com/.

Inoltro il calendario delle manifestazioni che si svolgeranno nelle relative cittadine di :

 

SISSA
5-6 novembre
"I Sapori
del Maiale"

POLESINE P.SE
12-13 novembre
"Ti cuociamo
Preti e Vescovi"

ZIBELLO
19-20 novembre
"Piaceri e delizie
alla corte
di Re Culatello"

ROCCABIANCA
26-27 novembre
"Armonia di Spezie
e Infusi"

A Polesine la manifestazione si svolgerà regolarmente!

 

 

La Bassa è già di per sé un territorio particolare, la nebbia, il fiume, la terra, il freddo ed il buono, buonissimo da mangiare, se ci mettete poi anche una sagra fatta apposta per celebrare il maiale, come si fa a non andare?

Ci vediamo là?!?

Quanto sopra per dovere di cronaca!

 

 

 

Ed ora invece parliamo della torta di carote e pistacchi.

E' la torta del risveglio perchè è una torta molto energetica. E' una ciam- bella perchè è proprio carina anche nell'aspetto e poi ha la classica forma delle torte di una volta, quelle che ci facevano le nostre nonne negli anni 60.

Niente fronzoli, ma sostanza!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 torta

 

200 gr di carote

  30 gr di zucchero di canna

    4  uova

100 cc di olio extravergine d'oliva

100 gr di farina

1/2  bustina di lievito vanigliato

  50 cc di latte

200 gr di zucchero semolato

100 gr di pistacchi sgusciati

  80 gr di uvetta

     1     succo di  un limone

      1/2 succo di un'arancia

     1     scorza di limone e di arancia

             burro e farina per lo stampo

      1     cucchiaio di Porto

 

 

Procedimento

 

 

Sbucciate le carote, tagliatele a julienne, cospargetele di zucchero e di Porto. Lasciate marinare per 20 minuti.

Mettete a bagno l'uvetta.

Eseguite un'emulsione con il succo degli agrumi e l'olio.  In pratica frullateli insieme con l'ausilio di un minipimer.

Ciò servirà ad aromatizzare l'olio.

 

Sbattete le uovo con lo zucchero semolato fino a  che il composto non "scriva" cioè sia bianco e ben gonfio.

Trasferitelo in una ciotola ed aggiungete poco  per volta il latte a filo,  la farina setacciata con il lievito facendo attenzione a non sgonfiare le uova.  Il movimento dovrà essere dal basso verso l'alto.   Aggiungete sempre con la massima lentezza ed a filo l'emulsione d'olio.

Sgocciolate le carote ed aggiungetele all'impasto.  Tritate in modo grossolano i pistacchi, sgocciolate l'uvetta ed aggiungete il tutto  sempre mescolando con delicatezza.

 

Imburrate uno stampo  e cospargetelo di farina, versatevi il composto ed infornate a forno caldo 180° per 45' minuti.

Sfornate la torta, lasciatela raffreddare per 10' minuti, capovolgetela e.....

 

ENJOY!

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
2 novembre 2011 3 02 /11 /novembre /2011 20:51

Torte-dolci 6290

 

 

Io sono quella del riciclo, nel senso che non butto via niente per principio, perchè non mi va di sprecare soprattutto il cibo. Bon, detto questo ecco il riciclo della ganache venuta a metà:  torta ganache.

La salsa al cioccolato è composta da panna e cioccolato fondente. La prima è un grasso allo stato puro, il secondo pure ma celato dal cacao. Ho pensato di fare una torta al cioccolato senza burro, utilizzando la crema che avevo fatto un paio di giorni fa e tenuta in frigorifero a temperature bassissime.

Il risultato è stato un dolce da colazione, ma anche un dopo cena rilassante cioccopannoso.

 

La ricetta

 

Ingredienti per una torta come foto

 

200 gr di farina 00

100 gr di farina di fecola di patate

150 gr di zucchero

2          uova

1          bustina di lievito

2          cucchiai di canditi

200 cc di panna fresca

100 gr di cioccolato fondente

 

 

Procedimento

 

Lavorate in un robot lo zucchero e le uova.  Lasciatele gonfiare per bene fino a quando non saranno diventate una crema bianca e filante.  Tenete da parte.

In una terrina miscelate le farine ed il lievito.

In un tegamino scaldate la panna e non appena al bollore, versatela sul cioccolato fondente ridotto a scaglie, mescolate con cura e tenete da parte a raffreddare.

Riprendete le farine e versatele pian piano nel composto di uova e zucchero, mescolate facendo attenzione che non si sgonfino, poi a filo versate la crema al cioccolato che dovrà essere a temperatura ambiente, non calda.

Mescolate con una frusta affinché il composto inglobi più aria possibile.

Da ultimo aggiungete i canditi.

Imburrate una teglia da Kugelhupf oppure una teglia a piacere e spolveratela di farina per evitare che l'impasto si attacchi ad essa.  Versate il composto, livellate e passate in forno caldo a 180° per 40 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare prima di capovolgere.

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
31 ottobre 2011 1 31 /10 /ottobre /2011 18:19

Torte-dolci 6265

 

 

Partiamo dal punto in cui, una fa un disaster, che al momento pare irrimediabile e poi cerca di riparare al danno, ma s'incastra ancora di più e lascia perdere e poi pensa fra sé e sé che chi molla è perduto e quindi ritorna all'esecuzione ed alla fine riesce a combinare qualcosina di presentabile e buono: è proprio vero chi la dura la vince!

La tortina in oggetto è l'esempio di cui sopra.  Tutto andava bene sino all'esecuzione della frolla, poi la ganache è venuta troppo liquida a causa della bilancia che si è  "scassata" e non me ne sono accorta ed ha pesato una quantità di cioccolato per un'altra. Quindi ho dovuto mettere la ganache in frigorifero, aspettare che si addensasse. L'ho guardata e riguardata per un milione di volte e niente da fare, allora l'ho trasferita nelle tortine pensando che una quantità inferiore refrigerasse in un tempo minore. La ganache si è "spantegata" nel frigor ed ha impiastrato anche la frutta.  Dopo tre ore, la ganache era finalmente solida! 

Il nome di questo dolce  -ganache- non potrebbe essere più appropriato oggi, infatti tale vocabolo significa  maldestro.

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 12 tortine

 

300 gr di pasta frolla per la quale vi servono

300 gr di farina 00

150 gr di zucchero

1           uovo ed 1 tuorlo

170 gr di burro

1          buccia grattugiata di limone

1          bustina di vanillina

1          sventagliata di zucchero a velo

 

 

Ganache

 

250 gr di panna fresca

250 gr di cioccolato fondente

             

Decorazione

12      Pesche od albicocche sciroppate

1         Bustina di scaglie di mandorle

 

Procedimento

 

Pasta frolla

Impastare la farina con lo zucchero, la vanillina, la buccia di limone grattugiata ed il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée").  Aggiungere le uova sbattute e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo.  Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno  30' minuti .

Riprendere la frolla, stenderla abbastanza sottile e rivestire delle teglie monodose, oppure una teglia da 18 cm.

Passare in forno caldo a 180° per almeno 15' minuti.  Togliere gli stampini dal forno e lasciar raffreddare le frolle.

 

In una terrina a bordi alti, spezzettare il cioccolato in piccole scaglie.

In un pentolino antiaderente versare la panna e portarla a bollore.  Rovesciare la panna bollente sul cioccolato e mescolare fino a completo scioglimento di quest'ultimo. Si dovrà formare una crema abbastanza morbida ma non liquida.  Versare la crema nelle singole frolle e passare in frigorifero per consolidamento almeno per 1 ora.

 

Passato questo tempo, decorare le frolle con una pesca od un'albicocca sciroppata e rivestirle di mandorle in scaglie.

Una spolverata di cacao amaro per finire.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
22 ottobre 2011 6 22 /10 /ottobre /2011 18:31

 

  

  Torte-dolci 6162

 

   

 

Dolce dell'ultimo minuto? Si!

Basta avere a disposizione un po' di pasta sfoglia, un paio di mele e naturalmente la marmellata di zucca ed arance di ieri e la tarte aux pommes  (il nome è già di per sé un programma) è fatta.

La serata si conclude con un dolcetto piccino, ma sfizioso che accompagnato da una pallina di gelato alla crema accorda il bollente con il "gelato".

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 6 tortine

 

1    rotolo di pasta sfoglia

2    mele grandi

6    cucchiai di marmellata di zucca ed arance

      (oppure di marmellata a scelta preferibilmente di frutta gialla)

1    spolverata di cannella

1    spolverata di zucchero a velo

1    succo di un limone

 

 

Stendete la pasta sfoglia e ritagliate sei dischetti che saranno la base delle tartellette.

Rivestite gli stampini ed arrotondate i bordi.

Versate un buon cucchiaio di marmellata in ogni stampino.

Sbucciate le mele, togliete i torsoli e irroratele di succo di limone affinché non anneriscano.

Tagliarle a fettine sottili e disporle sulla tartelletta cercando di creare un motivo decorativo.

Spolverare di cannella ed un pochino di zucchero a velo. Introdurre in forno già caldo a 200° per 15' minuti.

Servire calde con gelato alla vaniglia.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
15 ottobre 2011 6 15 /10 /ottobre /2011 20:44

 

 

 

 

  Torte-dolci 6042

 

 

   

Oggi, ho un po' Saturno contro!

Forse non solo io, però, in quanto sono andata a vedere un film molto carino, Soul Kitchen, poi vi racconto e antecedentemente la proiezione c'è stata la presentazione di una ricetta in diretta.

Neanche al cuoco è venuta perfettamente! Ma niente di male, si premia l'intenzione.

Tornata a casa, ho pensato di fare un dolce anch'io.  Avevo in mente una crostata con ganache al cioccolato, ma poi ho cambiato direzione, facendomi influenzare da una ricetta del 1960, tratta da un libro di una mia cara zia, Nene, che ha deciso di regalarmi pensando ad un "vintage d'autore". Adoro zia Nene....

Bene la ricetta era:" Struedel di mele con crema". 

Ho iniziato a lavorare e già nella preparazione della sfoglia, le quantità degli ingredienti erano sbagliate, troppi liquidi e troppo poca farina.  Ho aggiustato il tiro ed ho ottenuto un impasto abbastanza elastico.  OK, ho pensato rattoppato.

Ho proseguito con la ricetta, sebbene ormai avevo un pregiudizio nei confronti dell'autore e quando il phatos se ne va il risultato lascia a desiderare.

Quindi stasera strudel di mele con crema che non c'è, nonostante la ricetta sia stata scrupolosamente seguita.

 

Soul Kitchen invece è un film molto, molto carino, una commedia con risvolti molto comici, ma anche sentimentali.

La trama:

 

Zinos è un giovane greco, proprietario del ristorante Soul Kitchen, dislocato in Germania. Purtroppo, Zinos non sta attraversando un periodo felice della sua vita. Il fratello è in carcere, gli affari vanno male, lui cucina da schifo, e la sua ragazza Nadine si è appena trasferita a Shangahi.  Come se non bastasse, nel tentativo di spostare la sua lavastoviglie che pesa un quintale, si procura il fatidico colpo della strega e non riesce più a muoversi con facilità.

Ingaggia quindi uno chef fantastico che ha conosciuto in un ristorante in cui aveva cenato con Nadine. Il cuoco è molto particolare, diciamo pure un fuori di testa, ma ha talento, molto talento. In un primo momento le sue ricette non vengono capite, nemmeno la lista per le ordinazione, poi il fato gira e pian piano il locale incomincia a essere frequentato da studenti, amanti della musica rock e soul che fanno del ristorante il loro punto di ritrovo.  Il locale prende il volo ma.... Zinos vuole Nadine e quindi incarica il fratello - che è in custodia cautelare - di gestire per suo conto il ristorante. Illias il fratello, gioca a poker con un tipo losco Neumann e naturalmente per pagare i debiti di gioco, vende il ristorante.

Fra mille problemi e roccambolesche situazioni, Zinos riesce a riprendersi il locale grazie a Nadine, che pur non essendo più la ragazza di Zinos, in quanto fidanzatasi con un cinese, lo aiuta a ricomprarselo prestandogli i soldi.

Zinos è di nuovo in pista non solo economicamente, ma anche sentimentalmente.  Un nuovo amore sta entrando nel suo ristorante.

 

La ricetta : Spero, che a chinque la esegua, venga meglio che non a me. Fatemelo sapere.

 

Ingredienti per uno strudel come da foto.

 

Pasta

 

300 gr di farina

  60 gr di burro

    2 dl di acqua (attenzione.. controllate l'assorbimento della vs. farina prima di aggiungerla del tutto)

    2 uova piccole (attenzione.. se le uova sono grandi, meglio usarne solo uno)

  20 gr di zucchero

    1  pizzico di sale

 

Farcia

 

400 gr di mele

   50 gr di uvetta sultanina ammollata

   70 gr di burro

     4 uova

100 gr di zucchero

        buccia di limone grattugiata

        cannella

15   savoiardi

  7   amaretti

  2   cucchiai di pane grattugiato

 

Procedimento

Mettete il burro con l'acqua in un padellino e fatelo sciogliere. Disponete la farina a fontana, mettete al centro le uova,il sale, lo zucchero ed il burro fuso nell'acqua. Impastate fino ad ottenere una pasta liscia, fatene una palla e mettetela a riposare per 20 minuti su di un piatto ricoperta da una pentola vuota e calda.

Trascorso il tempo necessario, stirate la pasta abbastanza sottile e preparate la farcia.

Lavorate a crema il burro, lo zucchero, poi unite uno per volta i tuorli e la scorza di limone.

A parte montate a neve ferma gli albumi ed incorporateli poi alla crema tuorli e zucchero.

Schiacciate finemente alcuni savoiardi ed uniteli al composto per dare una maggiore consistenza.

Spolverate la sfoglia che avete tirato in precedenza, di pane grattugiato. Stendetevi la farcia e sopra di essa le mele tagliate a fettine sottili.  Un pizzico di cannella e l'uvetta. Chiudete i lembi sul ripieno prima di eseguire l'operazione di arrotolamento e poi disponete lo strudel su placca da forno.

Lucidatelo con burro fuso ed infornate a 180° per 40 minuti.

Il risultato, almeno il mio, è quello esposto in foto. !!!

 

 

ENJOY??? MA FORSE

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
10 ottobre 2011 1 10 /10 /ottobre /2011 19:48

Torte-dolci 5913

 

 

Come si fa a trovare marmellata inglese nei dintorni?  Semplice, basta andare alla fiera di Cesano Maderno che ospita 1000 bancarelle di tutto il mondo. E' una kermesse che dura  solo un sabato ed una domenica, di solito a metà Ottobre e che raggruppa i prodotti tipici culinari di gran parte d'Europa, nonchè le bulbose olandesi e tanto, tanto altro ancora.

Come trattenersi? Impossibile.  Ho assaggiato tutte le marmellate, le jam, i curd, i chutney e chi più nè ha nè metta di questa bancarella inglese "The Cherry Tree" e naturalmente ho acquistato : Raspberry Extra Jam e Lemon Curd.

 

 

 

 

 

        Fiori-5863.jpg                                          Fiori 5873

 

 

Ho deciso di abbinare questa formidabile marmellata con delle tortine poco dolci, fatte con cacao amaro, pere e mele.

Apparentamente poco invitanti, hanno un cuore morbido ed umido per la frutta contenuta.

Sono una facile colazione mattutina ed inoltre poco grasse perchè impastate con molto yogurt.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 12 tortine

 

350 gr di farina 00

100 gr di cacao amaro

125 gr di yogurt bianco naturale preferibilmente di tipo greco

150 gr di zucchero semolato

1          bustina di lievito vanigliato

50   cc di Bailyes

2           pere Williams

1           mela Golden

1           buccia grattugiata di arancia

1           pizzico di sale

2           cucchiaini di cannella

80 cc di latte

2           uova

100 gr  di burro

 

Procedimento

 

Miscelate la farina, il cacao, la cannella, lo zucchero, il lievito ed un pizzico di sale. Versate il tutto in un mixer ed aggiungete la scorza di arancia, le uova, lo yogurt, il Baileys ed il burro precedentemente ammorbidito. Miscelate il tutto ad alta velocità; se l'impasto risultasse troppo duro, diluitelo con un poco di latte.

 

Sbucciate la frutta e tagliatela a dadini; incorporatela all'impasto.

 

Preriscaldate il forno a 180-200° e disponete la miscela in piccoli stampini monodose.

 

Fate cuocere per 25-30'; controllate la cottura con uno stecchino e sfornate solo se quest'ultimo fuoriesca asciutto.

 

Lasciate raffreddare e servite con marmellata gusto a piacere.

 

Buona colazione!

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca