750 grammes
Tutti i nostri blog di cucina Segui questo blog Administration + Create my blog
7 febbraio 2014 5 07 /02 /febbraio /2014 15:25

Risotti 0772

 

Lo so bene che il Riso Venere non si amalgama come il nostro riso bianco, magico e buonissimo; ciò nonostante il riso nero, fresco, saporitissimo permette allo stesso modo di avere un "risottino" gustoso, con chicchi molto al dente che ben si coniugano con le verdurine saltate a parte ed unite solo all'ultimo. Un take away se servito nei barattoli di vetro a chiusura ermetica.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 3 persone

 

270 gr di riso Venere

     2 cucchiai di cipolla,carota e sedano tagliati a cubetti

     2 peperoni

     2 carote

     2 cucchiai di pisellini

  10 fagiolini

     2 spicchio d'aglio

         basilico fresco a piacere

         vino bianco secco

         acqua o brodo vegetale bollente

         sale, pepe e olio extravergine d'oliva q.b.

 

Procedimento

 

Lavate e pulite le verdure, tagliatele a dadini piccolissimi e cuocete i peperoni, le carote e i fagiolini in una pentola antiaderente nella quale avrete scaldato l'olio, l'aglio e qualche foglia di basilico. Salate solo a cottura al dente, scolate e tenete in caldo.  A parte, cuocete i pisellini dopo aver scaldato un pochino d'olio e aglio, unite i legumi e un goccino d'acqua. Portate a cottura in 10' minuti.  Teneteli in caldo.

In una pentola antiaderente scaldate l'olio, il soffritto misto, una foglia di basilico. Unite il riso, lasciatelo tostare e sfumate con il vino bianco secco.  Aggiungete poi il brodo bollente, salate e portate a cottura addizionando di brodo fino a che il riso non si sia ammorbidito, ma rimasto croccante.   Mantecate con un cucchiaio di olio extravergine d'oliva fruttato, un pochino di pepe.  Disponete in cocottine, prima i le verdure, poi il riso e ancora le verdure. Decorate con foglie di basilico fresco e...

ENJOY !

Condividi post
Repost0
26 dicembre 2013 4 26 /12 /dicembre /2013 14:34

Immagine-050.jpg

Il gambero è croccantissimo fuori grazie al bacon e morbido dentro, i carciofi sono cucinati in due modi : pastellati e brasati.  Il riso un classico:  white Christmas...

Condividi post
Repost0
8 dicembre 2013 7 08 /12 /dicembre /2013 14:12

Immagine 017

 

Questo è un risottino semplicissimo con polpettine delicate di pollo e vellutata di carote a formare un piatto unico per la Domenica. 

Ecco la ricetta

 

 

Ingredienti per 3 persone

 

240 gr di riso Carnaroli

1           porro piccolo

1           spruzzata di aceto balsamico

450 cc di acqua bollente o brodo vegetale

400 gr di avanzi di pollo cotto

2           cucchiai di ricotta fresca vaccina

3           fette di pane in cassetta

1           uovo

2           cucchiai abbondanti di pane grattugiato

1           cucchiaino di scorzette di limone

300 gr di vellutata di carote, per la quale vi servono

300 gr di carote

1           cipolla bianca

1           foglia di alloro

             Parmigiano reggiano a piacere

             Glassa di aceto balsamico a piacere

             olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

Procedimento

 

Pelate e tagliate a pezzi le carote. Sbucciate la cipolla e tagliatela a fette. In una padella antiaderente versate olio, cipolla e alloro, lasciate insaporire, aggiungete le carote e poi acqua bollente a copertura completa della verdura. Salate, pepate e portate a cottura in circa 15 minuti. Non appena pronte, frullate le carote nel loro liquido fino ad ottenere una vellutata liscia alla quale unirete 1 cucchiaio di ricotta; frullate ancora affinchè la ricotta si amalgami bene al composto.

Macinate gli avanzi di pollo insieme al pane leggermente inumidito, ricotta, buccia di limone, sale e pepe q.b. Se il composto risultasse troppo morbido, versate un cucchiaio di pane grattugiato e mescolate il tutto. Formate delle piccole palline che passarete nel pane grattugiato.  In una padella antiaderente scaldate l'olio, un pochino di porro e rosolate le polpettine fino a doratura completa. Tenete in caldo

In una pentola a bordi alti, scaldate l'olio e stufate il porro tagliato a fettine sottilissime. Versate il riso e fatelo tostare. Sfumate con una spruzzatina di aceto balsamico e non appena evaporato, coprite con brodo vegetale o acqua bollente. Salate e portate a cottura in 15' minuti.  Mantecate con Parmigiano reggiano a piacere.

Servite il riso con la vellutata di carote al centro del piatto e le polpettine.

ENJOY !

Condividi post
Repost0
7 settembre 2013 6 07 /09 /settembre /2013 13:28

Immagine 021

 

 

Mi piace moltissimo il melone e ancora di più il Charentais che è dolcissimo. L'abbinamento al riso con il Bacon affumicato ricorda il più classico prosciutto, melone e pane, ma l'aggiunta di un buon prosecco alla tostatura del riso, fa un po' la differenza.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 2 persone

 

 

1        melone Charentais (ma anche quello che vi piace di più)

160   gr di riso Carnaroli

200   cc di prosecco

150   gr di pancetta affumicata

1       cucchiaio di soffritto misto

1       noce piccola di burro

500  cc di acqua bollente

         olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento

 

Tagliate il melone a metà per il senso della larghezza. Svuotatelo con lo scavino per formare delle palline, mettetele in una bacinella con un po' di prosecco affinchè ne acquistino l'aroma.

In una pentola antiaderente scaldate l'olio, il burro, il soffritto. Lasciate insaporire, poi aggiungete la metà delle palline di melone, mescolate e poi unite il riso.  Fate tostare il tutto e sfumate con il prosecco.  Lasciate evaporare l'alcool e poi irrorate con acqua bollente.  Portate al bollore, salate e cuocete il tutto per 12-15 minuti massimo.

Mentre il riso cuoce, tostate la pancetta: ponete una padella antiaderente sul fuoco e non appena calda, versate la pancetta a dadini. Fatela dorare e poi scolatela dal grasso e tenetela da parte per uso finale.

A riso cotto, disponetelo nei piatti di servizio, decorate con palline di melone al prosecco e pancetta affumicata arrostita. Una spolverata di pepe non guasta.

ENJOY !

Condividi post
Repost0
10 febbraio 2013 7 10 /02 /febbraio /2013 13:47

Risotti 1826

 

 

Era un po' che volevo farlo, ma in casa non tutti amano i carciofi e quindi avevo un po' di resistenze familiari.  Io invece adoro i carciofi; mi piace il loro gusto tra l'amaro e il dolce, mi piace perfino il gambo e spesso, già da crudi, li sgranocchio.  Questo è un risottino cremoso con un corredo di carciofi cotti separatamente, perchè secondo il mio punto di vista, il carciofo deve rimanere integro, croccante e saporitissimo. Il gusto alla pietenza viene dato dal brodo di carciofi e dal frullato dei loro gambi.

 

La  ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di riso Carnaroli

1      mezzo cucchiaio di cipolla bianca tritata

1      spicchio d'aglio

5      carciofi grandini, belli sodi

1      cucchiaio di prezzemolo tritato

60   gr di parmigiano grattugiato

70   cc di vino bianco

500 cc di acqua bollente

1      limone

1      noce di burro

        olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

Procedimento

 

Togliete le foglie più esterne e i gambi dei carciofi, puliteli per bene rimouvendo la parte più coriacea. Pulite i cuori e metteteli in acqua leggermente acidulata con succo di limone. Immergete foglie e gambi in acqua bollente e lasciate cuocere per 10 minuti, il tempo necessario che i gambi si ammorbidiscano e che il brodo acquisisca il colore ed il sapore di carciofi. Togliete i gambi e frullateli, tenete da parte.

In una pentola a bordi alti e antiaderente, scaldate l'olio extravergine e rosolate la cipolla, senza bruciarla, aggiungete poi il riso, tostatelo e subito dopo mischiate al riso la purea di carciofi; lasciate insaporire e sfumate con il vino bianco. Fatelo evaporare poi versate il brodo di carciofi poco per volta e cuocete il riso per 12-15' minuti.

Nel frattempo preparate i carciofi in padella.  Scaldate l'olio e l'aglio e aggiungete i carciofi tagliati a spicchietti. Fate insaporire e sfumate con vino bianco affinchè non anneriscano e rimangano croccanti. Salate ed eventualmente versate un goccino d'acqua e portate a cottura in 10' minuti.

Controllate il risotto, mantecatelo con burro e parmigiano, servitelo nei piatti e decorate con i carciofi spadellati. Spolverate di pepe e prezzemolo e.....

ENJOY!

Condividi post
Repost0
2 gennaio 2013 3 02 /01 /gennaio /2013 08:11

Risotti 1634

 

Bene, molto bene, finalmente siamo tornati alla semplice normalità!  Un risottino simpatico, perchè rosso e ben augurante,  per ritornare ad un livello di "colesterolo" nella scala dell'accettabile!

Scherzo, ma dopo tutti i dolci, le bollicine, i paté e ogni altra forma di cibo propostaci e assimilata in questi giorni, ho bisogno di ritornare, lentamente, ad un ritmo meno frenetico e quindi cosa meglio di un risotto? Niente, almeno per me!

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di riso Carnaroli

1      cucchiaio di concentrato di pomodoro

1      cucchiaio di soffritto misto

1      vasetto di paté di olive taggiasche

1      vasetto di olive taggiasche

4     steli di erba cipollina

50   gr di Parmigiano grattugiato

70   cc di vino bianco secco

1     noce di burro

400 cc di acqua bollente o brodo di carne

        olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento

In una casseruola a bordi alti imbiondire il burro e l’olio e far sudare il soffritto misto. Aggiungere  il concentrato di pomodoro e lasciarlo asciugare per bene, affinchè perda la sua acidità, versare il riso.  Tostarlo e non appena traslucido, aggiungere il vino e lasciarlo evaporare, poi il brodo caldo poco per volta, facendolo assorbire dal riso. Salare e cuocere per circa 12-15 minuti se si desidera una cottura al dente,  qualche minuto in più per una cottura media. A cottura avvenuta, togliere dal fuoco e  mantecare con una nocetta di burro e parmigiano reggiano. Decorare con una quenelle di paté di olive taggiasche circondata da uno stelo di erba cipollina e da olive a corona.

Il paté potrà poi essere mischiato al riso da ogni commensale.

ENJOY!

Condividi post
Repost0
19 dicembre 2012 3 19 /12 /dicembre /2012 17:28

Risotti 1504

 

 

Trovo il risotto "elegante"! Strano? Si, forse, ma un piatto di risotto fumante, ordinato nel piatto e profumato al gusto  preferito, mi piace molto, moltissimo. Sono di parte, lo so, ma sono una risottara!!!!

 

La ricetta

 

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di Riso Carnaroli

1      scalogno

1      noce di burro

1      goccino d'olio extravergine d'oliva

70    cc di vino bianco secco

500  cc di brodo di carne - o acqua bollente

150  gr di gorgonzola dolce

1 o 2 pere Decana, dipende dalla grandezza

6       noci

         sale q.b.

 

Procedimento

In un tegame a bordi alti, scaldate una parte di burro con un poco d'olio, lo scalogno affettato sottilmente; lasciate "sudare" la bulbosa e poi aggiungete il riso. Tostatelo, irroratelo con il vino bianco, lasciate evaporare poi aggiungete poco per volta il brodo. Salate e portate a cottura in 12 minuti.

Sbucciate le pere, tagliate 12 spicchietti decorativi, ed il resto a dadini. In una padella antiaderente scaldate un pochino di burro, versate le pere e lasciatele rosolare.  Toglietele non appena dorate.

A pochi minuti dalla fine della cottura del riso, aggiungete le pere e mantecate fuori dal fuoco con il gorgonzola.

Servite nei piatti e decorate con spicchietti di pera e gherigli di noce.

ENJOY!

 

 

 

Condividi post
Repost0
13 dicembre 2012 4 13 /12 /dicembre /2012 13:39

Risotti 1415

 

Il risotto è il simbolo del Natale nella mia famiglia di ramo materno. Era il nonno Giovanni che si metteva ai fornelli il giorno di Natale a prepararlo secondo tutti i canoni della cucina lombarda. Il racconto è di mia madre, bambina, che se lo ricorda indaffarato in una veste decisamente inusuale per un uomo nato alla fine del 1800.

Era il suo gesto affettuoso per la famiglia, in un tempo in cui potersi permettere un primo piatto eseguito con il brodo di carne, significava proprio festeggiare un grande giorno.

Quello di oggi è un piatto decisamente ricco e con sapori di contrasto : zucca e mele sul dolce e fegato di coniglio un poco amaro, per bilanciare. Una buona mantecatura con un burro delle prealpi e un pizzico di parmigiano completano il tutto.

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

250 gr di zucca

1      mela Golden grande

4      fegatini di coniglio

100 gr di burro

4      foglie di salvia

4      foglioline di rosmarino

1      cucchiaio di soffritto misto

50   cc di vino bianco secco

1     spicchio d'aglio

320 gr di riso Carnaroli

400 cc di brodo di carne o acqua bollente

        olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

Procedimento

 

Sbucciate la zucca, privatela dei filamenti e semi. Tagliatela a dadini e tenete da parte.

In un tegame a bordi alti, scaldate una parte di burro con un poco d'olio, il soffritto misto; lasciate "sudare" la cipolla, poi aggiungete il riso, tostatelo, irroratelo con il vino bianco, lasciate evaporare poi aggiungete poco per volta il brodo. Salate e portate a cottura in 12 minuti.

A parte, in una padella antiaderente, scaldate di nuovo una parte di burro e un poco d'olio, versate aglio e aromi, lasciate insaporire poi aggiungete la zucca, fatela tostare e dopo qualche minuto di cottura, aggiungete anche la mela tagliata a dadini. Salate e fate cuocere per pochi minuti, giusto il tempo che la zucca si ammorbidisca un poco.

Separatamente cuocete il fegato partendo dalla stessa base di grassi: burro e poco olio con una foglia di salvia e rosmarino.  Fate scaldare bene la pentola prima, e il condimento poi. A questo punto adagiate il fegato, e fate cuocere a fuoco fortissimo prima un lato per 3 minuti, poi l'altro per altri 3.  Fuori deve essere molto colorito, dentro rimanere morbido e succoso. Toglietelo dalla padella e tenetelo in caldo.

A 12 minuti di cottura del riso, aggiungete la zucca e la mela, lasciate insaporire, poi il fegato tagliato anch'esso a dadini. Rimuovete la pentola dal fuoco e mantecate con burro e parmigiano, se vi va un pochino di pepe nero.

ENJOY !

 

Condividi post
Repost0
1 novembre 2012 4 01 /11 /novembre /2012 07:26

Risotti 0989

 

 

Molti sono i ricordi legati a questo risotto.

Uno dei primi è quello di nonna Francesca, alla quale da bambina ho rubato un piatto di riso, il suo, dopo aver pure mangiato il mio!  Lei faceva un risotto buonissimo, usava la sua padella di alluminio con i manici dorati, faceva il suo soffritto classico con la cipolla tagliata a grossi spicchi, e già quando soffriggeva ed emanava il suo profumo, io chiedevo: Ma nonna, è pronto?.

Lo zio Peppino, invece, aggiungeva i funghi secchi, ammollati precedentemente con cura e ben lavati da ogni residuo terroso.  Filtrava l'acqua nera dei funghi e l'aggiungeva al risotto affinché prendesse tutto l'aroma e la fraganza del caso.

Adoro il risotto, sono proprio una "risottaia", lo preferisco alla pasta, che non disdegno per nulla, ma ad un  risotto rinuncio raramente e come si potrebbe? Il risotto giallo è la mia Madeleine di Proust!

 

 

La ricetta

 

Ingredienti

 

80 gr di riso Carnaroli a commensale

1    noce di burro

1    cucchiaio di olio

1    cucchiaino di cipolla dorata ben tritata

1    lt di brodo di carne sgrassato

1    cucchiaio di midollo di bue

1   bustina di zafferano

70 cc di vino rosso

70 gr di parmigiano grattugiato

     sale

 

Procedimento

 

In una casseruola a bordi alti imbiondire il burro e l’olio e far sudare la cipolla. Aggiungere il midollo di bue, poi il riso.  Tostarlo e non appena traslucido, aggiungere il vino e lasciarlo evaporare, poi il brodo caldo poco per volta, facendolo assorbire dal riso. Versare nel riso lo zafferano, salare e cuocere per circa 12-15 minuti se si desidera una cottura al dente,  qualche minuto in più per una cottura media.

A cottura avvenuta, togliere dal fuoco e  mantecare con una nocetta di burro e parmigiano reggiano.

 

ENJOY !

 

Condividi post
Repost0
13 settembre 2012 4 13 /09 /settembre /2012 08:03

Risotti 0275

 

 

 

Prima di mangiare ho bisogno di vedere cosa c'è nel mio piatto. E' proprio vero che prima si mangia con gli occhi e poi con la bocca.  Ho necessità di colore e poi naturalmente di sapore. Oggi,  verde e marroncino del bacon arrostito e croccante usato come contrasto. Semplice risottino agli spinaci, ma di un verde decisamente "speranza".

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di riso Carnaroli

1          cucchiaio di soffritto misto

500 gr di spinaci (anche surgelati)

1          spicchio d'aglio

3          fette di formaggio tipo fontina

4          fette di bacon

            olio extravergine d'oliva, una noce di burro, sale e pepe q.b.

3          cucchiai abbondanti di parmigiano reggiano

100     cc di vino bianco

500     cc di acqua bollente o brodo di carne a piacere

 

 

Procedimento

 

In una padella antiaderente scaldate l'olio e l'aglio, versate gli spinaci (sia che siano freschi o surgelati, versateli direttamente in padella senza lessarli.  Se sono freschi, la quantità deve essere maggiore, direi 1 kg; inoltre salateli immediatamente e copriteli con un coperchio. Cuoceteli per 8 minuti, giusto il tempo per ammorbidirli) e se surgelati cuoceteli per 12 minuti, fino a che la loro acqua sia ben assorbita. A fine cottura aggiungete le fette di formaggio che lasciarete fondere.  Prelevatene una quantità pari a 200 gr e frullatela per ottenere una purea. Tenetela da parte.

 

In una padella antiaderente e ben calda adagiate il bacon, fatelo rosolare coperto con un coperchio per evitare gli schizzi.  Salatelo e pepatelo, non appena ben rosolato, scolate il grasso e se ancora morbido rimettetelo in padella per ottenere la croccantezza voluta.  Raggiunto lo scopo, toglietelo dalla padella e tenetelo su un piatto di servizio, in caldo.

 

Preparate il riso: scaldate in una pentola a bordi alti, olio, burro e soffritto. Lasciatelo sudare, aggiungete il riso, tostatelo e sfumatelo con il vino bianco; a evaporazione dell'alcool, irrorate il riso con acqua bollente, salate e pepate.

Portate a cottura in 12-15 minuti, a 5 minuti dalla fine, aggiungete la purea di spinaci. Mantecate per bene e poi versate parmigiano e ancora una piccola noce di burro.

 

Servite il risotto ben caldo con chips di bacon e una spolverata di parmigiano che non guasta mai.

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2021

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca