Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
18 giugno 2011 6 18 /06 /giugno /2011 19:58

 

 

 

Piatti-di-pesce 4172 a

 

 

Rieccoci,  panatura all'inglese!  Ma è proprio una fissazione. In parte forse, però questo è un metodo comodissimo per avere un pesce croccantino senza friggere.

La panatura all'inglese permette d' immergere l'ingrediente da panare in burro sciolto, dopodiché  di passarlo nel pane grattugiato aromatizzato e dritto in forno.

Niente odore di fritto, niente olio in giro sul piano della cucina, un buon profumo ed un gusto appetitoso.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

  16       filetti di triglia puliti e deliscati

  80 gr  di prosciutto crudo

120 gr  di burro

250 gr  di pane grattugiato

1           cucchiaio di origano essiccato

6           rametti di timo fresco

1           buccia grattugiata di limone

1           buccia grattugiata di lime

             il succo di metà lime

1          pizzico di sale

8          foglie di salvia

8          stuzzicadenti

 

Procedimento

 

Sciogliere il burro a bagnomaria e lasciarlo raffreddare a temperatura ambiente.

Lavare il pesce, controllare che non ci siano spine, adagiarlo su di un piatto e spruzzarlo con il succo di lime.

Posizionare su un filetto una fetta di prosciutto crudo della stessa grandezza del filetto di pesce.

Sovrapporre un altro filetto ed una foglia di salvia. Chiudere a sandwich con l'aiuto di uno stuzzicadenti.

Passare il sandwich di pesce nel burro sciolto e poi nel pan grattato aromatizzato con l'origano, il timo e le bucce grattugiate degli agrumi.

Adagiare il pesce su di una teglia da forno ricoperta di carta da forno ed infornare a 190°-200° per 12-15 minuti.

Servire caldo con un'insaltina semplice.

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
16 giugno 2011 4 16 /06 /giugno /2011 19:32

Piatti-di-pesce 4159

 

 

 

 

Un po' d'India ogni tanto non fa male, l'odore delle spezie quando vengono cucinate mi fanno ricordare dei bellissimi e divertinti film e libri inglesi tipo:  Passaggio in India, Le piogge di Ranchipur,  Monsoon Wedding giusto per citarne alcuni.  Noi siamo quello che mangiamo e per la verità mi accorgo che il cibo di alcuni popoli lontani  è molto più forte, sostanzioso e focoso rispetto al nostro.  Il loro cibo è ancora sostentamento e quindi necessità di completo nutrimento, noi siamo passati allo "sfizio" e quindi tutto è più costruito, studiato e fotografato.....

In ogni caso, tutto passa attraverso un'evoluzione ed anche il cibo non ne è  esente.

 

La ricetta

Ingredienti per 4 persone

 

20  scampi

2    scalogni

1    dl di vino bianco secco

1    dl di panna fresca

1    noce di burro

1    cucchiaio di curry

1    cucchiaio di gran Masala

1    mazzetto odoroso

1    Lime - succo + buccia grattugiata

      sale e pepe q.b.

1    melanzana

1    cucchiaio di uvetta sultanina

1   spicchio d'aglio

300 gr di riso Basmati

       olio extravergine d'oliva

1     cipolla

 insaporire gli ingredienti per pochi minuti e versarli in un piatto di portata.

 

Riempite una capace pentola d'acqua immergetevi il mazzetto odoroso e gli scampi e portare in ebollizione.

Scolare gli scampi, raffreddarli e togliere il carapace ed il midollino.

Tenere da parte

 

In un tegame lasciate sciogliere una noce di burro, insaporitevi gli scalogni tritati, aggiungete il curry ed il gran Masala, mescolate, versate il vino e fate ridurre della metà. Unite la panna, un pizzico di sale e pepe, mescolate bene

 

Disponete gli scampi su di un piatto da portata caldo, spruzzateli con il succo di Lime e copriteli con la salsa.

Montare il piatto con lo sformatino di riso, gli scampi intorno irrorrati di salsa e ricoperti da una spolveratina di buccia di lime.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
26 maggio 2011 4 26 /05 /maggio /2011 20:20

 

 

   

Copia di IMG 3908-copia-1 

     

Veloce da farsi, sopprattutto se il riso viene bollito in anticipo. Si torna a casa all'ultimo minuto e via, una scottata al tonno, una salsa sale,limone, olio, origano, aglio (salmoriglio) una base di riso e tutti a tavola, la cena è servita!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

500 gr di tonno a fette

400 gr di riso parboiled

3      cucchiaini di capperi

1      metà limone (succo di limone)

10   foglie di origano fresco

2      spicchio d'aglio

        olio, sale e pepe q.b

1     cucchiaio di parmigiano reggiano

6-7 foglie di basilico

1 cucchiaio di soffritto misto (cipolla-carota-sedano)

 

 

Bollire il riso per 15' minuti in abbondante acqua bollente salata.

Scolarlo e saltarlo in una padella antiaderente dove avrete scaldato, aglio, soffritto misto, olio e 1 foglia di basilico.

Tenere da parte.

 

Preparare il salmoriglio, spremendo la metà di un limone e versandolo in un recipiente a bordi alti con 5 cucchiai di olio d'oliva, le foglie di origano, lo spicchio d'aglio, poco sale ed un pizzico di  pepe.

Frullare il tutto e passarlo al chinoise.

Separare il composto in due parti.   Una da versare direttamente sul tonno non appena cotto.  L'altra da rilavorare con le foglie di basilico ed il cucchiaio di parmigiano.  Frullare ancora pochi minuti e tenere da parte.

 

In una padella antiaderente bollente, versare un goccio d'olio ed uno spicchio d'aglio. Aggiungere le fette di tonno, salare leggermente e cuocere brevemente prima da un lato e poi dall'altro.  L'interno dovrà rimanere rosato.

 

Disporre sul piatto di portata un piccolo coppapasta e riempirlo con il riso, formando una base per il tonno che verrà tagliato a quadratini.  Versare sopra il tonno un cucchiao di salmoriglio e decorare con i capperi.

Strisciare un cucchiaino sporco di pesto limone, parmigiano, basilico e servire.

 

ENJOY !

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
24 maggio 2011 2 24 /05 /maggio /2011 18:59

 

  Piatti-di-pesce 3877-copia-1

 

 

 

E dove sta il pesce?  E' dentro alla terrina, coperto da verdurine fresche in insalata.

E' un altro di quei piatti a basso calore fornelli, giusto per la stagione.

Ognuno può avere una singola terrina, oppure come mostra la foto numero 2 si possono eseguire degli sformatini.

Decisamente però la terrina è più pratica, veloce e fa comunque la sua scena.

 

Piatti-di-pesce 3875

 

  

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

400 gr di filetti di merluzzo

3           spicchi d'aglio

3           fette di pane in cassetta

150 cc di vino bianco

2           cucchiai abbondanti di ricotta

             olio extravergine d'oliva

             sale e pepe q.b.

10        foglie di basilico

1           zucchina

1           peperone giallo

1           pomodoro ramato

1           mazzetto di fagiolini verdi

1           goccino d'aceto balsamico

 

 

 

 

In una padella antiaderente scaldare l'olio, l'aglio e due foglie di basilico.  Aggiungere il pesce, far rosolare a fuoco vivace, salare e pepare.  Sfumare con il vino bianco e cuocere velocemente fino a completo assorbimento del liquido.

Non appena il pesce sarà cotto, lasciarlo raffreddare su di un piatto di portata.

Nel frattempo preparare le verdurine:

Tagliare la zucchina, il peperone, il pomodoro ed i fagiolini in piccoli quadratini.  Condirle solo al momento del servizio,  con olio, sale ed un goccino di aceto balsamico. Tenere da parte.

 

Riprendere il pesce, versarlo in una terrina, aggiungere il pane senza crosta, la ricotta e frullare ad alta velocità.

Riempire con il composto delle singole terrine da riporre in frigorifero per almeno 1 ora.

Prima di presentare le terrine in tavola, cospargere la sommità con le verdurine, accompagnando il tutto con crostini di pane.

 

Per ottenere invece dei piccoli sformatini, inumidire con olio crudo gli stampini, posarvi una foglia di basilico in ognuno di essi. Riempire con il composto, passare in frigorifero per almeno 1 ora.

Capovolgere gli stampini ed accompagnarli con una girandola di verdurine.

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
18 maggio 2011 3 18 /05 /maggio /2011 19:40

 

 

 

 

 

 

Copia di IMG 3853

 

 

Finalmente l'estate!

Eh si! dopo una serie di ricette ancora autunno-inverno, questa è proprio qualcosina di fresco, immediata e colorata!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

12 fette di salmone affumicato

2   zucchine grandi

1   succo di un limone

6   foglie di basilico

2   caprini

     sale e pepe q.b.

     olio extravergine d'oliva

 

 

Lavate le zucchine e tagliatele per la lunga incidendo la verdura per  4 mm di spessore, praticamente la parte più esterna con la buccia.

Tagliate le liste ottenute a metà nel senso della larghezza e poi a julienne.

In una bacinella, emulsionate olio, limone, sale ed un pizzico di pepe.

Tagliate a julienne il basilico ed aggiungetelo all'emulsione. Versatevi le zucchine e lasciate insaporire.

 

Disponete le fette di salmone su di un tagliere.  Spalmate su ciascuna uno strato di caprino, pepate leggermente.

Appoggiate al centro un mazzettino di zucchine ed arrotolate le fette su se stesse.

Servitene 3 a commensale, cospargendo il piatto con un filo d'olio crudo.

 

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
3 maggio 2011 2 03 /05 /maggio /2011 19:15

 

 

Piatti-di-pesce 3736

 

 

Non più tardi di ieri ho detto che non amo per niente il sushi, però il pesce crudo trattato in un certo modo e con un gusto mediterraneo non mi dispiace.

Giusto un assaggino, un leggero antipasto. Qui presento una tartare di salmone con tre sapori differenziati:

la prima con maionese e capperi, la seconda con patè di olive nere, la terza olio, limone e rucola.

Se si utilizza un coppapasta piccolino da 3 cm di diametro, possono essere offerte nella misura di tre a commensale, viceversa, cioè usando un coppapasta 7 cm di diametro, meglio un solo tipo a scelta.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

250 gr di salmone fresco

1     cucchiaio di capperi

1     cucchiaio di maionese

1     cucchiaio di paté di olive

1     cucchiaio di rucola tritata

1     succo di limone intero

1     cucchiaino di  zeste di limone

1     punta di cucchiaino di zucchero

       sale e pepe q.b.

       olio extravergine d'oliva

 

 

Procedimento

 

Sciacquate il salmone, togliete pelle e spine centrali con l'ausilio di una pinzetta. Tagliatelo a cubetti medio-piccoli e ponetelo in una bacinella. Irrorate con il succo di limone e condite con  le zeste, la punta di zucchero, sale, pepe ed olio di oliva. Mescolate e lasciate riposare per 10' minuti in frigorifero.

Nel frattempo, tritate la rucola e separatamente i capperi.

Preparate 3 bacinelle, nella prima mettete il cucchiaio di maionese ed il trito di capperi, nella seconda il paté di olive e nella terza la rucola tritata.

Estraete dal frigor il salmone, distribuitelo in parti uguali nelle 3 bacinelle e mescolate delicatamente per farsì che il salmone non si spezzetti.

 

Preparate il piatto da portata sul quale appoggerete il coppapasta della misura desiderata. Versate il composto nel coppapasta e togliete l'attrezzo con cautela.

Il risultato sarà un dischetto della misura scelta.

Spolverizzate con rucola il disco olio e limone, appoggiate un'oliva nera su quello con il paté d'olive e aggiungiate un fiocchetto di maionese sull'ultimo.

 

ENJOY!

 

    

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
2 maggio 2011 1 02 /05 /maggio /2011 21:03

 

 

Piatti-di-pesce 3702

 

 

 

 

 

 

  

 

Vi ricordate, o meglio avete mai visto il film WASABI?  E' un film francese del 2001 con protagonista Jean Reno, quell'attore francese molto bravo, che ha fatto Ronin, La Pantera Rosa ultima serie e diversi noir-polizieschi niente male.  Beh, ha fatto anche Wasabi, film simpatico che prende il titolo da una scena in cui il protagonista, Hubert Fiorentini (Jean Reno), mangia un'intera ciotolina di wasabi in un ristorante giapponese senza batter ciglio.

Val la pena vedere questa scena, perchè il collega di Fiorentini, incautamente, lo imita e non avendo lo stesso tipo di papille gustative........ potete immaginare.

 

Passando davanti allo scaffale dei cibi orientali, ho visto il tubetto di Wasabi e non avendolo mai assaggiato perchè non amo per niente il sushi, ho deciso di comprarlo ed abbinarlo a dei gamberi cotti, però.

 

Dunque ho preparato la mini frittura ed accompagnato il pesce rosa, dorato, croccante con il verde apparentemente fresco wasabi.

Ricordandomi la scena del film, sono andata molto cauta ed ho intinto leggermente, ma veramente solo un puntino di gambero nella salsina. Appoggiato sulla lingua ho incominciato a sentire un calore ed un fuoco inaspettato per una porzione così piccina.  Ho dovuto demordere, non ho il fisico per il Wasabi!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

500 gr di mazzancolle -

400 gr di pane grattugiato!

150 gr di farina di mais

2           uova

1 lt        di olio per friggere

             sale q.b.

200gr   farina 00

1           tubetto di wasabi

 

( wasabi=ravanello giapponese della stessa famiglia fanno parte anche il ravanello, il cavolo e la senape. La pianta cresce spontaneamente in vicinanza dei fiumi in zone fredde del Giappone, come per esempio in montagna o nelle valli in quota. E' molto piccante ed è anche soprannominata namida, ossia "lacrime", perché se usato in quantità eccessiva può far lacrimare).

 

 

Procedimento

Sbucciare i gamberi dal carapace, trattenendo però le codette.

Togliere il midollino con l'ausilio di uno stuzzicadenti.

Sbattere le uova e versarvi i gamberi. Passarli leggermente nella farina, ripassarli nell'uovo ed ora nel pane grattugiato miscelato alla farina di mais. Rifare il giro nell'uovo ed ancora nel pane+mais per avere una copertura di un certo spessore.

In una pentola a bordi alti, versare l'olio per friggere e portarlo a temperatura. Attenzione a non superare il punto di fumo, altrimenti l'olio è da buttare.

Versarvi pochi gamberi per volta, per non diminuire la temperatura dell'olio e permettere una frittura uniforme ed ad immersione completa dell'alimento.

Non appena dorati, scolare i gamberi cotti su carta assorbente poi passarli immediatamente in un cartoccio e servire con Wasabi o qualsiasi salsina a piacere.

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
26 aprile 2011 2 26 /04 /aprile /2011 16:58

 

 

Piatti-di-pesce 3570

 

 

Il titolo è lungo, ma vi assicuro la ricetta no.

E' il secondo piatto di Pasqua.  Niente agnello? No, quest'anno niente agnello, ma triglie.

Insomma, un po' di tradizione ed un po' di evoluzione. No?!?

Quindi ricapitolando, le triglie sono bianche con la pelle rossa, molto saporite già di loro, le carote sono arancioni e danno il tocco di dolce al piatto che viene subito stravolto dal toast di tapenade ed acciughe. Un continuo incontro fra dolce e salato, gustoso.

Nota bene: la tapenade è un patè d'olive nere con l'aggiunta di capperi ed acciughe.

In mancanza dell'originale francese, si può tranquillamente usare un patè italiano di olive nere taggiasche ed aggiungere poi separatamente nel toast i filetti di acciughe, ma ve lo spiego meglio nella ricetta.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

550  gr di filetti di triglie

600  gr di carote

1+1       spicchio d'aglio

16          fette di pane in cassetta

1            vasetto di paté di olive

1            vasetto di filetti di acciughe

4             olive nere

8 +2        foglie di basilico

               mezzo bicchiere d'acqua.

               sale e pepe q.b.

 

Sbucciare le carote e tagliarle a rondelle sottili.

In una pentola antiaderente scaldare l'aglio e l'olio. Versarvi le carote, rosolare, salare e coprire con un velo d'acqua.

Portare a cottura per 10minuti.  Versarle in una terrina a bordi alti e passarle con un frullatore ad immersione, aggiungendo ancora un cucchiaio di olio crudo per emulsionare la crema. Tenere in caldo.

 

Mentre le carote cuociono, preparare i toast.

Spalmare il pane con il paté ed adagiare su di una fetta 3 filetti di acciuga.  Coprire con l'altra fetta di pane e passare il matterello sopra il toast per farsì che gli ingredienti si amalghino bene fra loro ed il pane risulti quasi un'unica sfoglia.

Passare i toast nel tostapane orizzontale e non appena abbrustoliti, ritagliarli con un coppapasta circolare. Tenere in caldo.

 

In una pentola antiaderente, scaldare olio ed aglio, porvi a cuocere i filetti di triglia posandoli dalla parte della pelle.

Salare e pepare leggermente e girare i filetti sull'altro lato.

Cuocere il tutto per  un paio di minuti per parte.

Scolarli e tenere in caldo.

 

Montare il piatto

Stendere in maniera circolare un cucchiaio abbondante di purè di carote adagiarvi al centro due toast a commensale e aggiungere due filetti di triglia per parte.  Decorare con un paio di foglie di basilico ed un'oliva nera, immancabile un filo d'olio extravergine d'oliva.

 

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
21 aprile 2011 4 21 /04 /aprile /2011 20:12

 

 

  

 

Piatti-di-pesce 3466

 

 

 

 

Durante la settimana scorsa mi è capitato di mangiare quest'insalatina di polpo ed ho pensato di rifarla a casa.

Le versioni della ricetta sono due: 

la prima, classica con cottura del polpo fresco

la seconda, per chi volesse approfittare del surgelato "precotto" a disposizione nei supermercati, perchè come già detto in precedenza è giusto cogliere ciò che di buono l'industria offre pur non rinunciando al gusto ed ad un eventuale tocco personale che fa la differenza.

 

Le ricette:

 

Ingredienti per 4-6 persone

 

1       polpo da 1 kg (pulito dal pescivendolo- privato delle interiora)

4       grosse patate

500  gr di fagiolini baby verdi

1       cucchiaio di prezzemolo

1       foglia di alloro

1       cipollina

1       cucchiao di battuto di sedano e carota

         olio extravergine d'oliva

         sale e pepe q.b.

1       spicchio d'aglio

2       spicchi di limone

 

Procedimento

 

Portare ad ebollizione abbondante acqua con alloro e  le verdure.  Lavare bene il polpo sotto l'acqua corrente.

Batterlo ripetutamente su un piano (per questa operazione potete usare un batticarne) per sfibrare la carne.

Quando l'acqua bolle, tenendo il polpo tramite un forchettone infilato nel corpo, immergere i tentacoli nell'acqua e sollevarli. Ripetere l'operazione 3 volte per permettere l'arriccitura dei tentacoli.

Effettuata quest'operazione, immergere il polpo nell'acqua e abbassare il fuoco al minimo. Coprire e cuocere per 40 minuti.

Controllare la cottura e spegnere il fuoco. Lasciare raffreddare il polpo nell'acqua di cottura.

Poi, scolarlo e  spellare il corpo.  Togliere gli occhi ed  eliminare il becco.

Tagliare  tentacoli ed il corpo  a tocchetti.

 

 

ALTERNATIVA:

 

Acquistare una confezione di polpo precotto.

Versare il contenuto in acqua bollente per 2 minuti.

Scolare il tutto e passare sotto acqua fredda corrente.

Tagliare a tocchetti e condire con olio extravergine, succo di limone, sale e pepe.

Procedere come segue nel testo.

 

 

 

Mentre il polpo cuoce, lessare le patate tagliate a rondelle  per circa 15-20 minuti.

Nel frattempo aromatizzare olio extravergine d'oliva con aglio (ricordate: scaldare olio ed aglio in un tegamino antiaderente, spegnere al primo sentore di rosolatura).

Non appena cotte, scolarle e condirle con sale, pepe ed olio aromatizzato all'aglio

 

In una pentola portare ad ebollizione acqua salata e cuocere i fagiolini per 15' minuti. Passarli in padella con aglio ed olio extravergine, salare e versare in un piatto di servizio.

 

 

Montiamo il piatto:

 

Tagliare a piccoli pezzettini i fagiolini e mischiarli con le patate a rondelle ridotte anch'esse a misura.

A parte condire la piovra con olio, limone, pepe e sale.

Prendere una coppa da gelato e rivestirla di pellicola trasparente, versare per primo un cucchiaio abbondante di piova, aggiungere poi le verdure.  Pigiare il tutto con l'ausilio di un cucchiaio ed adagiarvi sopra il piatto da portata.

Capovolgere il tutto, rimuovere la coppa e la pellicola.

Il risultato : una coppa tricolore che condiremo ancora con un filo d'olio ed una spolverata di pepe.

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
19 aprile 2011 2 19 /04 /aprile /2011 18:06

 

 

 

Piatti-di-pesce 3437

 

 

Rieccoci, finalmente! 

Sono a casa con le mie pentole, i miei fornelli, il mio forno, i miei ingredienti, la famiglia da sfamare etc. etc.

Meno male!  Sebbene, mi piaccia sperimentare, cambiare, incontrare gente, assaggiare, alla fine  mi accorgo che fra i fornelli di casa mi ritrovo.

Oggi pesce, sebbene non sia venerdì!  Un buon tonno, spalmato di senape e ricoperto di semini di sesamo, accompagnato da un'insalatina di finocchi freschi aromatizzati con zeste di arancia ed olive nere al forno.

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

500 gr di tonno (4 fette)

1          cucchiaio (da minestra) abbondante di senape

1          sacchettino di semi di sesamo per l'impanatura

2          finocchi

1          arancia

16        olive nere

             sale e pepe

             olio extravergine d'oliva

1           spicchio d'aglio

1           rametto di timo

1           rametto di coriandolo

2           foglie di basilico

 

 

Procedimento

 

Lavare ed affettare i finocchi con l'ausilio di una "mandolina" (affettatrice a mano) con l'apertura più sottile possibile.

Riporre i finocchi in frigorifero posti in una bacinella d' acqua fredda gelata. Quest'operazione servirà a mantenere la verdura rigida ed a farsì che non annerisca.

Ricavare dall'arancia  sottili zeste e versarle in una bacinella con le olive.

Attendere il tonno.

 

 

Lavare le fette di tonno, salarle leggermente e spalmarle con la senape. Ritagliarle a quadratini piuttosto regolari.

Passarle nei semi di sesamo e nel frattempo scaldare in un tegamino antiaderente, l'olio, l'aglio e gli odori.

Posarvi i quadratini e cuocere velocemente prima da un lato e poi dall'altro, in tutto 5 minuti.

Il tonno dovrà risultare rosato all'interno.

 

Riprendere i finocchi, scolarli per bene,  versarli nella bacinella con olive e zeste, condire con olio extravergine, sale e pepe.

 

Posizionare i finocchi al centro ed intorno i quadratini di tonno.

 

ENJOY !

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca