Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
27 marzo 2011 7 27 /03 /marzo /2011 18:40

 

IMG 2968 (2)

 

 

 

Giornata di pioggerellina inglese, scoperto virus di enorme gravità nel computer e credo che per un po' di giorni avrò dei problemi di comunicazione, quindi che fare..... due spaghi seppie e vongole!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di spaghetti

250 gr di seppioline

150 gr di vongole sgusciate

1           cucchiaio di prezzemolo

2           spicchi d'aglio

1           bicchiere di vino bianco

             sale e pepe q.b.

             olio extravergine d'oliva

 

 

Procedimento

 

Dividere i riccioli di seppia dal corpo.  In una pentola antiaderente scaldare l'olio e l'aglio e versare i riccioli.

Lasciare insaporire, salare e sfumare con il vino bianco. Far cuocere per 35-40 minuti.

Tagliare a listarelle il corpo delle seppioline e saltarli per 2 minuti in una pentola con olio ed aglio.

Non appena i riccioli saranno pronti, aggiungere le listarelle di seppie e le vongole. Amalgamare il tutto e pepare.

 

Lessare in acqua bollente e salata gli spaghetti, cuocerli al dente e scolarli.

Versarli nella pentola del sugo, farli insaporire ed impiattare cospargendo un cucchiaio di prezzemolo.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pasta
scrivi un commento
25 marzo 2011 5 25 /03 /marzo /2011 21:12

Piatti-di-pesce 2927

 

Venerdì pesce! Quindi ho cucinato un piatto povero ed economicissimo.

Ho acquistato 220 gr di sardine già deliscate e fresche a pochi Euro, ho preso una tortiera, l'ho foderata di pesce e di verde...

E' un piatto appetitoso, che se accompagnato da una bruschetta "doc", cioè con un po' d'aglio incorporato, beh.... niente male ve l'assicuro.

In quanto a rapporti sociali poi ... non so che dire, caramelle alla menta, forse????

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

220 gr  di filetti di sardine deliscati

     1       ciuffetto di rucola

      2      cucchiai abbondanti di pane grattugiato

      4      cucchiai di olio extra vergine d'oliva

       1     cucchiaio di paté d'olive nere

               sale, peperoncino

        2     spicchi d'aglio

               pane - 2 fette a commensale -

 

 

Procedimento:

 

Versare  3 cucchiai di olio nella tortiera, adagiarvi i filetti a raggiera con le punte rivolte all'interno.

 

Frullare il ciuffetto di rucola, il pane grattugiato, sale, peperoncino (quantità a piacere) ed il paté di olive nere.

 

Volendo, si potrebbe aggiungere dell'a!glio, come se si effettuasse un pesto, ma dipende dalla capacità di digestione; personalmente ho preferito tagliarlo a fettine ed appoggiarlo.

 

Disporre il trito aromatico sopra i filetti.  Tagliare l'aglio a fettine e posarle sopra la torta.

 

Infornare a forno caldissimo 220° per circa 10 minuti, e comunque non appena vedrete le sardine vivare verso il bianco.

 

 

ENJOY !

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
24 marzo 2011 4 24 /03 /marzo /2011 20:17

IMG 2908

 

Come si può chiamare un risotto che riso non è, un orzotto che orzo solo non è, un farrotto (parola alquanto improbabile), se solo farro non è?

Ci ho pensato un po' e poi mi sono detta che le cose hanno un nome specifico e basta chiamarle con quello.

Troppo semplice, poco fantasioso?  Si va be, ma se il farro è il farro, se l'orzo è l'orzo e la salsiccia è salsiccia, che mi devo inventà?

Inoltre, già di per sè questi cereali evocano la campagna, la semplicità, una certa ruvidezza che nasconde però una naturale bontà.  Quindi, ho deciso :  farro, orzo, salsiccia e cipolla.

 

La ricetta:

Ingredienti per 4 persone

 

240 gr di farro

  80 gr di orzo

    1      scalogno

    1/2   bicchiere di vino bianco

    1 lt   di brodo vegetale od acqua calda

    1      cucchiaio da minestra di olio extra vergine

  40 gr di grana grattugiato

            sale q.b.

 

    2      cipolle rosse tonde  di considerevole grandezza

    1      foglia di alloro

    3      cucchiai di olio d'oliva

            sale q.b.

           

 

500 gr  di salsiccia

    8       prugne denocciolate

    1       rametto di rosmarino

     1      rametto di salvia

    1       rametto di timo

    1       foglia di alloro

     1      spicchio d'aglio

     1      cucchiaio di olio extravergine

             sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento

 

In una padella versare l'olio e lo scalogno a tocchetti grandi, lasciarlo rosolare, toglierlo e tostare il farro e l'orzo, sfumare con il vino bianco. Ad evaporazione avvenuta, aggiungere il brodo, mescolare, salare e cuocere fino a che i cereali si siano ben amalgamati, comunque il tempo minimo va tra i 40' ed i 50'-

A cottura ultimata aggiungere il formaggio grana.

 

Mentre i cereali cuociono, preparare le cipolle, sbucciarle e tagliarle a rondelle.

In una pentola larga a bordi bassi, scaldare l'olio, la foglia di alloro ed aggiungere le cipolle. Lasciar insaporire e cuocere a fuoco medio per almeno 10-15'.  Salare solo alla fine della cottura, affinché le cipolle rimangano croccanti e non flaccide.  Tenere in caldo

 

Preparare le salsicce, tagliando dei pezzi sufficienti a formare delle piccole "ciambelle" al centro delle quali posizioneremo la prugna denocciolata.  Fermare gli ingredienti con uno stuzzicadente da spiedino.

In una pentola antiaderente di diametro grande, scaldare l'olio, l'aglio e tutte le erbe (timo, alloro, salvia e rosmarino).  Adagiarvi le salsicce, salare e pepare. Lasciarle rosolare a fuoco vivace prima su un lato per  5 minuti, poi sull'altro per altri 5 minuti. Abbassare la fiamma e continuare la cottura dolcemente, fino a che tutti i "lati" della salsiccia siano coloriti e ben cotti. 

 

Impiattare

 

Stendere in un piatto piano i cereali mantecati con il parmigiano, disporre al centro due "ciambelline" di salsiccia ed adagiarvi sopra gli anelli di cipolla.

Decorare con una foglia di alloro.

 

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Farro ed orzo
scrivi un commento
23 marzo 2011 3 23 /03 /marzo /2011 11:35

IMG 2867 (3)

 

Queste tortine che in apparenza hanno un look molto rustico, hanno una storia popolare alle spalle di notevole importanza.

Nata come torta di recupero di pane avanzato, divenne la torta della festa del paese, che le massaie andavano a cuocere dal fornaio, perchè prive del forno casalingo.

La ricetta originale era veramente povera e basata appunto su pane secco, latte, cacao, zucchero e se c'era la possibilità,  biscotti ed uvetta.

Niente altro.  Veniva cotta in uno stampo rotondo di allumio a bordi alti ed servita poi con un goccino di Vermouth.

Altri tempi, l'unica torta che sapesse fare mia nonna, mitica!

Presento di seguito una "ricca" variante per chiunque volesse cimentarsi.

 

La ricetta:

Ingredienti per 1 torta da 1 kg circa

oppure per una ventina di tortine come da foto.

 

 

500 gr   di pane bianco morbido con mollica

1      lt    di latte

200 gr   di zucchero

70   gr   di uvetta

50   gr   di canditi misti

              buccia di limone ed arancia

   3         chiodi di garofano

   2         cucchiaini di cannella

   1         pezzettino di stecca di vaniglia

               gocce di essenza di rhum (quantità a piacere)

40  gr    di cacao amaro

100 gr   di cioccolato fondente

1            bustina di pinoli

 

 

Procedimento

 

Riscaldare il latte, aromatizzandolo con la buccia di limone ed arancia tagliata a strisce grosse, chiodi di garofano, cannella e vaniglia .

In una insalatiera spezzettare il pane a piccoli pezzi, scolarvi sopra il latte caldo usando un colino per evitare che gli aromi cadano nella torta.  Lasciare che il pane s'inzuppi di latte e si squagli.

A parte, ammollare l'uvetta. Per un ammollo rapido, prendere un piccolo tegame aggiungere un bicchiere d'acqua e l'uvetta e portare al bollore.  Scolare e raffreddare.

Far sciogliere il cioccolato fondente in un goccino di latte caldo.

 

Non appena il pane è morbido, lavorarlo con un minipimer, affinché non rimangano grumi duri e crosta.

Quando l'impasto sarà omogeneo, aggiungere lo zucchero, l'uvetta, i canditi misti, il cioccolato sciolto, il cacao amaro una parte di pinoli e mescolare il tutto fino a che la torta non sia diventata di un bel colore cioccolatoso.

Infine aggiungete le gocce di essenza di  rhum - quantità a piacere-

 

Scaldare il forno a 200°, imburrare od una teglia oppure piccoli stampini monodose.

Versare il composto ed infornare per circa 35 minuti se sono tortine, 60 minuti se si tratta di un'unica torta.

Prima di sfornare e raffreddare, eseguire un test di cottura con il classico stecchino per vedere se l'interno sia cotto. Di fatto queste tortine tendono a cuocersi velocemente all'esterno, ma più lentamente all'interno.

 

Servirle a piacere con marmellata di frutti di bosco, panna montata o gelato.

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
22 marzo 2011 2 22 /03 /marzo /2011 22:47

IMG 2894 (2)

 

 

 

Della serie che di colore non se ne ha mai abbastanza e che mi piace l'allegria nel piatto, propongo una millefoglie salata che può essere servita come antipasto.

Sinceramente è anche un buon piatto unico, composto da formaggio, verdurine saltate e  pasta sfoglia, che di per sé è già nutriente e ricca.

 

Mi piace molto l'insieme ed il gusto non è niente male, almeno per me!

 

La ricetta:

 

Ingredienti per 4 persone.

 

1       rotolo di pasta sfoglia

3       zucchine di media grandezza

1       peperone giallo

4       carotine

7       pomodorini ciliegia

1       confezione di ricotta (250gr)

1       confezione di robiola (70gr)

         alcune foglie di basilico ed origano

         olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

3      spicchi d'aglio

1      ciuffettino di rucola

        il succo di mezzo limone

 

Scaldare il forno a 220°.  Preparare due teglie rivestendole con carta da forno.  Srotolare la sfoglia e con un coppapasta ritagliare dei piccoli cerchi.  Stenderli sulle teglie ed infornarli fino a doratura completa, in ogni caso non oltre 15 minuti.

 

Preparare le verdure, lavandole e tagliandole in brunoise (cioè in piccoli quadratini).

In tre pentole separate,  scaldare gli spicchi d'aglio e l'olio. Non appena caldo, versare in una le zucchine, in una i peperoni e nell'altra le carote.

Lasciare insaporire le verdure e girarle costantemente. Portarle a doratura ma mantenere la croccantezza salando solo nel momento finale.

Toglierle dal fuoco ed unirle fra loro in un unico piatto.

A parte, lavare, tagliare a dadini i pomodori. Salateli, conditeli con olio extra vergine, foglie di basilico e pepe.

Aggiungeteli al resto delle verdure solo in ultima fase.

 

La crema:  unire la robiola alla ricotta, aggiungere pepe ed eventualmente salare leggermente

 

L'emulsione di rucola:  versate in un miscelatore il succo di limone, la rucola, l'olio ed un pizzico di sale.

Tritate il tutto con un minipimer fino a che gli ingredienti non si fondino in crema.

 

Riprendete le sfogliette calde ed apritele a metà come se fossero dei panini.

Ponete una base di sfoglia su di un piatto da portata, incominciate a guarnire con un cucchiaio di crema ed uno di verdure, salendo di strato in strato fino ad un'altezza da voi desiderata.

Concludere la millefoglie con il coperchietto di sfoglia.

 

Versare intorno a cerchio, un cucchiaio di emulsione di rucola.

 

ENJOY !

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Stuzzichini salati
scrivi un commento
21 marzo 2011 1 21 /03 /marzo /2011 21:24

        IMG 2856IMG 2853IMG 2852IMG 2838IMG 2850IMG 2851

 

  

 

IMG 2838

 

 

 

 

 

       IMG 2856IMG 2853IMG 2852IMG 2838IMG 2850IMG 2851

 

 

 

Primavera,  21 Marzo 2011 è arrivata.

Pubblico questi splendidi fiori di pesco che sono sbocciati da una piccola pianta che ho sul balcone e di cui sono molto fiera, perchè l'abbiamo seminata noi tanti anni fa.

Questa  pianta che è in un vaso ci regala ogni anno anche i suoi frutti, che sono piccoli ma succosi e per noi così buoni perchè di casa nostra.

Aggiungo, che in questa stagione vale la pena andare a fare una visita alla Fondazione Cariplo a Vertemate con Minoprio (CO).

Qui c'è una scuola fantastica dove i ragazzi imparano ad amare i fiori, la terra ed ad aspettare.

Ci sono alberi secolari, serre piene di piante e giardini coltivati su progetto dagli studenti.

I colori sono magnifici ed inoltre ci si può anche fermare a pranzo, perchè c'è una caffetteria all'aperto in mezzo al parco, dove  forniscono cibi naturali.

 

Ad Ottobre invece, lo ricorderò poi successivamente, la scuola si riempe di magiche zucche di tutte le dimensioni, ce ne sono di grandissime, talmente grandi che anche un adulto di buone dimensioni potrebbe sedercisi sopra.

 

Si paga un piccolo biglietto d'entrata, ma chiunque in possesso di tessera Touring potrà avere uno sconto.

 

 

ENJOY !

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Fiori
scrivi un commento
20 marzo 2011 7 20 /03 /marzo /2011 08:04

 

 

 

IMG 2709 a

 

 

L'avevo detto che sono una fun dell'Inghilterra, beh, se non l'avevo scritto esplicitamente, penso che si sia comunque inteso " fra le righe".

Questa tortina di mele è per me un cibo di conforto -comfort food- , è proprio una dolcezza che si scioglie in bocca.

La crosta croccante ed il cuore tenero, dolce e morbido, perchè le mele si amalgamano fra di loro durante la cottura, profumata alla cannella e spolverizzata di zucchero a velo.

Volendo si potrebbe aggiungere del gelato alla vaniglia.

Personalmente l'apprezzo anche "nature" senza troppi fronzoli.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 tortine singole

 

Pasta frolla 

300  gr di farina 00

150  gr di zucchero

150  gr di burro

2  tuorli

1  bustina di vanillina

buccia di limone grattugiata

 

2  mele Golden - grandi

1  cucchiaio di marmellata di albicocche

1  cucchiaino di cannella

2  cucchiai abbondanti di granella di biscotti

1  - succo di un limone

 

 

Procedimento

 

Impastare la farina con lo zucchero, la vanillina, la buccia di limone grattugiata ed il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée").  Aggiungere i tuorli sbattuti e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo.  Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero. 

Riprendere la frolla, stenderla abbastanza sottile e rivestire la base ed i bordi di teglie monodose. 

 

 

Sbucciare le mele, affettarle in piccoli pezzetti e spruzzarle di limone per evitare che anneriscano.

Aggiungere la marmellata di albicocche, la granella di biscotti (i biscotti servono ad assorbire l'acqua in eccesso che potrebbe fuoriuscire dalle mele ed ad evitare che ciò bagni la frolla) ed il cucchiaino di cannella.

 

Distribuire il composto uniformemente nelle teglie rivestite, appiattire per bene e rivestire con la restante frolla. Saldare bene i bordi.

  

 

Mettere in forno a 180° fino a che la frolla non risulti ben dorata, quasi marroncina.  Sfornare e lasciare raffreddare.

 

Spolverare di zucchero a velo.

 

ENJOY

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
19 marzo 2011 6 19 /03 /marzo /2011 07:52

 

 

IMG 2779 (2)

 

 

 

Lo so, lo so che siamo in primavera e che abbiamo bisogno di leggerezza e di qualche chilo in meno, ma avevo nel freezer un bel filettino di maiale che mi diceva, cuocimi, cuocimi e non ti deluderò.

Effettivamente non mi ha deluso.  Compro spesso filetto di maiale, perchè è molto meno costoso di quello di vitello e poi è buono lo stesso.  L'unico limite è che deve essere tagliato non più alto di un dito. Non si può tagliare alto come per un  Tounerdos alla Rossini. Il risultato sarebbe una difficoltosa masticazione.

La salsa al vino che lo accompagna è veramente facile e dà un tocco di asprigno, mentre i funghi affogati nella panna un po' di dolcezza.

 

La ricetta;

 

Ingredienti per 4 persone

 

1      filetto di maiale intero

2      confezioni di funghi coltivati

1      goccino di vino bianco

2      spicchi d'aglio

        rosmarino, salvia, alloro

1     cucchiaino di bacche miste : pepe rosa, nero, bianco, ginepro

       olio, sale q.b

1     cucchiaino di prezzemolo

150 gr di panna fresca.

150 cc di vino rosso

1      cucchiaino di maizena

 

 

Pulire, lavare i funghi e tagliarli a fettine.

In una pentola far dorare l'aglio nell'olio, aggiungere i funghi, salarli bagnarli con un goccio di vino bianco per evitare l'ossidazione (io non né avevo in casa per cui, l'ossidazione è avvenuta- non succede niente- è solo il colore del fungo che vira. Il vino bianco permette di mantenere il colore più chiaro, non scurisce.) Portare a cottura e nappare con la panna, spolverizzare con il prezzemolo. Mantenere in caldo.

 

In una pentola  scaldare poco olio, aglio, le bacche miste leggermente pestate e tutte le erbe.  Adagiarvi le fettine di filetto ed a fuoco molto alto, lasciarlo rosolare prima da un lato e poi dall'altro senza superare più di 8 minuti in totale. (In verità la cottura varia molto in base al gusto, mi spiego meglio, personalmente non amo la carne sanguinolenta, ma neanche stopposa, quindi in considerazione delle dimensioni della fetta preferisco una cottura di questo tipo. In ogni caso ognuno può scegliere a suo piacimento.)

Togliere il filetto dalla pentola, metterlo in un piatto e lasciarlo riposare un attimo. Vedrete che la carne rilascerà una parte dei suoi succhi.  Mantenete il filetto al caldo.

 

Riprendete la pentola nella quale avete cotto il filetto, scolate il grasso in eccesso, le erbe e le bacche. Praticamente la pentola dovrà rimanere sporca della crosticina che la carne ha lasciato cuocendosi, ma priva di tutto il resto.

Si rimette sul fuoco e si deglassa, cioè si versa il vino e si lascia ridurre ai minimi termini.  Il vino e le proteine della carne nonché i grassi rimasti si legheranno insieme  all'aggiunta di un cucchiano di maizena, che avrete preventivamente sciolto in un goccino di acqua fredda.

Attenzione, quando aggiungete la maizena, partite dal centro e mescolate durante l'aggiunta, altrimenti si formerà un unico grumo, mentre noi abbiamo bisogno di una cremina fluida.

 

Impiattiamo: 

 

Disponete 3-4 fettine a piatto,  nappate con un cucchiaio di salsa al vino ed aggiungete una cucchiaiata di funghi trifolati.

 

ENJOY!

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Carne
scrivi un commento
17 marzo 2011 4 17 /03 /marzo /2011 18:01

 

 

IMG_2763--2-.jpg

 

 

Un'insalata?! E che ci vuole?  Niente, proprio solo un po' di cura e voglia di fresco, nonché una citronette senapata, dei filetti di sgombro, cipollotti e pomodori che non sono nell'insalata, ma nei triangolini caldi e croccanti.

Un'insalata può essere una buona alternativa al secondo di carne  e sebbene "salutista", vi assicuro che i triangolini vegetariani aggiungono sapore, calore e corposità.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

1          busta di insalata "misticanza"

2          carote

500gr di fagiolini verdi

500gr di asparagi

300gr di cipollotti piccoli

5          pomodori ramati

6          foglie di basilico

7-8      foglie di origano fresco

400gr di filetti di sgombro

            erba cipollina per arrotolare i fagiolini

1          spicchio d'aglio

            acciughe ed olive nere

 

1          il succo di 1 limone spremuto

3          cucchiaini di senape

2          cucchiai da minestra di olio

             sale e pepe q.b.

 

1         busta di pane in cassetta.

 

 

Pulire i fagiolini, lavarli e bollirli in acqua bollente.  A cottura ultimata, (sempre al dente, croccante) scolarli e passarli in acqua fredda per interrompere la cottura e preservare il colore.

Pulire gli asparagi, lavarli e bollirli in acqua bollente. Ripetere l'operazione di fermo cottura come per i fagiolini.

Tenere le verdure lessate da parte.

Sbucciare le carote ed affettarle con un pelapatate nel senso della lunghezza, ottenendo delle strisce.

In un vasetto di vetro provvisto di tappo, versare il succo del limone, i cucchiani di senape, l'olio, sale e pepe. Chiudere con il tappo e "shakerare" per bene, fino a quando il composto risulterà omogeneo e di colore giallino senape.

 

Lavare i pomodori, inciderli e passarli in acqua bollente  e subito dopo in acqua fredda per poterli spelare facilmente.

Togliere i semi, i filamenti e tagliarli a julienne. 

In un pentolino antiaderente, scaldare l'aglio, l'olio e 3 foglie di basilico.

Non appena l'olio sarà insaporito, toglierlo dal fuoco e lasciarlo raffreddare.

A raffreddamento avvenuto, versarlo sui pomodori, ai quali si aggiungerà del sale, pepe, foglie di origano fresco e basilico.

 

 

Pulire i cipollotti, lavarli, tagliarli a 15 cm di lunghezza, e poi ancora a metà sempre per il senso della lunghezza.

In una padella antiaderente, scaldare un po' di olio ed adagiare le metà dei cipollotti, salare e coprire con coperchio.

Cuocere per 10 minuti e tenete in caldo.

 

Tagliare la crosta del pane in cassetta ed imbottire le fette con  i cipollotti, i pomodori, un pezzettino d'acciuga e olive nere snocciolate e spezzettate.

Mettere il pane  nel tostapane (quello ad apertura a libro- tipo Rowenta) e cuocere fino a doratura.

 

Disporre l'insalata al centro di ogni singolo piatto, aggiungere le punte di asparagi che avrete tagliato a metà, i fagiolini avvolti nell'erba cipollina, le strisce di carota.

Condire con la citronette senapata.

 

Adagiare i filetti di sgombro in una vaschettina separata dall'insalata ed i triangolini in un'altra.

 

ENJOY !

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento
16 marzo 2011 3 16 /03 /marzo /2011 11:30

IMG_2732--2-.jpg

 

 

Ogni tanto mi sento come fossi alla Corrida di Corrado : "una debuttante allo sbaraglio".  In effetti, lo sono e quindi talvolta i risultati di una ricetta non rispecchiano pienamente l'attesa stilistica che vorrei rappresentare.

Questa foto è un esempio.  Non per la foto in sé, ma per il rotolo che non è ben definito e ciò perchè ho fatto un paio di errori.

 

Il primo:  non aver sbucciato le melanzane.  Al taglio del rotolo, la pellicina, impedisce un'incisione perfetta e rapida, così il pezzetto tagliato tende a scomporsi. 

Quindi: bisogna togliere la buccia!.

 

Il secondo: non ho rispettato un tempo minimo d'attesa dopo l'arrotolamento; questo perchè avevamo tutti impegni serali e quindi fretta di terminare la cena al più presto.  Sbagliato!!!.

Bisogna attendere almeno 10 minuti prima del taglio, così gli ingredienti si amalgamano meglio ed il pane esterno rimane più attaccato.

Si dice infatti : "la pazienza è la virtù dei forti"!  Mi sa che qui sono stata un po' debole!!!

 

La ricetta:

 

 

Ingredienti per 4 persone

 

2  melanzane ovali di buona grandezza

1  burrata da 250 gr

1  mozzarella da 120 gr

5 fette di pane in cassetta

5 pomodori ramati di buona grandezza

12 foglie di basilico

  6 foglie di origano fresco

     sale, pepe ed olio extravergine d'oliva q.b.

     erba cipollina

 

 

Procedimento

 

Sbucciare le melanzane, tagliarle a fettine da 3 cm per il senso della lunghezza, porle su di una teglia da forno, precedentemente ricoperta di carta da forno.

Salare, oliare con un filo d'olio extra vergine e passare in forno a 200° fino a che non saranno dorate.

 

Tagliare la burrata e la mozzarella a fette e lasciarle scolare.

 

Incidere i pomodori e sbollentarli per qualche minuto in acqua bollente. Passarli in acqua fredda per poterli sbucciare più facilmente. Privateli dei semi e dei filamenti, tagliateli a "julienne", cioè a fettini sottili, sempre per il senso più lungo.

Condirli con poco sale, olio e qualche foglia di basilico spezzettata.

 

Togliere la crosta del pane in cassetta. Porlo sotto il grill per alcuni minuti, affinché diventi croccante.

Passarlo al mixer con le foglie di basilico, origano e qualsiasi altra erba a vostro piacere.

Disporre su di un foglio di carta da forno il pane con le erbe in modo da formare un rettangolo abbastanza uniforme.

 

Adagiarvi le melanzane cotte al forno, mettere la burrate e la mozzarella, aggiungere i pomodori, pepare e spezzettare ancora qualche fogliolina di basilico e di origano.

Aiutandovi con la carta da forno arrotolate il rettangolo, formando un rotolo.

Chiudete i lati della carta da forno e lasciate riposare almeno 10 minuti prima del taglio. 

 

A riposo avvenuto, tagliate dei cilindri di 8-9 cm di altezza, legateli con erba cipollina e servite.

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca