Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
30 aprile 2011 6 30 /04 /aprile /2011 19:44

 

Piatti-con-verdure 3680

 

 

 

Non è un piatto vegano, ma potrebbe piacere anche a loro!

Si tratta di un piatto veramente vegetariano: olio di oliva alla base del condimento, aglio, scalogno, basilico per insaporire, due verdure e delle proteine con i legumi.

Si può considerare un secondo piatto abbastanza completo se aggiungiamo i carboidrati, i grissini in secondo piano nella foto.

E' saporito e talvolta pasteggiare con soli vegetali non è poi così drammatico, ma al contrario salutare e possono essere una gradita sorpresa a livello gustativo ed anche nella sensazione di sazietà che regalano.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

320 gr di lenticchie piccoline

500 cc di acqua

2           melanzane

8           pomodori San Marzano

6           foglie grandi di basilico

1           cucchiaino di origano

1           scalogno

2           spicchi d'aglio

1           foglia d'alloro

2           rametti di timo

2           foglie di coriandolo

1           pizzico di peperoncino

1           pizzico di pepe

             sale ed olio q.b.

 

Procedimento

 

 

Mondare le lenticchie, lavarle con cura per evitare residui di terra.

In una padella antiaderente, rosolare aglio, alloro, timo, coriandolo e scalogno, versarvi le lenticchie, tostarle brevemente ed aggiungere l'acqua, portare al bollore e poi abbassando la fiamma cuocerle per almeno 50' minuti.

Salarle quasi a fine cottura per evitare l'inspessimento della buccia. Pepare con peperoncino. Dovessero risultare troppo dense, aggiungere un goccio d'acqua, riportando al bollore e cuocere fino a completo assorbimento.

 

Nel frattempo, lavare i pomodori e tagliarli per il senso della lunghezza. Adagiarli in una terrina e condirli con olio, sale, pepe, foglie di basilico tagliate a julienne, origano e uno spicchio d'aglio passato nello spremi aglio per aromatizzare l'olio.

Riporli singolarmente, cioè senza pirofila,  su di una teglia coperta di carta da forno.

 

Tagliare le melanzane a rondelle di 1 cm di spessore; passarle nello stesso  condimento dei pomodori e riporle direttamente su di una teglia coperta di carta da forno.

Se il condimento non dovesse essere sufficiente per tutte le fette, rimboccare con olio e gli odori citati.

 

Riscaldare il forno a 220°, non appena a temperatura inserire le teglie e far cuocere fino a completa doratura delle verdure.

 

Montare il piatto:

 

La base è di lenticchie su cui  verranno appogiate tre fette di melanzana a commensale e al loro apice una metà di pomodoro.

Servire caldo-tiepido

 

ENJOY!

 

 

 

 

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento
29 aprile 2011 5 29 /04 /aprile /2011 19:45

Stuzzichini-salati 3658

 

 

Stuzzichini-salati 3663

 

 

 

Girandoline e caramelline molto rapide per  improvvisare un aperitivo dell'ultimo momento.

Basta avere in casa un rotolo di pasta sfoglia ed una confezione di pancetta arrotolata ed il gioco è fatto.

Gli amici stuzzicheranno il loro appetito con un salatino caldo, appetitoso ed inaspettato.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

1   rotolo di pasta sfoglia

1   confezione di pancetta arrotolata

 

Procedimento

 

Srotolare la pasta sfoglia, tagliarla a liste larghe 5 cm.  Sovrapporre nel senso della lunghezza una fetta srotolata di pancetta a completa copertura della sfoglia.  Ricoprire con un'altra lista e procedere con l'arrotolamento della stessa per ottenere una girandola che taglierete a metà nel senso della larghezza.

 

Per le caramelle : cambia solo la fase del taglio e si evita l'arrotolamento.  Le liste devono essere tagliate a 4 cm di lunghezza e piegate di mezzo giro, come incartare una caramella.

 

Riporre le sfogliatine su carta da forno e cuocere in forno caldissimo , 220°, per 15-20' minuti, non appena dorate.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Stuzzichini salati
scrivi un commento
28 aprile 2011 4 28 /04 /aprile /2011 17:45

Torte-salate 3614

 

 

Ho già manifestato più volte il mio attaccamento al cibo inglese, strano ma vero, è così! , e questa è una ricetta molto facile ma buona, buona.

In inglese si chiama "Shepherd's pie" cioè "pasticcio del pastore".  In orgine la carne usata è di agnello, ma anche una trita scelta di manzo può andare benissimo.

E' la ricetta dell'ultimo minuto, ma di buon effetto, perchè il puré di patate che nasconde il sugo di carne, diventa dorato in superficie se si aggiunge un po' di parmigiano ed una spruzzatina di pane grattugiato ed il profumo è intenso e quando si affonda il cucchiaio, la crosta si spezza mostrando uno strato morbidoso di puré e poi un altro strato godurioso di carne al sugo.

Mi piace un sacco, perchè è semplice ma molto, molto godereccia.

 

La ricetta

Ingredienti per 4 persone

 

800 gr di carne trita scelta di manzo.

2               cucchiai di concentrato di pomodoro

1               cucchiaio di puré di carote (nel caso in cui non l'aveste va bene 1 carota grattugiata finemente)

1               cipollina grattugiata finemente

1               spicchio d'aglio

1               bicchiere generoso di vino rosso

                 sale e pepe q.b

                 olio extravergine d'oliva.

 

800 gr  di patate da puré

500 cc  di latte

1            spicchio d'aglio

120 gr   di parmigiano

1            cucchiaio di pane grattugiato

               sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento.

 

Pelare le patate e tagliarle a pezzi. Versarle in una pentola in cui avrete predisposto il latte, lo spicchio d'aglio intero con buccia ed un pizzico di sale.

Lasciate cuocere per 15minuti, comunque non appena le patate saranno morbide.

Scolatele con un mestolo forato e posatele in una terrina. Rimuovete l'aglio ed incominciate a frullare per ottenere un buon puré. Eventualmente, risultasse troppo solido, aggiungere un poco di latte usato durante la cottura.

Aggiungere tutto il parmigiano, tranne un paio di cucchiai per la doratura finale.

Tenere in caldo.

 

Nel frattempo preparare la carne.

Versare in una pentola antiaderente l'olio con uno spicchio d'aglio, lasciarlo insaporire ed aggiungere la carne trita.

Farla rosolare per bene, salare e pepare.  Se la carne risultasse troppo grassa, scolarla, rimettendola poi nel tegame con l'aggiunta di poco olio nuovo.  A doratura della carne,aggiungere  due cucchiai di concentrato di pomodoro, la carota e la cipolla grattugiata e mescolare per bene. Cuocere per altri 5' minuti, dopodichè versare il vino, farlo evaporare e lasciar cuocere fino a riduzione del liquido.  Il sugo non dovrà essere asciutto, ma morbidamente amalgamato.

 

Utilizzare delle terrine monoporzione di almeno 15 cm di diametro. Versarsi prima uno strato generoso di carne e ricoprire con il purè senza lasciare spazi vuoti.  Livellare e spolverizzare con parmigiano e pane grattugiato.

Infornare per 10' minuti e comunque fino a completa doratura della crosta.

Servire caldo.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte salate
scrivi un commento
27 aprile 2011 3 27 /04 /aprile /2011 19:30

 

 

 

Dolci-al-cucchiaio 3577

 

 

Come utilizzare tutto il cioccolato di Pasqua? Semplice, un soufflé al cioccolato bianco.

Lo so, che il cioccolato bianco non è cioccolato, ma che fare se ti regalano i coniglietti della Lindt di bianco colore???

Tanti anni fa, ho trascorso una splendida Pasqua ad Ulm in Germania, presso una cara amica. Loro nascondono i coniglietti e gli ovetti piccoli dappertutto, dietro le tende di casa, sotto i cuscini del salotto ed i bambini devono trovarle.

Molto carino, è una caccia all'uovo ed alla dolcezza.

In quell'occasione scoprii che anche loro usavano portare a benedire in chiesa delle tortine dolci a forma di agnello tutte ricoperte di zucchero a velo, dentro ad un cestino di vimini, anch'esso foderato di stoffa a quadrettini rossa e bianca. Molto naif.

 

La ricetta 

 

Ingredienti per 4 persone

 

25   gr di farina 00

250 cc di latte

25   gr di zucchero a velo

100 gr di cioccolato bianco (1 coniglietto Lindt)

2           uova

1           pizzico di sale

 

 

Fate sciogliere a bagnomaria il cioccolato bianco.

A scioglimento avvenuto, tenete in serbo.

 

Fate scaldare il latte (meno 3 cucchiai). Mettete la farina e lo zucchero in una terrina e versatevi il latte a filo continuando a mescolare fino ad ottenere un composto perfettamente liscio.

Versarlo nuovamente nel pentolino in cui precedentemente avevate bollito il latte. Traferitelo su fornello a fuoco basso e continuate a mescolare. Non appena inizierà a bollire rimuovetelo dal fuoco.

 

Fate raffreddare il composto.  Non appena freddo, stemperate i due tuorli d'uovo nel latte rimasto ed aggiungeteli all'impasto.

 

Montate a neve ferma gli albumi con un pizzico di sale.

Incorporateli al composto sollevando la massa dal basso verso l'alto senza mai mescolare in senso circolare.

 

Scaldare il forno a 180° .  Versare l'impasto in singole cocottine da soufflé per i due terzi ed infornare per 30 minuti.

 

Rimuovetelo con cautela, in quanto purtroppo ha la tendenza a sgonfiarsi rapidamente e non sopporta gli urti.

 

La decorazione può essere una spolverata di cacao amaro e qualche bastoncino al cioccolato fondente come da foto.

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento
26 aprile 2011 2 26 /04 /aprile /2011 16:58

 

 

Piatti-di-pesce 3570

 

 

Il titolo è lungo, ma vi assicuro la ricetta no.

E' il secondo piatto di Pasqua.  Niente agnello? No, quest'anno niente agnello, ma triglie.

Insomma, un po' di tradizione ed un po' di evoluzione. No?!?

Quindi ricapitolando, le triglie sono bianche con la pelle rossa, molto saporite già di loro, le carote sono arancioni e danno il tocco di dolce al piatto che viene subito stravolto dal toast di tapenade ed acciughe. Un continuo incontro fra dolce e salato, gustoso.

Nota bene: la tapenade è un patè d'olive nere con l'aggiunta di capperi ed acciughe.

In mancanza dell'originale francese, si può tranquillamente usare un patè italiano di olive nere taggiasche ed aggiungere poi separatamente nel toast i filetti di acciughe, ma ve lo spiego meglio nella ricetta.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

550  gr di filetti di triglie

600  gr di carote

1+1       spicchio d'aglio

16          fette di pane in cassetta

1            vasetto di paté di olive

1            vasetto di filetti di acciughe

4             olive nere

8 +2        foglie di basilico

               mezzo bicchiere d'acqua.

               sale e pepe q.b.

 

Sbucciare le carote e tagliarle a rondelle sottili.

In una pentola antiaderente scaldare l'aglio e l'olio. Versarvi le carote, rosolare, salare e coprire con un velo d'acqua.

Portare a cottura per 10minuti.  Versarle in una terrina a bordi alti e passarle con un frullatore ad immersione, aggiungendo ancora un cucchiaio di olio crudo per emulsionare la crema. Tenere in caldo.

 

Mentre le carote cuociono, preparare i toast.

Spalmare il pane con il paté ed adagiare su di una fetta 3 filetti di acciuga.  Coprire con l'altra fetta di pane e passare il matterello sopra il toast per farsì che gli ingredienti si amalghino bene fra loro ed il pane risulti quasi un'unica sfoglia.

Passare i toast nel tostapane orizzontale e non appena abbrustoliti, ritagliarli con un coppapasta circolare. Tenere in caldo.

 

In una pentola antiaderente, scaldare olio ed aglio, porvi a cuocere i filetti di triglia posandoli dalla parte della pelle.

Salare e pepare leggermente e girare i filetti sull'altro lato.

Cuocere il tutto per  un paio di minuti per parte.

Scolarli e tenere in caldo.

 

Montare il piatto

Stendere in maniera circolare un cucchiaio abbondante di purè di carote adagiarvi al centro due toast a commensale e aggiungere due filetti di triglia per parte.  Decorare con un paio di foglie di basilico ed un'oliva nera, immancabile un filo d'olio extravergine d'oliva.

 

 

ENJOY!

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
25 aprile 2011 1 25 /04 /aprile /2011 18:18

 

 

 

 

 

Pane-pizze-focacce-3519.jpg

 

 

E' il pane di Pasqua ed apre il pranzo festoso.

Saporitissima perchè eseguita con pecorino si accompagna ad un'insalata di misticanza, uova sode e capocollo.

Ecco la ricetta

 

 

Ingredienti per 1 torta da 1.200 gr

 

500  gr di farina 00

400  gr di pecorino da grattugiare

5            uova grandi

3            cucchiai di olio extravergine

300 cc  di acqua

              un pizzico di sale

1            bustina di lievito di birra disitratato.

 

 

 

Grattugiare 300gr di pecorino e spezzettare i rimanenti 100gr in pezzettini da unire all'impasto.

Preparare una bacinella molto capiente, versarvi la farina setacciata, il pecorino grattugiato e spezzettato, un pizzico di sale, l'olio, il lievito di birra e mescolare con cura.

Rompere le uova, sbatterle leggermente ed unirle al composto.

Incominciare ad impastare facendo assorbire alla farina tutti gli ingredienti ed aggiungendo acqua poco per volta a seconda della secchezza dell'impasto.

Continuate ad impastare fino all'ottenimento di una palla elastica e morbida.

Riporre a lievitare per almeno 2 ore.

A lievitazione avvenuta, riprendere l'impasto, rilavolarlo per 5 minuti e riporlo in una teglia da forno a bordi alti (tipo teglia da panettone) precedentemente oleata con un filino d'olio e sulla cui base avremo aggiunto un disco di foglio di carta da forno per agevolare il distacco dalla teglia della torta cotta.

Lasciare lievitare ancora un paio d'ore.

A lievitazione conclusa, accendere il forno a 200° e cuocere la torta per 45' minuti. In ogni caso prima di estrarla controllare con uno stecchino la secchezza interna. Se lo stecchino è asciutto e pulito, la torta è cotta.

Sfornare e riporre a raffreddare.

Per mantenerla fresca e morbida, nel caso non si dovesse consumare tutta, riporla in un sacchetto di plastica per almenti - domopack- .

 

ENJOY|

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pane-pizze-focacce
scrivi un commento
24 aprile 2011 7 24 /04 /aprile /2011 17:44

 

Risotti 3536

 

 

 

Chicca vive di risotto, non ama per niente la pasta e quando ci viene a trovare, la pietanza è piacevolmente d'obbligo.

Ma non si può cucinare sempre la stessa ricetta, allora oggi, giorno di Pasqua, di primavera inoltrata, abbiamo obtato per un risottino semplice con delle tagliatelle di zucchine e carote e con delle punte di asparagi.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 6 persone

 

80   gr di riso a commensale

1           zucchina grande

1           carota grande

350 gr di asparagi

150 gr di panna

2          scalogni

5          foglie di basilico

30 gr   di burro

3          cucchiai di olio extravergine

             mezzo bicchiere di vino bianco

1           spicchio d'aglio

             olio extravergine e sale q.b. per le verdure

100      gr di parmigiano grattugiato

             spolveratina di pepe

 

 

Preparazione

 

Lavare la carota e la zucchina ed affettarle a tagliatelle con il pelapatate.

Utilizzare la parte meno estetica delle verdure tagliandole a quadratini piccoli che useremo nel soffritto.

Preparare una padella antiaderente nella quale scaldere olio ed aglio, versarvi le tagliatelle di verdure, lasciare insaporire rapidamente e salare solo a fine cottura. Scolare su un piatto di servizio.

 

Pulire gli asparagi togliendo filamenti e basi.  Lessarli in abbondante acqua leggermente salata per 8-10' minuti.

Scolarli, mantenendo l'acqua di cottura con la quale cuoceremo il risotto.

Passare gli asparagi sotto acqua corrente e fredda.  Scolarli nuovamente e riporli su un piatto di servizio.

Scaldare una padella antiaderente e saltare velocemente gli asparagi in olio extravergine ed aglio.

 

In una pentola capace, scaldare olio, burro, lo scalogno a pezzi grandi, le carote e zucchine a quadrettini, il riso.

Tostare per bene, i chicchi dovranno essere caldi e imburrati. Sfumare con il vino e coprire con l'acqua degli asparagi.

Salare e cuocere il  riso mescolandolo ed aggiungendo eventualmente acqua calda o brodo vegetale sempre caldo.

Portare a cottura 15' circa.

Togliere dal fuoco e mantecare con panna, parmigiano. Aggiungere le tagliatelle di verdure e le foglie di basilico tagliate a julienne.

Decorare con le punte di asparagi ed una spolveratina di pepe.

 

 

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Riso
scrivi un commento
23 aprile 2011 6 23 /04 /aprile /2011 19:26

 

IMG 1920

 

 

Sabato Santo 2011!

Come tutte le vigilie, sto preparando il pranzo di domani, giorno di Pasqua. 

Lo pubblicherò in seguito.

Oggi voglio solo ricordare cosa sia stata per me la Pasqua da piccola in Umbria.

La festa incominciava con la colazione, che non era certo con caffelatte e brioche.

Al contrario, il menù prevedeva, torta pasqualina, capocollo, uova sode rigorosamente colorate e dipinte da noi bambini .

Poi si andava a messa.

Era una messa lunga e faticosa, perchè dopo aver mangiato una colazione simile e non essendo così abituati, si moriva di sete, ma di una sete pazzesca.

Dopo la messa, si ritornava a casa degli zii e preparavamo la tavola.

Non potevano mancare i rami d'ulivo, il pane e la torta benedetta il giorno prima dal prete ed una tovaglia bianca.

La cucina si riempiva di voci e di odori. 

Ecco le tagliatelle di Maria al ragù, l'agnello scottadito, l'erba e poi i biscotti secchi con il vin santo.

Odori, colori e sapori che non si scordano, che rimangono dentro e che sono riconoscibili al primo ritorno.

Buona Pasqua.

Roberta

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Viaggi e libri
scrivi un commento
22 aprile 2011 5 22 /04 /aprile /2011 19:12

 

 

 

 

 

 

 

IMG 3504

 

 

 

 

 

Devo dire che parto prevenuta nei confronti di questo dolcino.

Primo : c'è la panna, ed io non ne vado pazzissima. Vabbé

Secondo: c'è la colla di pesce e solo il nome è tutto un programma.

Terzo:  non so, non mi si addice molto, perchè a me piace masticare, avere qualcosa da sgranocchiare insieme al morbido.

L'esecuzione è stata "su richiesta" e quindi ho esaudito un desiderio della famiglia, niente di più.

Una cosa carina:

ho letto su di un menù la dicitura "Latte in piedi", in effetti la panna cotta è proprio del latte che sta su da sé.

La nota di colore è data dal coulis di fragole.

 

La ricetta:

 

Ingredienti per 6 persone

 

400 g di fragole,
100 g di zucchero a velo
1 cucchiaio di succo di limone

 

400 ml. di panna 

100 g. di zucchero a velo

12 g. di colla di pesce

1       bustina di vanillina

1       bicchierino di marsala 

 

  

Mettere a bagno i fogli di colla di pesce in acqua fredda una decina di minuti per farli ammorbidire.
Versare metà della panna in un tegamino insieme allo zucchero ed alla vanillina e, a fiamma moderata, mescolando continuamente, portare il tutto a bollore; ritirare quindi immediatamente il tegamino dal fuoco ed unirvi la colla di pesce ammorbidita in precedenza e ben strizzata. Amalgamare bene gli  ingredienti e trasferirli in una bacinella di ceramica contenuta in un'altra, riempita di acqua fredda e ghiaccio. Aggiungere il liquore, mescolare di tanto in tanto e lasciar raffreddare .
Montare il resto della panna, incorporarla al resto del composto, che dovrà essere freddo, mescolare con cura e riporre in stampini monoporzione o bicchierini trasparenti. Mettere nel frigoriferifo per almeno due ore affinchè il composto si rassodi.
Nel caso in cui voleste sformare il dolce, immergere per trenta secondi ogni stampino in acqua bollente, quindi scuoterlo leggermente per staccarne i bordi e capovolgerlo sul piatto di portata dando dei colpetti sul fondo.

 

Coulis di fragole

 

1^ OPZIONE:

Lavate rapidamente le fragole perché non perdano sapore, asciugatele e mondatele. Frullatele insieme allo zucchero e al limone. Passate il composto ottenuto attraverso un colino fine per eliminare tutti i semini e poi trasferite in un vasetto con tappo per una migliore conservazione.

 

2^ OPZIONE

Lavate rapidamente le fragole perché non perdano sapore, asciugatele e mondatele. Frullatele insieme allo zucchero e al limone. Versare il composto in un tegamino e portare la frutta al bollore. Togliere dal fuoco e passare il composto al chinoise.  Versarlo nuovamente nel tegamino e lasciarlo ridurre un poco, cuocere per 5' minuti. Scolare in un vasetto con tappo.

Si ottiene in questo caso una gelatina di fragole. Io ho usato questa per il dolce.

 

Montare il dolce

 

Prendere la monoporzione e versarvi al centro un cucchiaino di coulis di fragole, accompagnare a piacere con una fogliolina di menta .

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dolci al cucchiaio
scrivi un commento
21 aprile 2011 4 21 /04 /aprile /2011 20:12

 

 

  

 

Piatti-di-pesce 3466

 

 

 

 

Durante la settimana scorsa mi è capitato di mangiare quest'insalatina di polpo ed ho pensato di rifarla a casa.

Le versioni della ricetta sono due: 

la prima, classica con cottura del polpo fresco

la seconda, per chi volesse approfittare del surgelato "precotto" a disposizione nei supermercati, perchè come già detto in precedenza è giusto cogliere ciò che di buono l'industria offre pur non rinunciando al gusto ed ad un eventuale tocco personale che fa la differenza.

 

Le ricette:

 

Ingredienti per 4-6 persone

 

1       polpo da 1 kg (pulito dal pescivendolo- privato delle interiora)

4       grosse patate

500  gr di fagiolini baby verdi

1       cucchiaio di prezzemolo

1       foglia di alloro

1       cipollina

1       cucchiao di battuto di sedano e carota

         olio extravergine d'oliva

         sale e pepe q.b.

1       spicchio d'aglio

2       spicchi di limone

 

Procedimento

 

Portare ad ebollizione abbondante acqua con alloro e  le verdure.  Lavare bene il polpo sotto l'acqua corrente.

Batterlo ripetutamente su un piano (per questa operazione potete usare un batticarne) per sfibrare la carne.

Quando l'acqua bolle, tenendo il polpo tramite un forchettone infilato nel corpo, immergere i tentacoli nell'acqua e sollevarli. Ripetere l'operazione 3 volte per permettere l'arriccitura dei tentacoli.

Effettuata quest'operazione, immergere il polpo nell'acqua e abbassare il fuoco al minimo. Coprire e cuocere per 40 minuti.

Controllare la cottura e spegnere il fuoco. Lasciare raffreddare il polpo nell'acqua di cottura.

Poi, scolarlo e  spellare il corpo.  Togliere gli occhi ed  eliminare il becco.

Tagliare  tentacoli ed il corpo  a tocchetti.

 

 

ALTERNATIVA:

 

Acquistare una confezione di polpo precotto.

Versare il contenuto in acqua bollente per 2 minuti.

Scolare il tutto e passare sotto acqua fredda corrente.

Tagliare a tocchetti e condire con olio extravergine, succo di limone, sale e pepe.

Procedere come segue nel testo.

 

 

 

Mentre il polpo cuoce, lessare le patate tagliate a rondelle  per circa 15-20 minuti.

Nel frattempo aromatizzare olio extravergine d'oliva con aglio (ricordate: scaldare olio ed aglio in un tegamino antiaderente, spegnere al primo sentore di rosolatura).

Non appena cotte, scolarle e condirle con sale, pepe ed olio aromatizzato all'aglio

 

In una pentola portare ad ebollizione acqua salata e cuocere i fagiolini per 15' minuti. Passarli in padella con aglio ed olio extravergine, salare e versare in un piatto di servizio.

 

 

Montiamo il piatto:

 

Tagliare a piccoli pezzettini i fagiolini e mischiarli con le patate a rondelle ridotte anch'esse a misura.

A parte condire la piovra con olio, limone, pepe e sale.

Prendere una coppa da gelato e rivestirla di pellicola trasparente, versare per primo un cucchiaio abbondante di piova, aggiungere poi le verdure.  Pigiare il tutto con l'ausilio di un cucchiaio ed adagiarvi sopra il piatto da portata.

Capovolgere il tutto, rimuovere la coppa e la pellicola.

Il risultato : una coppa tricolore che condiremo ancora con un filo d'olio ed una spolverata di pepe.

 

ENJOY!

 

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca