Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
2 gennaio 2012 1 02 /01 /gennaio /2012 19:03

Stuzzichini-salati 7024

 

Uno stuzzichino, antipastino di recupero, perchè ho utilizzato l'ultimo trancio di salmone a disposizione, cuocendolo alla Mediterranea con pomodorini Pachino, olive verdi e capperi.

Insomma un penultimo retaggio festivo in attesa della Befana.....

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

1         pane in cassetta -grano duro -

1         trancio di salmone di almeno 150 gr

15       pomodorini Pachino

1         cucchiaino di capperi

1         spicchio d'aglio

6-7      olive

1         noce di burro

            olio, sale e pepe q.b.

1         rametto di coriandolo

 

Procedimento

 

Se avete acquistato un pane in cassetta intero, cioè non affettato preventivamente, allora tagliate delle fette di almeno 6-7 cm di altezza. In caso contrario accatastate 3 fette di pane, toglietene i bordi, paraggiatele e tagliate la parte centrale di sole due fette. In pratica otterrete un  cestino rettangolare.

In un tegamino, scaldate la noce di burro ed un poco d'olio, aggiungete metà spicchio d'aglio e lasciate insaporire.

Disponete i cestini preparati su carta da forno e spennellateli con l'olio aromatizzato.

Infornate a 220° gradi fino a che non diventino dorati.

Nel frattempo, in un'altra pentola, scaldate l'olio, l'aglio, il gambo di coriandolo.  Versate i capperi e le olive tagliate a rondelle, poi  i  pomodorini tagliati a spicchietti ed a metà.  Lasciate insaporire e aggiungete il salmone a pezzetti (il mio salmone era stato sbollentato in precedenza- vedere la ricetta datata 31.12.2011. In ogni caso, si può partire anche da quello crudo, tagliandolo a quadratini e saltandolo velocemente nel sughetto preparato), salate leggermente. 

Cuocete non più di 8 minuti.  Togliete i crostoni dal forno e versate al loro interno il sughetto.

Pepate e servite.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Stuzzichini salati
scrivi un commento
1 gennaio 2012 7 01 /01 /gennaio /2012 19:44

Pane-pizze-focacce 7016

 

Non si può iniziare l'anno senza pane fresco ed il pane deve essere una corona ben augurante con tanto di foglioline, cuoricini e intrecciata.

L'abbiamo condivisa con i nostri familiari a pranzo, insieme alle fatidiche lenticchie e cotechino che certo non potevano mancare.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 corona come da foto

 

750 gr di farina 00

     2     cucchiai di olio extravergine d'oliva

     1     pizzico di zucchero

     1     cucchiaino di sale

     1     bustina di lievito di birra disidratato

350-400 cc di acqua.

 

     2     cucchiai di olio

     1     cucchiaio di acqua

 

Procedimento

 

 

Impastare la farina con l'olio, lo zucchero, il lievito, il sale e l'acqua.  Formare una palla, liscia ed elastica da porre a lievitare per almeno 1 h e 30 minuti. (Se aveste più tempo, meglio)

Riprendere la pasta dopo la prima lievitazione e dividerla in quattro parti.

Tirare per il lungo ogni singola parte cercando di ottenere dei rettangoli di almeno 50 cm di lunghezza e di 8-10 cm di larghezza.  Arrotolare su se stesso ogni rettangolo, formando un rotolo di 50 cm di lunghezza.

Prenderne tre ed intrecciarli; unire la treccia a corona, mettendo al centro una tazza od un vasetto per permettere la seconda lievitazione (30 minuti) senza che il buco centrale si chiuda.

Lavorate il quarto panetto con degli stampini, ottenete delle foglioline, piccole bacche, ricciolini, cuoricini.

Riprendete la corona e con l'aiuto di un pennello bagnato di acqua, attaccate su di essa le decorazioni

Preparate un'emulsione con olio ed acqua (cioè sbattete velocemente in una tazzina l'olio e l'acqua fino ad ottenere un composto quasi cremoso) e distribuitelo con il pennello sulla corona.

Togliete la tazza centrale ed infornate in forno già caldo a 220° per almeno 25-30 minuti.  Controllate la cottura ed eventualmente capovolgete la corona per cuocere uniformemente il pane anche nella parte inferiore.

Estraetela dal forno e decorate con nastri colorati rossi e bianchi.

 

ENJOY 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pane-pizze-focacce
scrivi un commento
31 dicembre 2011 6 31 /12 /dicembre /2011 15:55

 

Piatti-di-pesce 7007

 

All'apparenza parrebbe un'insalata mista, ma nella sostanza si tratta di un piatto di pesce con verdure e salsa all'aneto.

E' una variazione all'insalata Niçoise di Gordon Ramsey, mitico cuoco che o si ama o si odia.  A me piace.

La differenza sta nel fatto che non ho usato il coriandolo, bensì l'aneto nella salsa perchè io lo preferisco con il salmone, non ho aggiunto uova in cocotte (anche  se le avevo preparate) perchè stilisticamente rompevano il piatto con una macchia di bianco troppo grande, nel colore vivace dell'insieme ed  ho aggiunto dei carciofi, semplicemente sbollentati in acqua acidulata.

Il rosa elegante del salmone e tutti i colori delle verdure sono sicuramente di buon agurio per una splendida fine anno ed ancor migliore inizio.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 8 persone

 

1          metà salmone fresco

24        patatine da forno

500 gr di fagiolini primavera

5          carciofi

300gr di pomodori pachino

1          zeste di un limone intero

2          cespi d'insalata tipo lattuga o ghiacchio

1          paio di cucchiaini di basilico tritato

1          spicchio d'aglio

            sale, pepe e olio extravergine d'oliva q.b.

 

1          foglia di alloro

2          cucchiai di soffritto misto

100 cc di vino bianco

1          cucchiaino di bacche miste

2          gambi di aneto

2          gambi di coriandolo

3          cucchiai di gambi di finocchio e barbette tagliate a dadolata

2   lt     di acqua

 

2          tuorli d'uovo (temperatura ambiente)

            olio di riso oppure di semi vari q.b.

            succo di mezzo limone

1          cucchiaino e mezzo di senape

            sale e pepe q.b.

 

Ingredienti facoltativi

8         uova

8         acciughe

8         foglie di basilico

           burro per gli stampi

 

Procedimento

 

In una pentola a bordi alti ma larga tanto da poter accogliere tutto il salmone nella sua lunghezza, preparate un brodo, facendo bollire l'acqua con la foglia di alloro, il soffritto misto, il vino bianco, le bacche miste, i gambi di aneto e coriandolo, i pezzetti di finocchio. Dopo 5 minuti di bollore, versare il salmone a cui avrete tolto preventivamente le spine centrali.  Lasciategli la pelle, inseritelo con delicatezza nella pentola, non si deve rompere e fatelo cuocere 5-6 minuti. Poi spegnete il fuoco, togliete la padella dal fornello e lasciate che il salmone si raffreddi nella pentola. Volendo per accelerare i tempi, potete metterlo sul balcone, vista la stagione.

 

Procedete con le verdure: lessate le patate partendo da acqua fredda.  Lessate i fagiolini, che al contrario, dovranno essere immersi in acqua bollente. Lasciateli cuocere per 8-10 minuti e poi sciacquateli in acqua fredda per mantenere il colore. Tenete da parte.

 

Lavate i pomodorini, tagliateli a metà nel senso orizzontale. Metteteli in una bacinella, e copriteli di zeste di limone e di basilico tritato, irrorate con un goccino, ma proprio poco di olio ed un pizzichino di sale (ma solo un attimo prima di servire).

 

Pulite i carciofi dalle foglie esterne più coriacee e dal gambo. Preparate una pentola contenente acqua e succo di limone, portate al bollore e poi versate i vostri spicchi di carciofi.  Lasciate cuocere per 4-5 minuti, spegnete, scolate e lasciate raffreddare.

 

Preparate la salsa: 

N.B.  le uova devono essere a temperatura ambiente, altrimenti è difficile avere una buona salsa.

In una terrina, versate la senape, un pizzico di pepe e sale, i tuorli ed incominciate a frullare il tutto. Aggiungete a filo l'olio di riso, oppure di semi, continuando a frullare.  Controllate che i tuorli incorporino tutto l'olio prima di aggiungerne dell'altro e non appena la salsa prende consistenza, versatevi sempre a filo il succo di limone. Quanto, sta a voi deciderlo a seconda del vostro gusto, quindi assaggiate e poi regolatevi di conseguenza. Tagliate l'aneto con la forbice ed aggiungetelo alla salsa

 

Preparate le uova in cocotte (facoltativo)

Prendete delle tazzine da caffè, imburratele e sul fondo disponetevi una foglia di basilico, un'acciughina avvolta su se stessa e l'uovo crudo.  Pepate e disponete le tazzine in una padella piena di acqua bollente.  Riponete il tutto in forno caldo a 190° per 8 minuti.

 

Riprendete le patate ed i fagiolini.  Tagliate le prime a metà nel senso della lunghezza.  In una pentola antiaderente scaldate l'olio e l'aglio, poi adagiatevi a pancia in giù le patate, in pratica la buccia deve vedersi.

Fatele rosolare senza girarle per almeno 5 minuti, poi controllate il grado di doratura e proseguite ancora per un paio di minuti se necessario. Toglietele dalla padella e tenetele in caldo.

Rosolate allo stesso modo, cioè con olio ed aglio anche i fagiolini.

 

 

Componete il piatto:

 

Disponete le foglie d'insalata sul fondo del piatto, poi le patate tutt'intorno, qualche fagiolino qua e là, qualche pomodorino, e poi, prendete il vostro salmone abbandonato sul balcone, toglietegli la pelle e apritelo secondo le venature, disponendolo sul piatto con delicatezza dando tocchi di colore.

Prendete la salsa e dressate su ogni elemento del piatto. Volendo potete aggiungere le uova in cocotte.

Per toglierle dalla tazzina, basta passare un coltello a punta tonda tutt'intorno la circonferenza e poi aprire il palmo della vostra mano, posizionarlo sopra la tazzina e capovolgerla con forza, l'uovo si staccherà!.

 

Servite con del pane baguette abbrustolito e Buon Anno !

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pesce
scrivi un commento
30 dicembre 2011 5 30 /12 /dicembre /2011 19:53

Torte-dolci 7002

 

 

 

Rivestite una tortiera con carta da forno.

Prendete la pasta fillo e dividete il rettangolo a metà, sul lato lungo, sulla base, ottenendo così due rettangoli più piccoli.

Adagiateli sulla tortiera ripiegando gli angoli e cercando di seguire la circonferenza della pirofila.

Fate almeno tre strati e poi spolverate tutta la superficie con la farina di mandorle, deve esserne completamente ricoperta.

Adagiate di nuovo tre strati di pasta fillo come precedentemente eseguito ed ora ricopriteli completamente di macedonia di canditi.

Di nuovo tre strati di pasta fillo e ancora farina di mandorle.

Adagiate gli ultimi tre strati di pasta fillo e livellate un poco con le mani per ottenere una superficie omogena.

A questo punto eseguite dei tagli lungo tutta la superficie della Baklava,  prima in senso verticale e poi in senso orizzontale.  Otterrete molti quadratini tutti uno accanto all'altro e così devono restare.

Allego foto per migliore comprensione:

 

Torte-dolci-6995.jpg

 

Ora irrorate la pasta con il burro sciolto, che dovrà penetrare anche fra i tagli orizzontali e verticali.

Infornate a 220° gradi per 35 minuti.

Nel frattempo preparate lo sciroppo. In un pentolino antiaderente versare lo zucchero, l'acqua, il limone e le gocce d'essenza di arancia.

Portate il tutto al bollore e lasciate cuocere per 10 minuti. Lo sciroppo dovrà risultare abbastanza melenso, ma non duro. Nel caso lo fosse, diluitelo ancora con dell'acqua, riportandolo al bollore, poi lasciatelo raffreddare.

Togliete la teglia dal forno controllate che i quadratini siano cotti anche sul fondo e poi irrorateli con lo sciroppo.

Lasciate raffreddare e servite con una buona tazza di tea Darjeeling rigorosamente senza zucchero!

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Torte dolci
scrivi un commento
29 dicembre 2011 4 29 /12 /dicembre /2011 14:50

 

Piatti-con-verdure 6986

 

 

E' un'insalata croccante perchè contiene fra gli ingriedienti i crauti tagliati a spaghettini e le mele renette, rosse che richiamano il Natale; ma è anche un'insalata morbida per via delle castagne che sono state bollite e condite assieme alle verdure.  L'effetto scenografico, non molto visibile dalla foto, è notevole, perchè è come se aveste una corona natalizia la cui base è composta dai crauti, il centro della corona contiene l'insalatina misticanza, al top le fettine di mele rigorosamente con la buccia rossa e disposte in modo asimmetrico, qua e là le castagne. 

Gocce di aceto balsamico e olio d'oliva extravergine compongono il condimento.

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 8 persone

 

 

1     crauto verde

1     busta di misticanza

2     mele rosse

1     limone

30   castagne

        olio extravergine d'oliva q.b.

        aceto balsamico q.b.

        sale e pepe q.b.

 

 

Procedimento

 

Togliete le foglie più esterne del crauto e affettatelo o con l'ausilio della mandolina o tramite l'affettatrice. Dovrete ottenere dei filini sottili.

Disponetelo su piatti di portata formando una corona il cui centro sarà vuoto.

 

Posizionate al centro la misticanza.

 

Lavate le mele, tagliatele a metà, togliete il torsolo, il picciolo e l'estremità finale.

Tagliatele a fettine sottili e irroratele con il succo di limone per evitare che anneriscano.

Adagiare le fettine in modo estetetico-decorativo sul piatto, un poco al centro, e poi intorno alla corona.

 

Le castagne (le mie erano quelle del bosco, lessate ad Ottobre e messe nel freezer) possono essere acquistate già bollite e sgusciate.  Di solito si trovano alla Esselunga accanto ai frutti di bosco, altrimenti si possono comprare fresche e lessare e sgusciare, ma tale operazione richiederà l'anticipo di un giorno, almeno.

Infatti necessitano almeno 1h e 30 minuti di cottura, e poi ancora 1 ora per la sbucciatura.

 

Condite con aceto balsamico e olio extravergine d'oliva, una spolveratina di pepe e veramente un pizzichino di sale, ma solo poco prima di servire in tavola per evitare che la misticanza si afflosci.

 

ENJOY!

 

 

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento
28 dicembre 2011 3 28 /12 /dicembre /2011 13:01

 

 

Piatti-con-verdure 6977

 

 

 

A volte mi domando se il ricercare, lo studiare, il provare, lo sperimentare un piatto nei minimi particolari abbia senso; me lo domando, quando davanti alla semplicità di una patata, io cado adorante con acquolina in bocca.

Questa patata è veramente la cosa più facile che si possa cucinare, ma per me il risultato finale è spaziale.

Pensate che non si deve nemmeno sbucciare. Sciacquata dall'eventuale terra residua, va direttamente in forno, senza condimento, né sale.

La sua pellicina diventa un involucro cartonato che racchiude in sé una morbidissima patata, e la crema allo yogurt, erba cipollina e pepe dona il tocco di eleganza che fa di questo contorno, un signor contorno.

 

Ben si accorda al maiale, che noi  abbiamo servito come piatto principale del menù di Natale e allo stesso tempo né smorza un poco l'untuosità.

Fantastica nella sua estrema umiltà.

 

La ricetta

 

8        patate vecchie di media grandezza

250   gr di yogurt greco

250   gr di ricotta vaccina fresca

2        cucchiaini di zucchero

2        cucchiaini di senape

1        mazzettino di erba cipollina

          sale, pepe q.b.

 

Accendete il forno a 220° gradi. Fate in modo che le patate siano più o meno della stessa dimensione.

Lavatele, asciugatele e disponetele in una tortiera rivestita di carta da forno. 

Infornatele e lasciatele cuocere per 1h e 30 minuti, in ogni caso, potrete testare il grado di cottura, primo guardando il colore della pellicina e poi eventualmente bucandone una con uno stecchino.

 

Nel frattempo preparare la crema di yogurt.

E' importante che lo yogurt sia quello greco perchè è cremoso come un formaggino e poi è meno acido di quello abituale.  Mischiatelo con la ricotta fresca, la senape, un pizzico di sale e lo zucchero (quest'ultimo ingrediente va aggiunto poco per volta, perchè il grado di dolcezza è personale. Quindi aggiungete l'ingrediente ed assaggiate, poi regolate di conseguenza).

Lavate l'erba cipollina e tagliatela finemente, incorporatene un poco nella crema e mescolate con cura.

La parte rimanente mettetela in frigorifero fino al momento dell'utilizzo a scopo decorativo.

 

Non appena le patate saranno pronte, tagliarle a metà nel senso longitudinale e distribuirvi sopra un abbondante cucchiaio di crema e una spolveratina di pepe nero.

Decorare con un poco di erba cipollina e servire immediatamente insieme al piatto di carne o pesce che avrete cucinato.

 

ENJOY !

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Verdure
scrivi un commento
27 dicembre 2011 2 27 /12 /dicembre /2011 19:57

 

 

Paste-asciutte 6954

 

 

Solitamente le crepes (o crespelle che dir si voglia) che si preparano sostituiscono un po' il cannellone classico e diventano praticamente un involucro contenente un ripieno, che viene  posizionato in teglie e irrorato di besciamella e sugo.

In questo caso il piatto è scomposto, nel senso che è separato, cotto separatamente e composto all'ultimo momento. L'idea è di offrire un primo piatto certamente sostanzioso, ma meno compatto e almeno nella forma più leggero.

Una passatina di pomodori freschi e non, l'aggiunta di pomodori ramati concassé, la crepe ai formaggi e bietole al centro della passatina formano il primo piatto del menù di Natale.

Non appena la forchetta spinge sulla crepe, il formaggio scivola sul pomodoro, la crepe s'impregna dei due sapori e l'insieme risulta gradevole.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 8 persone

 

Impasto per crepe

 

4        uova intere

4        cucchiai colmi di farina 00

300   cc di latte

1        noce di burro per la cottura

1        pizzico di sale

 

 

1,5 kg di pomodori ramati

2          scatole di pelati

2          scalogni 

1          cucchiaino di zucchero

            olio extravergine d'oliva, sale, pepe e peperoncino q.b.

 

1,5 kg di ricotta

150 gr di Parmigiano reggiano

150 gr di Fontina grattugiata 

  80 gr di Pecorino

300 gr di bietole cotte  (quindi almeno 1 kg crude)

     1      spicchio d'aglio

     1      grattugiatina di noce moscata

 

 

Procedimento per le crepes

 

In una bacinella a bordi alti, rompere le uova intere e sbatterle leggermente con un pizzico di sale.

In un'altra bacinella a bordi alti, amalgamare la farina al latte usando una frusta per evitare la formazione di grumi.

Non appena la pastella si uniformerà, aggiungere le uova sbattute e sempre usando la frusta, mischiare i due elementi.

Coprire con pellicola trasparente e mettere in frigorifero a riposare per almeno un'ora.

 

 

Riprendere l'impasto e scaldare un padellino antiaderente leggermente imburrato, versarvi un mestolino di composto e con la rotazione del polso, ruotare il tegamino affinche la pastella si distenda su tutta la superficie dello stesso.

Cuocere a fuoco moderato la crespella, prima da un lato e poi dall'altro. La cottura richiede pochi minuti per parte. In ogni caso ci si accorge che un lato è pronto, non appena si forma una leggera crosticina al bordo.

Togliere la crespella cotta e adagiarla su carta da forno. Procedere allo stesso modo fino ad esaurimento pastella, intervallando un pezzettino di carta da forno fra ogni crespella cotta, al fine di evitare l'incollamento di ciascuna.

 

Preparare il ripieno facendo cuocere le bietole direttamente in pentola (naturalmente previo accurato lavaggio). Rosolare aglio e olio, versarvi le bietole, salare subito e coprire con coperchio, pochi minuti e tutto sarà pronto.

Farle asciugare completamente dalla loro acqua e disporle su di un piatto grande affinchè raffreddino.

 

In una bacinella versare la ricotta e i formaggi grattugiati, regolare di sale, pepe, noce moscata e poi aggiungere poco per volta le bietole tagliuzzate a forbice.  Il ripieno non dovrà essere verde, bensì puntinato di verde.

Riprendere le crepe e farcirle con il ripieno, un cucchiaio abbondante per ciascuna. Richiudere i bordi laterali sul ripieno e poi quelli frontali.  Formare un quadratino che predisporrete su carta da forno su di una teglia da forno.

Imburrate con un fiocchetto di burro fresco ogni singola porzione e tenete in fresco fino al momento dell'uso.

 

Prepare la passatina come segue.

Far bollire dell'acqua nella quale immergerete i pomodori ramati precedentemente incisi. Lasciateli 3 minuti e poi scolateli e passateli in acqua fredda. Distaccate la buccia ed i semi e tagliateli a piccoli quadratini.

In una pentola a bordi bassi, versate l'olio, lo scalogno tritato, fate rosolare e aggiungete i pelati più metà dei pomodori freschi. Regolate di sale, pepe e peperoncino e volendo aggiungete un cucchiaino di zucchero.

Lasciate cuocere per 20 minuti, poi frullate il tutto e passatelo al chinoise.

 

Scaldate il forno a 180° e infornate le crespelle per circa 8 minuti, il tempo che il burro si sciolga ed il loro contenuto si scaldi.

Disponete sui piatti di portata la passatina di pomodoro bollente ed al suo centro una o due crespelle a commensale. Decorate con i quadratini di pomodoro fresco e servite caldissimo.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Pasta
scrivi un commento
26 dicembre 2011 1 26 /12 /dicembre /2011 20:40

 

Stuzzichini-salati 6951

 

 

Prima di parlare della ricetta, presento di seguito il menù del nostro Natale.

I piatti eseguiti saranno pubblicati via, via, uno al giorno nei prossimi giorni.

Il pranzo di Natale è una questione di famiglia e cerco quindi di coinvolgere anche gli altri nella scelta delle vivande, ma ribadendo il fatto che adoriamo mangiare, ma con un certo equilibrio e che nessuno di noi apprezza lo stare a tavola per 6 ore o più, il nostro menù potrebbe sembrare "minimal" se si considerano le mille portate che offrono ristoranti, ma anche mamme, zie, zii e nonni.

Un antipasto, un primo, un secondo con contorno e dolce secondo noi sono sufficienti e danno modo di gustare ciò che si è preparato dall'inizio alla fine.

 

Ecco il menù:

 

 

 

Natale 2011

 

*

 

Strudel di pasta fillo alle verdure su vellutata di zucca

24.12.2011

**

 

 

Crèpes ai formaggi e bietole con passatina di pomodoro

24.12.2011

 

 

***

                                     Costine alla senape e……

 

                                                                             03.11.2011

*****

 

Patate al forno con crema allo yogurt

25.12.2011

 

Insalata d’inverno con crauti, mele e castagne

25.12.2011

 

 

**********

Biscotti di Natale

**********************

                                                                                                    ***

                                                                                                    ***

                                                                                                    ***

                                                                                                    ***

 

 

Le date sotto i titoli dei piatti indicano appunto la data di esecuzione. L'unico piatto già proposto sul blog è quello delle Costine alla senape, pubblicato il 3.11.2011. 

 

Di seguito la ricetta

 

Ingredienti per 8 persone

 

2        confezioni di pasta fillo

2        zucchine grandi

3        carote grandi

2        spicchi d'aglio

500   gr di asparagi

600   gr di zucca Mantovana

200   cc di panna fresca

150   gr di burro

2        cucchiai di soffritto misto

1        foglia di alloro

          olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

 

 

Lavate le zucchine e tagliatele a tagliatelle con l'ausilio di un pelapatate. Fate lo stesso con le carote.

In una padella antiaderente scaldate l'olio e l'aglio, versatevi metà quantitativo di zucchine e metà di carote. Fate insaporire prima da un lato e poi usando solo la padella e non cucchiai o mestoli per evitare di rompere le tagliatelle, fate saltare le verdure un paio di volte affinchè si rosolino anche sull'altro lato.

Dopo 5 minuti, salate, risaltate per l'ultima volta e scolate le verdure su di un piatto di servizio per raffreddarle.

Eseguite la stessa operazione con il restante quantitativo delle verdure.

 

In una pentola a bordi alti, fate bollire dell'acqua calda leggermente salata. Nel frattempo, pulite gli asparagi togliendo i filamenti del gambo e l'estremità dello stesso, in quanto legnoso.

Tuffateli nell'acqua bollente e cuoceteli per 8 minuti.  Scolateli e passateli sotto acqua fredda. Asciugateli e tagliateli a metà per il senso della lunghezza, come in foto.

Riprendete la pentola antiaderente, scaldatevi dell'olio e uno spicchio d'aglio, dopodichè versatevi gli asparagi. Il tempo di saltarli una sola volta, salarli e peparli e dovrete già toglierli dal fuoco.  Scolateli su di un piatto di servizio e lasciateli raffreddare.

 

In una pentola a bordi alti fate soffriggere in un poco d'olio le verdurine del soffritto misto e cioè carota, cipolla e sedano. Aggiungete la zucca, rigorosamente pulita da filamenti e buccia. Lasciate insaporire e poi copritela con acqua calda, salate e pepate e lasciate cuocere fino a che la zucca non si spappoli e diventi una crema.

A questo punto passatela utilizzando un frullatore ad immersione e tenetela da parte.

 

Prendete la pasta fillo e stendete il primo foglio su di un foglio di carta da forno.

Spennellate l'intera supercifie del primo foglio di pasta fillo con burro fuso e poi sovrapponete un secondo foglio di pasta fillo.  Ripetete l'operazione d'imburramento e poi ricoprite con un terzo foglio di carta fillo.

Dividete il rettangolo di pasta in due rettangoli più piccoli.  Distribuite su ciascuno di loro una discreta quantità di zucchine e carote, nonchè due o tre metà di asparagi.

Chiudete gli strudel, avvolgendo la pasta dei lati sulle verdure e poi il lato inferiore, che verrà sovrapposto da quello superiore.

Capovolgeteli e posizionateli su carta da forno su di una placca da forno.  Spennellateli anche fuori con il burro ed infornate a 220° per 10 minuti, ed in ogni caso, non appena vedrete che la pasta acquisterà un bel colore dorato.

 

A 3 minuti dalla fine della cottura degli strudel, riprendete la crema di zucca, aggiungetevi almeno 100 cc di panna, riscaldate e regolate di sale e pepe.  Nel caso in cui dovesse risultare troppo densa, aggiungete la panna restante.

Non appena la crema si rapprende un pochino, versatene un mestolo al centro del piatto di portata, posizionatevi sopra lo strudel e decorate con punte di asparagi e turbantini di zucchine e carote.

 

ENJOY !

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Stuzzichini salati
scrivi un commento
24 dicembre 2011 6 24 /12 /dicembre /2011 21:27

110827200036-6070.jpg

 

 

Trovo questo dipinto strepitoso e non è l'unico dei quadri di Giovanni Segantini che mi colpiscono, anzi per la verità gran parte della sua produzione è per me attraente.

Il quadro raffigurato ha come titolo :

 

L'angelo della vita

1896
Matita dura su carta, cm 59,5x43
St.Moritz, Museo Segantin

 

 

niente di più appropriato per una notte come quella di oggi.

 

 Buon Natale

Bettaroberta

 

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Dipinti
scrivi un commento
23 dicembre 2011 5 23 /12 /dicembre /2011 20:37

 

 

Piatti-di-carne 6943

 

 

Prima di un grande pranzo, meglio stare leggeri e perchè non approffittare di un polletto lessato in un brodo aromatizzato, lasciato raffreddare e servito con un'insalatina invernale cioè con arance e noci?

Detto, fatto!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

2  petti di pollo interi

3  arance

1  busta di insalatina misticanza

10 noci

 1 succo di un'arancia

    sale, pepe, olio extravergine q.b.

1  goccino di salsa Worcestershire

    qualche goccia di aceto Balsamico qua e là

 

 

per il brodo

 

1   cipolla dorata

1   foglia di alloro

1   carota

1   costa di sedano

1   foglia di alloro

     2-3 pezzetti di scorza di limone, tagliata con il pelapatate

100 cc di vino bianco secco

3-4  grani di pepe

 

Procedimento

 

Preparare il brodo nel modo consueto e cioè tostando la cipolla dorata tagliata a metà in un tegamino antiaderente.

Immergendola in una pentola piena d'acqua e di carota, sedano, alloro, buccia di limone, vino bianco e grani di pepe.

Portare al bollore ed immergervi i petti di pollo tagliati a metà (quindi 4 pezzi).  Lasciarli cuocere per 40 minuti.

Poi spegnere il brodo e rimuovere il pollo in una bacinella separata e farlo raffreddare per almeno un paio d'ore.

 

Riprendere il pollo e tagliarlo a fette, disporle sul piatto di portata, decorare con ciuffetti d'insalata e gherigli di noci.

Sbucciare le arance a vivo e adagiarle accanto all'insalata.

In un vasetto di vetro con coperchio,  versare 3 cucchiai di succo d'arancia, 1 cucchiaino di salsa Worcestershire, 3 cucchiai di olio, sale e pepe.

Chiudere con il coperchio e shakerare per ottenere una agrumette (non è vinaigrette perchè non c'è l'aceto, non è citronette perchè non c'è il limone, non si può proprio dire orangette e quindi agrumette).

Distribuirla a filo sul pollo e sull'insalata e servire.

 

ENJOY!

Repost 0
Published by Bettaroberta - in Carne
scrivi un commento

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

 

 

 

    

 

    

 

     

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2017

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca