750 grammes
Tutti i nostri blog di cucina Segui questo blog Administration + Create my blog
12 ottobre 2012 5 12 /10 /ottobre /2012 14:24

Zuppe 0780

 

 

Cinque minuti, facciamo otto, sono il tempo che ci vuole per fare i passatelli - brodo permettendo - (meglio farlo il giorno prima). Sono facilissimi e sostanziosi, un piatto povero arricchito dal brodo di carne e qualche spezia non contemplata, ma come fare altrimenti, la tentazione di sperimentare è sempre in agguato.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 3-4 persone

 

3     cucchiai rasi di pane grattugiato fine

1     cucchiaio e mezzo di farina 00

1     cucchiaio e mezzo di parmigiano reggiano

1     buccia grattugiata di un limone

1     punta di cucchiaino di cannella

1     punta di cucchiaino di zenzero

1     punta di cucchiaino di noce moscata

1     pizzico di rosmarino e menta in polvere

       sale e pepe q.b.

 

 

Il Brodo  : 

 

Ingredienti per 4 litri di brodo

 

2      carote

2      cipolle dorate

2      foglie di alloro

2      pomodorini ciliegia

500 gr di carne di manzo tipo "Muscolo"

500 gr di carne di manzo tipo "Biancostato"

1     Osso con midollo e nervetti

4      litri d’acqua

1      ciuffetto di finocchio (barbetta prelevata da un finocchio fresco)

2      grani di pepe nero

150 cc di vino bianco

 

Procedimento

 

Pulire le carote dalla loro pellicina esterna.  Tenere da parte

Tagliare  le cipolle a metà nel senso della larghezza. Predisporre sul fuoco una padella antiaderente e farla scaldare senza alcun grasso. Quando ustionante, appoggiarvi le cipolle con la metà piangente disposta sulla padella. Lasciate che si colorino e s'insaporiscano.  Attenzione a non bruciarle e farle diventare nere.  Devono solo abbrustolire un poco.

Mettere nella pentola le carote, le cipolle tostate, l'alloro, i pomodorini ciliegia tagliati a metà, il ciuffetto di finocchio, il pepe in grani e la carne.
Portare la pentola sul fuoco a fiamma vivace, coperta, fino a quando l'acqua bolle.

Schiumare (cioè rimuovere la schiuma formatasi) il brodo ed aggiungere il vino.  Abbassare la fiamma al minimo e lasciar sobbollire  per 3 ore, fino a che la carne non sia del tutto cotta.

Al termine, togliere la carne e passare il brodo al chinoise.   Riporre il brodo in frigorifero, in una bacinella di ceramica e lasciarvelo almeno per una notte.

Al mattino successivo, il freddo del frigorifero avrà favorito la coagulazione del grasso in superficie, facilitandone la rimozione.

 

Passatelli :

 

In un'insalatiera versare il pane, la farina, il parmigiano grattugiato, le spezie, la buccia del limone e l'uovo intero con un quarto di guscio d'acqua. Impastate, il composto dovrà risultare morbido ma compatto.

 

Ponete a bollire il brodo, salatelo e non appena bolle, abbassate la fiamma.  Prendete il composto per i passatelli e passateli sulla grattugia a maglie larghissime    grattugia.jpg e non appena verranno a galla saranno pronti.

Disponeteli in piatti caldi, spolverate ancora con pepe e parmigiano e ....

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0
10 ottobre 2012 3 10 /10 /ottobre /2012 15:40

Torte-salate 0774-copia-1

 

 

Ultimi raggi di sole nel piatto, perchè il basilico nei vasi sul balcone incomincia ad ingiallire. L'ho colto, lavato e messo nel freezer per uso futuro, ma gran parte di esso è stato utilizzato in questa tarte al formaggio e pomodori secchi .  Uno spuntino, se azzannata così com'è,  un pasto serale se accompagnata da un'insalata di fagiolini verdissimi.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 tarte rettangolare

28 cm x 20 cm .

 

1         rotolo di pasta sfoglia

3         uova

1         mozzarella

50gr   di Emmental grattugiato

50gr   di Parmigiano reggiano grattugiato

100cc di panna fresca

20       foglie di basilico fresco

6         pomodori disidratati

1         pizzico di origano

            sale e pepe.

 

Procedimento

 

Sbattete in un'insalatiera le uova con i formaggi grattugiati e la panna.  Salate e pepate.  Sminuzzate la mozzarella in minimi termini e aggiungetela al composto insieme al basilico e ai pomodori tagliati a julienne.

Rivestite una teglia d'alluminio con carta da forno. Adagiatevi la pasta sfoglia, bucherellatela e versate il vostro composto. Spolverizzate con origano secco (se l'avete fresco, meglio ancora)

Infornate in forno caldo a 180° per circa  25 minuti, il tempo che l'impasto si gonfi e dori.

Lasciate intiepidire un poco e poi....

 

 

ENJOY !

Condividi post
Repost0
8 ottobre 2012 1 08 /10 /ottobre /2012 16:41

Torte-dolci 0767

 

 

E diciamolo, suvvia, il lunedì non è proprio un giorno simpaticissimo, vah! Sennonché oggi è la festa del patrono nella mia città; giostre, zucchero filato, un sole autunnale e un'arietta già profumata di castagne l'hanno reso un giorno migliore.

Sebbene la torta dell'odierna festa  sia la mitica "torta di latte", peraltro già pubblicata nel blog, oggi deviazione sul tema e finalmente una tortina che è semplice ma deliziosa, soprattutto per i golosi di cioccolato.

Una frolla friabile, un cioccolato nero, nero e qualche nocciola .....

 

La ricetta

 

Ingredienti per 1 tortina diametro 18-20 cm

 

Pasta frolla 

300  gr di farina 00

150  gr di zucchero

150  gr di burro

2  tuorli

1  bustina di vanillina o essenza di vaniglia

buccia di limone grattugiata

 

Crema al cioccolato

 

200 gr di cioccolato fondente

  80 gr di panna fresca

    1 cucchiaio di marmellata di albicocche (oppure 1 cucchiaio di miele)

    1 noce di burro

 

200 gr di nocciole

 

Procedimento

 

Impastare la farina con lo zucchero, la vanillina, la buccia di limone grattugiata ed il burro fino ad ottenere un'insieme che abbia l'apparenza e la consistenza della sabbia (pasta sabbiata "sablée").  Aggiungere i tuorli sbattuti e lavorare velocemente per evitare che la pasta si scaldi troppo.  Formare una palla ed avvolgerla in pellicola trasparente. Riporre in frigorifero per almeno  30' minuti

Riprendere la frolla, stenderla abbastanza sottile e rivestire una teglia da 18 cm.  Mettere in forno a 180° fino a che la frolla non risulti ben dorata, quasi marroncina.  Sfornare e lasciare raffreddare

 

Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e mescolarlo frequentemente; non appena abbia raggiunto una buona densità e scioglievolezza, aggiungere un cucchiaio di marmellata di albicocche, ben frullata affinchè si sciolga per bene e non lasci grumi, oppure un cucchiaio di miele. Versare poco per volta la panna e mescolare con una frusta fino ad ottenre una crema liscia e lucida.  Lasciar intiepidire, mescolando ogni tanto.

 

Riprendere la frolla e farcirla con la crema. Mettere in frigorifero per almeno 1 ora. La crema dovrà rassodarsi (tipo la Nutella quando rimane in frigor).

Decorare a piacere con nocciole semplici o tostate.

 

ENJOY !

 

Condividi post
Repost0
6 ottobre 2012 6 06 /10 /ottobre /2012 13:06

Piatti-con-verdure 0548

 

 

 

 

Patate al cartoccio, formaggio, speck e verze, ma non siamo in Trentino!  Eppure, ogni tanto mi prende la speck-mania e il profumo dell'affumicato insieme al formaggio fuso, diventa proprio irresistbile, se poi viene accoppiato ad una semplice patata al forno, beh allora parliamo proprio di cibo da re, almeno per me!

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

4        patate grandi -

200   gr di speck

200   gr di formaggio tipo bitto

50     gr di parmigiano grattugiato

50     gr di burro

4       foglie di salvia

4       spicchi d'aglio

2       verze

         olio extravergine d'oliva sale e pepe.

 

Procedimento.

 

Pulite le verze, tagliatele in quarti, togliete la parte centrale legnosa e bollitele per 15 minuti in acqua bollente leggermente salata.  Scolatele, raffreddatele sotto acqua corrente, strizzatele e tagliatele a striscioline. Tenete da parte

 

Lavate le patate, asciugatele ed avvolgetele in carta alluminio. Ponetele in forno caldo a 220° gradi per 1 ora  abbondante. Trascorso questo tempo, controllate con uno stecchino, senza aprire il cartoccio, se la patata sia cotta. Nel caso contrario, proseguite la cottura per altri 15 minuti.  Lasciate le patate al caldo nel forno, fino al momento dell'uso.

 

Riprendete le verze; rosolatele in olio extravergine d'oliva e aglio. Salatele e regolate di pepe.

In una pentola a parte, sciogliete il burro con la salvia, 2 spicchi d'aglio e lo speck a striscioline. Fate insaporire il tutto e versate l'insieme sulle verze. Riscaldate le verze ora condite con lo speck, aggiungete il formaggio a dadini, lasciatelo sciogliere, spolverate con il parmigiano, aprite il cartoccio, tagliate la patata a metà e conditela con la verdura saporita. 

Mangiate immediatamente affinchè il formaggio rimanga filante e morbido.

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0
4 ottobre 2012 4 04 /10 /ottobre /2012 14:03

Piatti-di-carne 0538

 

Avete presente quando nel frigorifero avete un sacco di pezzettini disuguali di formaggi vari, poca carne e diverse persone da sfamare? Si, vero! Ebbene un pasticcio di carne con rinforzo è quello che ci vuole per far fuori gli avanzi e far contenti gli ospiti. 

"Rinforzo" perché essendo gli ingredienti di base minimi, bisogna dare gusto e vigore e quindi usare un po' di peperoncino, pomodori, e pane grattugiato aromatizzato per la crosticina.

Uno spettacolo per l'olfatto e ancora meglio per il gusto!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 6 persone (non troppo golose)

 

400 gr di carne trita di vitello

2      cucchiai di soffritto misto

2      spicchi d'aglio

4      fette di pane in cassetta

1      goccino di latte o acqua

250 gr di formaggi misti: mozzarella, scamorza affumicata, asiago...(quello che avete in frigorifero)

100 gr di ricotta fresca

100 gr di prosciutto cotto

50   gr di parmigiano grattugiato

1     scatola di pomodori pelati

30   gr di pane grattugiato

10   foglie di basilico

1     cucchiaino di origano

       olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

1     punta di harissa o peperoncino a piacere

 

Procedimento

 

Tagliate tutti i formaggi a pezzettini, se usate la mozzarella lasciatela scolare un pochino.

Ammorbidite il pane con un goccino di latte, mettetelo nel mixer insieme alla ricotta, una parte di parmigiano, sale, pepe e basilico. Mixate il tutto e tenete da parte.

In una pentola antiaderente, scaldate l'olio con il soffritto e il basilico. Aggiungete la carne trita, salate e pepate e lasciate insaporire per 5' minuti. Toglietela dalla pentola, versatela in un'insalatiera e mischiate con l'impasto di pane e formaggio. 

Preparate un sugo di pomodoro, soffriggendo aglio, soffritto misto, basilico e harissa. Cuocete velocemente e tenete da parte.

In una tortiera da 20 cm di diametro, ricoperta da carta da forno,  stendete una cucchiaiata abbondante di sugo, poi l'impasto di carne, il formaggio a dadini, il prosciutto. Ripartite poi con un nuovo strato di carne, sugo e formaggio a dadini. Spolverate di pane grattugiato rinforzato con parmigiano, origano, pepe.

Infornate a 220° gradi per 15 minuti, il tempo che tutto si dori e emani un profumo meraviglioso.

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0
2 ottobre 2012 2 02 /10 /ottobre /2012 14:35

Pane-pizze-focacce 0463

 

 

 

La bruschetta è un'opera d'arte, non dico quella rappresentata nella foto, bensì proprio la semplice bruschetta composta da pane sciapo toscano, oio, aio e un pizzico di sale.  E' un'opera d'arte perchè Mario, sempre Mario, la preparava di mattino verso le 9.00.  Prendeva il suo filone di pane enorme con una crosta dura, dura, perchè già cotto da un paio di giorni, tagliava delle fette, che agli occhi di una bambina, sembravano quelle adatte ad una bocca gigantesca.  Mario, poi andava da basso, nella tavernetta scura e un po' trascurata, dove c'era un camino ormai annerito dal tanto lavoro.  Infilzava il pane sulla punta di un coltello e si metteva davanti alla brace ad arrostirlo. L'operazione richiedeva del tempo e per non farci annoiare ci raccontava qualche storiella.

Non appena il pane aveva preso quel colore  dorato, Mario l'appoggiava sulla graticola e preparava un piatto fondo nel quale versava l'"oio" (olio extravergine d'oliva) suo, quello che aveva ottenuto dai suoi ulivi, in campagna. Era verde, quell'olio, profumato, un poco asprigno. Mario prendeva il pane e con le sue manone lo sfregava allegramente con uno spicchio d'aglio, lo inzuppava nell'oio, prima da un lato e poi dall'altro, un pizzichino di sale e ce l'offriva. Sebbene per me l'aglio fosse una "scoperta" alle 9.00 del mattino, le sue bruschette erano buonissime e una non bastava. Ne avremmo mangiate a iosa, ma due pezzi erano la dose consigliata.  Non si poteva disubbidere e si ringraziava con l'acquolina in bocca.

Un ricordo di un'Umbria che mi manca un po'!

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

8    fette di pane toscano senza sale

1    spicchietto d'aglio

2    formaggi caprini spalmabili

1    fascio di asparagi

10  pomodorini ciliegia

5    pomodorini essiccati

      basilico a foglie

10 olive nere tostate

      olio extravergine d'oliva, sale e pepe q.b.

1    paio di gocce di aceto balsamico

 

 

Procedimento

 

Pulire gli asparagi e lessarli in abbondante acqua leggermente salata per 7-8 minuti. Scolarli e raffreddarli in acqua freddissima. Scolarli nuovamente e tenere da parte.

In un'insalatiera tagliare i pomodorini in quarti, denocciolare le olive e tagliarle a pezzetti, aggiungerle ai pomodori insieme alle foglie di basilico, pomodori essiccati e tagliati a pezzettini. Condire con abbondante olio extravergine d'oliva, sale e pepe. Aggiungere i gambi degli asparagi tagliati a rondelle. Rimescolare e tenere da parte.

 

Tostare il pane affinchè sia ben colorito e non bruciato. Strofinarlo con un poco d'aglio, spalmare un paio di cucchiaini di caprino e coprirlo con un abbondante cucchiaiata d'insalata di pomodori e asparagi. Decorare con le punte di quest'ultimi e spruzzare un paio di gocce di aceto balsamico di contrasto.

 

ENJOY !

Condividi post
Repost0
30 settembre 2012 7 30 /09 /settembre /2012 11:32

Torte-dolci 0452

 

Non ci si deve sentire in colpa a priori, lo dico in anticipo, perchè questa NON è decisamente una ricetta da dieta!

E' un pochetto calorica, ma è buuuooonaaaa! Che cosa ci posso fare se la maggior parte delle cose buone, in teoria non si dovrebbero mangiare? 

Allora adotto questa regola :  1 fetta di sbrisolona a colazione e niente carboidrati e grassi per il resto della giornata. Solo verdura e carne ai ferri, così la gola e la dieta :) possono andare d'accordo, almeno per 1 giorno, la Domenica.

 

 

La ricetta

 

Ingredienti per 2 sbrisolone come foto

 

200 gr di farina 00

150 gr di farina di mais fioretto (quella fine, fine)

200 gr di burro

200 gr di zucchero

2          tuorli d'uovo

200 gr tra mandorle e pinoli

1          paio di gocce di essenze di vaniglia, limone e arancia.

5     gr di lievito vanigliato

1     cucchiaio di zucchero di canna

1     pochino di cannella

 

 

Procedimento

 

Miscelare le farine e il lievito. Tritare le mandorle e farle dorare sotto il grill del forno. Aggiungerle alle farine insieme allo zucchero, pinoli e burro freddo. Impastare e formare una pasta sablé (tipo sabbia) aggiungere i tuorli e continuare a tenere l'impasto diviso, non formate la solita palla di pasta.

Preparate due tortiere da 20 cm di diametro, ricoperte di carta da forno, stendete l'impasto granuloso, spolverate con zucchero di canna e cannella.

Infornate a 180° gradi per 6-8 minuti, poi abbassate il forno a 130° e cuocete per altri 35 minuti.

Sfornate e lasciate raffreddare.

Servite a piacere con yogurt fresco, fruttini di bosco.

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0
28 settembre 2012 5 28 /09 /settembre /2012 05:52

Piatti-di-carne 0429

 

 

 

Non appena si apre la crosticina di pasta brisée, si è invasi dal vapore profumato dello stufato di manzo che invita davvero all'assaggio.  Difficile non assaporare un boccone di carne con le verdure e il pane fatto con una brisée delicata e friabile.  E' un altro comfort food che va cucinato ogni qual volta il tempo atmosferico non è granchè, garantisco che il sole riappare.

 

La ricetta

 

Ingredienti per 3 persone

 

700 gr di bocconcini-spezzatino di manzo

6           cipollotti di Tropea

500 gr di carote

5           patate

200  cc di vino rosso da tavola

1       cucchiaio di soffritto misto

1       spicchio d'aglio

1       chiodo di garofano

1       foglia di alloro

1       rametto di salvia e rosmarino

         olio extravergine d'oliva, sale e pepe

1       cucchiaino di bacche miste (ginepro, pepe rosa...)

200  cc di acqua calda

1       pochino di farina 00 per spolverare la carne

 

Pasta brisée per la quale vi occorrono

 

300  gr di farina 00

150  gr di burro

              acqua fredda q.b.

1       uovo per spennellare

 

Procedimento

 

Mettete nel mixer la farina ed il burro freddo. Impastate velocemente per formare una pasta sablée (come la sabbia) aggiungete poca acqua per volta, sempre con il mixer in funzione. Non appena vedrete formarsi una palla consistente e liscia, fermate il mixer, togliete l'impasto e mettetelo in frigorifero per almeno 30 minuti, meglio se di più-.

 

In una pentola a bordi alti versare l'olio, il soffritto, gli odori e lasciar rosolare.  A parte preparare la carne regolando i bocconcini. Spolverateli con un pochino di farina e aggiungeteli al soffritto.  Fateli dorare su tutti i lati a fuoco vivace, poi irrorateli con il vino.  Riportate al bollore e fate cuocere per 30 minuti. Nel frattempo sbucciate le verdure: carote, patate e cipollotti. Tagliateli a pezzi e aggiungeteli al manzo.  Mescolate, versate l'acqua tiepida a copertura degli ingredienti, salate e pepate. Cuocete per almeno altri 30  minuti. Controllate la carne, assaggiandola, se tenera è cotta.

Distribuite lo stufato in cocotte singole, oppure in un'unica cocotte da portata. Riprendete la brisée, lasciata in frigorifero, e ricavatene dei dischetti. Posatene due sopra ad ogni cocotte. Decorateli incidendo nella pasta dei motivi a foglie o fiori.  Spennellate la superficie con un uovo sbattuto con un pochino d'acqua. Infornate a 200° per almeno 10-15 minuti, il tempo che la pasta si colori.

Servite immediatamente e attenti a non scottarvi. 

Enjoy !

 

 

 

 

Condividi post
Repost0
26 settembre 2012 3 26 /09 /settembre /2012 07:17

Torte-dolci 0433

 

 

 

 

Nudo e crudo, senza fronzoli, niente zucchero a velo, niente di niente perchè è buono così.

Ultimamente, tendo a semplificare il più possibile e a non sofisticare più del dovuto, insomma oggi mi gira così.

E' un pane leggero, leggero che si scioglie in bocca, molto nutriente perchè le noci danno un notevole apporto calorico, non è grasso perchè di burro ce n'è giusto un pochetto.

Inoltre è un ricordo da "emigrante" nel senso che da ragazza, in Germania, era, insieme ad una caldissima tazza di tea,  la mia merenda-cena preferita.

 

La ricetta

 

 

Ingredienti per 1 pane

 

130 gr di noci tritate

150 gr di farina 00

2          uova

130 gr di ricotta

  70 gr di yogurt greco

  50 gr di burro

200 gr di zucchero semolato

1     cucchiaino di cacao amaro

1     punta di cucchiaino di caffè solubile

15  mi di Baileys

1    bustina di lievito chimico

      gocce di essenza di vaniglia

 

 

Procedimento

 

Tritate le noci con un cucchiaio di zucchero, miscelatele alla farina setacciata con il lievito, il  cacao e il caffé.

In una terrina, sbattete le uova con lo zucchero fino a farle diventare una crema, aggiungete poi gli aromi, lo yogurt e la ricotta, nonchè il burro ammorbidito.  Miscelate con cura e rendete l'impasto fluido.

Aggiungete ora, poco per volta, la farina, impastate con energia con l'ausilio di una frusta elettrica.

Imburrate e infarinate uno stampo da plum-cake, versatevi la torta e infornate a 180° per circa 40 minuti.

Sfornate e togliete dallo stampo per raffreddare il pan di noci.

Volendo potete spolverarlo a piacere con dello zucchero a velo, oppure con uno strato di noci tritate leggermente caramellate. A voi la scelta.

 

ENJOY !

Condividi post
Repost0
24 settembre 2012 1 24 /09 /settembre /2012 08:52

 

Paste-asciutte 0331

 

Le vacanze degli altri mi interessano, non solo per il gusto di conoscere la meta ambita, ma soprattutto perchè spesso possono essere una possibilità per me di reperire attrezzi, informazioni e ricette di vario genere.

E' successo con la "chitara" . Era da molto che desideravo acquistare questo prodotto, ma per una serie di motivi e di itinerari distanti dall'Abruzzo, favolosa terra, non riuscivo a reperirla.

Lo scorso Agosto, Fabrizio, si è recato lì, quindi per tempo gli ho richiesto di effettuare per mio conto la ricerca dell'attrezzo.

Dopo varie peripezie, una gentilissima signora del luogo, l'ha comprata per me, e Fabrizio, me l'ha portata.

Sono peggio dei bambini! Ogni qualvolta ricevo un attrezzo per la cucina è come se mi portassero l'ultimo modello della Barbie o che né so dell'ultimo Robot-Dinosauro in voga.

L'ho provata ieri e sinceramente è stato molto divertente e anche abbastanza facile,sebbene non abbia mai "sonato" prima d'ora.

L'attrezzo è semplice e ve lo mostro qui sotto

 

 

 

Paste-asciutte 0337

 

si tratta di un telaio in legno a due lati: il primo ha delle corde di nylon distanziate fra loro di circa 3 cm con le quali ricavare i maccaroni; sul lato B, le corde sono molto più vicine ed in questo caso, si possono ottenere dei tagliolini finissimi. Basta preparare un impasto base, e dopo il riposo necessario stenderlo sulla "chitara" premere sopra di essa con l'aiuto di un mattarello e il gioco è fatto. I maccaroni scendono da soli !

 

La ricetta

 

Ingredienti per 4 persone

 

4         uova

400gr di farina di semola di grano duro

1          pochino d'acqua (a seconda della grandezza delle vs. uova)

 

1          tubetto e mezzo di doppio concentrato di pomodoro

7          acciughe sott'olio

1          cucchiaino di capperi

1          cucchiaio di cipolla tritata finissima

             olio extravergine d'oliva, sale, pepe, peperoncino

1           goccino d'acqua calda

300      gr di pane grattugiato

 

 

Procedimento

 

Impastare la farina di semola con le uova ed eventualmente se l'impasto risultasse asciutto, aggiungere man, mano un goccino di acqua tiepida.  Lasciarlo riposare per almeno 30 minuti.  Stendere delle sfoglie pari alla lunghezza della "chitara" posarle su di essa e passare ripetutamente il mattarello.  Otterrete in questo modo i maccaroni. Infarinateli leggermente con farina di semola, dividendoli, affinchè non si attacchino fra loro e lasciate che si asciughino un pochino.

Nel frattempo, preparate il sugo. In una padella capiente, rosolate lentamente la cipolla in abbondante olio extravergine d'oliva.  Aggiungete le acciughe ed i capperi.  Schiacciate le acciughe con i rebbi di una forchetta, ottenendo una salsina amalgamata.  Versate ora il concentrato di pomodoro. Miscelate gli ingredienti con cura e incorporate un goccino d'acqua calda. Regolate di sale, pepe e peperoncino.  Cuocete brevemente, giusto il tempo di far insaporire il concentrato.

Separatamente, scaldate in una padella antiaderente un filo d'olio extravergine, aggiungetevi il pane grattugiato e fatelo tostare fino a renderlo ben colorito e croccante.

Cuocete al dente la pasta in abbondante acqua bollente e leggermente salata. Scolatela, tenendo da parte un mestolo dell'acqua di cottura. Versatela nella padella con il sugo e fatela saltare.  Conditela ora con una spolverata di pan grattato tostato, il resto portatelo in tavola in una ciotolina affinchè ogni commensale ne possa usufruire a piacere.

 

ENJOY!

Condividi post
Repost0

Presentazione

  • : foodforfun.over-blog.it
  • : Per giocare con il cibo e trasformare gli alimenti in qualcosa di goloso... ma non solo cibo, talvolta fiori, talaltra libri, curiosando qua e là.
  • Contatti

Traduttori

 

Ricerca

EXPO 2015

01_Cover_Logo_1280x400_OK.jpg

foodforfun.over-blog.it

Norme - Copyright © 2021

QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITA' . PERTANTO NON PUO' CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 07/03/2001  

FOODFORFUN.OVER-BLOG.IT  By BettaRoberta Cecconi - All rights reserved

 

 

 

  

 

 

 

indicizzazione motori ricerca